febbraio 02, 2019

L'Italia non riconosce Maduro, non riconosce Guaidó, ma vuole elezioni subito da un governo fantasma in Venezuela







L'Italia dice NO a Guaidó, per via dell'astensione del  M5S, della Lega e di qualche deputato del PD,  nelle votazioni di ieri 31 gennaio, del Parlamento Europeo per riconoscere Juan Guaidó come legittimo Presidente del Venezuela. Anche se l'Italia ha detto "NO", la mozione è stata approvata dall'Unione Europea con 439 voti a favorem 104 contrari e 88 astenuti.
Ma qualcuno tende ancora mettere un veto:
(via Il Tempo)"Il Venezuela di Juan Guaidò trova due ostacoli in Occidente per la propria legittimazione: Atene e Roma, che il presidente a interim del Paese latinoamericano vuole rassicurare: "Non finiremo come la Libia". Il giorno dopo la riunione dei ministri degli Esteri europei a Bucarest, emerge che l’unità tra i Ventotto in merito alla sorte di Nicolas Maduro è solo di facciata. Si è trattato, hanno riferito fonti all’agenzia France Presse, di una riunione "difficile" e "tesa", che ha costretto la cancellazione di altri punti dall’ordine del giorno e alla fine ha spinto un ministro a dire: "Non abbiamo una politica estera comune". Il topolino partorito dalla montagna dei Ventotto è stato il ’gruppo di contattò di Paesi europei e latinoamericani che "nell’arco di 90 giorni" lavorerà a una uscita dalla crisi attraverso nuove elezioni. Ne fanno parte, tra gli altri, l’Italia, la Francia, la Germania, il Regno Unito, la Spagna, l’Ecuador e la Bolivia. "Non significa che si voglia guadagnare tempo, ma di accompagnare il paese a elezioni libere", ha spiegato, secondo fonti di Afp, Federica Mogherini a chi - come Spagna, Francia, Germania e Regno Unito - ha già lanciato un ultimatum a Maduro che dovrebbe portare al riconoscimento di Guaidò lunedì prossimo se domenica non saranno annunciate elezioni presidenziali anticipate".
Cosmo de la Fuente, attraverso la sua pagina Facebook, ha fatto notare la contraddizione italiana in merito al riconoscimento del Presidente del Venezuela Juan Guaidò
Un post che sta facendo discutere.
"Nota Stampa di Palazzo Chigi:

"L'Italia, in linea con la Dichiarazione adottata dall'Alto Rappresentante Ue a nome dei 28 Paesi membri il 26 gennaio, ribadisce la sua massima preoccupazione per gli ultimi sviluppi in Venezuela". E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi, nella quale si ricorda che "l'Italia non ha mai riconosciuto le elezioni presidenziali tenutesi nel maggio 2018 e ribadisce la necessità di indire quanto prima nuove elezioni".
-----
Ricapitolando l'Italia non ha mai riconosciuto le elezioni presidenziali nel maggio 2018 per cui Maduro si è autoproclamato presidente. 
Ieri, sempre l'Italia, non ha riconosciuto Guaidó come Presidente del Venezuela. 
Palazzo Chigi a chi rivolgi, allora, questa richiesta se non hai riconosciuto nessuno dei due? " ha dichiarato Cosmo.



Marco Camerlengo
familiafutura

1 commento:

rauldiaztv@gmail.com ha detto...

Prima di tutto lo saluto e ne approfitto per dirgli che prima di parlare, chiedo una piccola lettura della Costituzione della Repubblica Bolivariana del Venezuela, dal momento che il solo fatto di fingere di essere neutrale lo pone sul lato genocida che sta attualmente attaccando il Venezuela. Certamente una nazione a cui l'Italia ha molto da ringraziare. Fai memoria o leggi

Le elezioni che esprimi pubblicamente sono precisamente ciò che vogliamo noi venezuelani. Ma per quello, la legge deve essere rispettata ed è esattamente ciò che è stato fatto. "Guaido", come apparentemente lo menzioni sprezzante, ha avuto il dovere e l'obbligo di accettare di essere il "PRESIDENTE INTERINALE" (TEMPORANEO, TRANSITORIO)

TUTTAVIA, IL PAESE DEVE CANCELLARE IL CONSIGLIO ELETTORALE NAZIONALE (CNE) E LA CORTE SUPREMA DI GIUSTIZIA (TSJ) QUESTO ULTIMATE ILLEGITTIMO.

Come ovviamente non hai avuto il tempo di leggere, cronologicamente ti dico i fatti, che puoi verificare su internet alla fonte che vuoi. Essendo questo il punto chiave è accaduto il 20 maggio 2018 quando il suo "Maduro" ha fatto brogli alle elezioni, quindi non è stato riconosciuto da quasi nessun paese al mondo. Tranne 5 paesi, compili. Semplicemente perche ha avuto il 86 % di astensione.

Molto avremmo apprezzato una posizione così ferma quando il Venezuela fu invaso da Cuba durante questi 20 anni.

INIZIA la storia per lei:

DOVE L'ILLEGALITÀ DEL DIVIDIO MATURO?
È sempre stato noto che Nicolas Maduro è colombiano, e quindi non è mai stato in grado di presentare il suo originale certificato di nascita, che di fatto avrebbe impedito in qualsiasi scenario di normalità legale, di optare per la Presidenza in Venezuela ma come il gruppo che governa per 20 anni hanno ottenuto tutti i poteri che componevano il sistema democratico venezuelano, questo "piccolo dettaglio" è stato omesso.

Tuttavia, la più grande illegalità è quella di attribuire a un'elezione tenutasi il 20 maggio 2018, le elezioni che sono avanzate di 7 mesi in relazione alla data stabilita legalmente dalla giurisprudenza venezuelana.

AVANZA ILLEGALE DELLE ELEZIONI?
Questo anticipo è attribuito all'Assemblea costituente nazionale illegale (ANC), la cui nascita è stata finalizzata a bloccare la gestione dell'Assemblea nazionale (AN) eletta dal popolo in un processo trasparente. Perché l'ANC è illegale? Semplicemente perché il processo in cui hanno scelto se stessi è stato un processo unilaterale inventato dal Rettore delle elezioni venezuelano, anche nelle mani del governo Maduro, e in cui la stessa Smartmatic in una conferenza stampa di Londra ha ammesso che un milione di vota di più al conteggio del governo.

La ciliegina sulla torta è stata posta il 20 maggio 2018, quando il giorno della chiamata è andato ai tavoli solo per i candidati al governo di Maduro, evidenziando un'astensione dell'80% dalle liste elettorali, dal momento che il Consiglio elettorale nazionale complice (CNE) ha allegato diversi milioni di voti sul conto di Nicolas Maduro.

Quindi dovremmo solo aspettare la fine del precedente mandato che si è concluso il 10 gennaio 2019.

ESSERE "AUTOPROCLAMO GUAIDO COME PRESIDENTE?"
L'articolo 233 della Costituzione del Venezuela afferma che, in assenza del Presidente, come in effetti perché le elezioni si sono svolte nel momento sbagliato e con tracce elementari di frode, il Presidente dell'Assemblea Nazionale (AN) assumerà la Presidenza della Repubblica provvisorio fino alla realizzazione delle elezioni entro 30 giorni. Questa responsabilità cadrà "AUTOMATICAMENTE" sulle spalle del Presidente dell'Assemblea, che può anche essere convalidato in Cabildos aperto per certificare che la città è d'accordo, e in effetti questo è stato fatto. L'atto di giurare davanti al sovrano era un atto di consegna del Primo Presidente al popolo del Venezuela.

La verità è che l'isola di Cuba ha effettuato un #invasionsilenciosa in Venezuela.