febbraio 15, 2019

Vuoto diplomatico del Venezuela in Italia?



Vuoto diplomatico del Venezuela in Italia?

In base alla risoluzione del governo italiano esposta in Parlamento il 12 febbraio,  sebbene non si sia riconosciuto Juan Guaidó come presidente ad interim del Venezuela, ma si è riconosciuta la legittimità dell’Assemblea Nazionale da lui presieduta, sottolineando che occorrono nuove elezioni dal momento che Nicolás Maduro non è più il Capo di Stato, la domanda sorge spontanea:  “esiste un vuoto diplomatico del Venezuela in Italia?” Non sarebbe logico che gli ex diplomatici, dell’ex governo di Maduro non abbiano più determinate credenziali in Italia?
Il Venezuela di fatto non è più rappresentato dagli ex diplomatici di Maduro. Una dichiarazione in merito si rende necessaria, anche da parte degli ex diplomatici che, dovrebbero perdere immediatamente le loro credenziali di rappresentanza diplomatica o per lo meno dissociarsi ufficialmente dall’ex governo di Maduro.
[Articolo aggiornato alle ore 12,46 del 12 febbraio 2019.
La linea, alla fine, la illustra al Senato il titolare della Farnesina, competente in materia. Il governo italiano "ritiene che le elezioni presidenziali dello scorso maggio in Venezuela non attribuiscono legittimità democratica a chi ne è uscito vincitore, cioè Nicolas Maduro", scandisce il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, in una comunicazione alla Camera sulla crisi in Venezuela. Per questo, "il governo italiano", spiega "chiede al più presto nuove elezioni presidenziali democratiche in Venezuela" perché "gli elettori venezuelani devono tornare padroni di scegliere chi li rappresenta e governa". Punto primo: no alle violenze da qualsiasi parte arrivino, ma Maduro non è il presidente legittimo.


Si el Gobierno italiano no reconoce a Maduro y sí reconoce a la AN, ¿los ex diplomáticos nombrados por el ex presidente Maduro no tienen más las credenciales para ser diplomáticos en Italia? Se necesita declaración oficial al respecto.


Carlos Gullì
@cosmodelafuente

Nessun commento: