22/05/15

Venezuela acto final?

Venezolanos de todo el mundo: Tu Paìs cuenta contigo
Sí queridos amigos y hermanos, es verdad, mientras nosotros estamos luchando y llorando por la triste realidad de Venezuela, los adultos que viven en el País parece que se dejen vivir. Esto era lo que quería el Régimen de Maduro y antes el de Chávez.
Hartos de violencias, de represión, y de falta de cualquier género de la cesta básica han llevado a nuestros hermanos que viven en Venezuela a perder el interés que algo cambie. No podemos decir la misma cosa de los estudiantes, que han luchado y siguen luchando, sufriendo y siendo vícrimas de torturas y de maldades de parte de los asesinos Maduro y Cabello.
Entonces, qué es lo que vamos a hacer? Dejar que el País que nos trajo al mundo llegue a su final sin hacer nada o podemos darle fuerza a los estudiantes y seguir informando al mundo de lo que está pasando? No crean que no va a ser útil nuestra lucha, es la que más teme el tirano, ya sabe que el mundo se dio cuenta de lo que pasa en Venezuela y es por eso que ha comprato el reconocimiendo de la FAO. Él es un asesino, no cabe duda, pero ahora conocemos también qué poco vale la FAO, alíandose, por interés con un dictador Colombiano, Maduro, jefe de un gobierno dictatorial en Venezuela.
Nuestros hermanos siguen sufriendo y ahora no quieren perder lo que le queda de vivir, fingiendo que Venezuela sia la misma de hace 30 años atrás, lo niños vienen indocrtrinados como lo hacía Saddam Hussein y otros locos de la historia. Fingiéndose Revolucionarios del Socialismo se han comprado otros líderes asesinos en el mundo. Bueno no podemos pararnos.
Yo como Venezolano no podré nunca fingir que Venezuela sea el País que era cuando yo era niño, y voy a seguir hablando, escribiendo, cantando, componiendo, hasta bromeando. Que sean Redes Sociales, que la Televisión, Radio o encuentros de cualquier tipo, hasta el último aliento seguiré gritando la verdad, aunque yo llegara a vivir en la Luna.
Venezuela nació libre, rica, sin dictaduras, y quiero que vuelva a ser así. Los asesinos al gobierno tienen sus cómplices en todo el mundo, las oficinas consulares claro, y otros gobiernos corruptos, pero nosotros somos el alma, el corazón de Venezuela y en contra de eso nadie puede hacer nada.
Venezuela Libre, porque eres nuestra Patria y no la vamos a dejar morir sin, por lo menos, luchar hasta el final a su lado.
Esto es lo que siento y espero, hermanas y hermanos, que sean siempre más lo que se junten al proceso de recuperación de nuestra Madre Tierra, a lo mejor con ayuda de otros Pueblos Latinos, que sufren también de algo similar. Pero a darle fuerte. A informar a todos, a pasar y difundir nuestras noticias en todas la redes, y quien pueda a los periódicos, a las TV. Doy gracias a Dios por tener tantos seguidores, a pesar de que no sean todos los 9 millones Venezolanos, viven en todo el Planeta y eso quiere decir que nuestro granito de arena va a llegar en todos los lados. Porque el trabajo que todos en Italia y en el mundo estamos haciendo es un trabajo de grupo, en Italia como en todos los paises. La unión es muy importante y los que tengan familia, amigos o conocientes en Venezuela, infórmelos para que vean lo que no logran ver quedando encerrados en sus casas. Si no lo haremos los asesinos van a ser contentos.
Cosmo de La Fuente

13/05/15

Venezuela needs help! The Government kills the people

#‎Venezuela‬: The government attacks the people, the news does not have the facts because they are not allowed. We need help! We need the world to know that we need help now!. We need the world to help us immediately! This is a real dictatorship, we are afraid. Our rights are not respected, please help!. The government is against us, using the armed forces against us and seek to silence him before the world. We need help from the rest of the world, I say once more. We have evidence of the attacks from the government, as we repressed, people are dying, people fight each other and the government does nothing but attack us. We want the world to know to help us as much as possible, people are dying and we have no weapons and no rights to be respected by the government ...
And now ‪#‎FAO‬ congratulates those who are destroying a whole country and its young people!! So bad, now, is the economy that the government has deployed the military -- the military -- to ensure that anxious, hungry and needy citizens don't over-indulge at stores (when they actually have merchandise and food, which is increasingly rare). A combination of economic factors has all contributed to Venezuela's disintegration -- a lack of foreign capital and declining oil prices among them -- but the country's socialist economic policies are at the root of every problem.
Customers struggled and fought for items at times, with many trying to skip lines. The most sought-after products included detergent, with customers waiting in line for two to three hours to buy a maximum of two bags. A security guard asked that photos of empty shelves not be taken. [emphasis added]

And police officers stationed inside a Luvebras supermarket in the same part of the city took part in helping store staff distribute toilet paper and additional products.
"You can't find anything, I've spent 15 days looking for diapers," Jean Paul Mate, a meat vendor, told Bloomberg outside the Luvebras store. "You have to take off work to look for products. I go to at least five stores a day."
"This is the worst it has ever been -- I've seen lines thousands of people long," Greisly Jarpe, a 42-year-old data analyst, said while waiting for dish soap in eastern Caracas. "People are so desperate they're sleeping in the lines." And FAO accepts to give an award to Maduro? Corruption.
NO PRESS FREEDOM IN VENEZUELA
‪#‎sosVenezuela‬ ‪#‎HumaRights‬ Violated evety day, every hour, every minute.
Cosmocdf ‪#‎cosmodelafuente‬

12/05/15

Quinces Miami - Especial para Quinceañeras

www.robistudio.com

www.robistudio.com

www.robistudio.com


Quinceañeras un momento especial para todas las mujeres. Lo megor en Miami y Florida es
Robi's Studio. Visita el Web Site y descubre como podrìa se el momento màs bello de tu vida. Prepàrate a ver algo de maravilloso. Dale al enlace

06/05/15

Welcome to Turin...don't lose it

Welcome to Turin!
Lieto di aver collaborato con il sito che finalmente apre gli occhi ai turisti!
Vale la pena sapere. (Also in English)
Gli americani hanno dato dieci buoni motivi per non mancare di visitare la città di Torino durante un eventuale viaggio in Italia. Entra di diritto, insomma, nella Top beautiful cities insieme a Venezia, Roma e Firenze.
Ma quali sono questi motivi?
Sapevate che il cinema italiano è nato a Torino e il Museo del Cinema ha ragione di trovarsi nel capoluogo piemontese? Mentre Roma è la città eterna e al primo posto per la sua indiscussa antichità, Torino è la vera città Reale d'Italia -While Rome is associated with Antiquity and Florence with the Renaissance, Turin is Italy’s regal city per excellence. Other Italian cities did have their noble dynasties, but these reigned as princes over city-states or as emperors, before the country was unified into the State bearing the name Italy. Only Turin can lay claim to being the first capital of unified Italy, when the Kingdom of Italy was founded in 1861-
La città del cioccolato, proprio il cioccolatino è nato a Torino, ecco perchè il Piemonte vanta la paternità di questa delizia ma, questa città è anche considerata una delle capitali della gastronomia italiana dove è stato inventato il concetto, la parola e l'atto 'aperitivo' e non dimentichiamo che specialità gastronomiche come i grissini e il Vitello tonnato sono proprio di questa zona d'Italia.
-Turin is also renowned for its food. We already mentioned the aperitivi, but Turin also offers a wide range of Piemontese and Savoyard delicacies, among which, of course, the white truffle, served with pasta (the local tajarin) or risotto. Gnocchi and agnolotti are other types of local pasta, which can be served with Alp cheese or mushrooms.
Famous main dishes include the bollito misto, bagna càuda and fritto misto. The latter comes as a unique dish, usually containing six to twelve different veal pieces, including liver, brain, bone marrow, sweetbreads, and, (beware!), even testicles!
As for the bagna càuda, it is a kind of fondue with a hot dip made of anchovies, garlic and olive oil. The dish is eaten by dipping vegetables (raw, boiled or roasted), such as cardoon, broccoli, carrots, fennel, onions, peppers, celery, cauliflower and artichokes into the anchovies mix. I would have liked to add that you have to eat this dish at least once in your life when you are in Turin, but no… you may want to skip this one and try the other delicious Turinese specialties instead-.
Avete visto quabte pubblicità, fictions e film vengono girati a Torino tanto da aver meritato l'appellativo 'Tollywood'.
La città prima Capitale d'Italia da dove è stata unificata l'Italia.
Che dire allora della sua movida e del fatto che è tutt'altro che noiosa e che in realtà è una città vibrante in cui il termine 'movida' è parte del suo tessuto.
-8. Turin’s “Movida” and "DESIGN"
Whether on the banks of the river Po (the Murazzi), on Piazza Vittorio Veneto, in San Salvario or in the Quadrilatero Romano, Turin offers plenty of places to enjoy the Turinese night life.-
9. Modern art and design
The city boasts a number of modern and contemporary art museums, architecturally interesting buildings and futuristic projects. Light street art such as Luci d’Artista and ManifesTo adorn the city’s streets and house façades with lights, posters and banners from November to January. ‪#‎fassino‬ ‪#‎sindaco‬ ‪#‎torino‬
Torino è bellissima. Non perdertela!
Cosmo de La Fuente

05/05/15

Cosmo de la Fuente presenta Festival Viva Venezuela de Houston



Noticias 24
habla del Festival VIVA VENEZUELA de Houston
Il Festival di Houston, ritenuto il più importante dedicato al Venezuela.
http://noticias24h.org/2015/05/05/cosmo-de-la-fuente-el-presentador-del-festival-viva-venezuela-2015-en-houston/


El artista Venezolano será el presentador del Festival Latino más importante dedicado a Venezuela en los Estados Unidos, el 12 de Septiembre en Houston.
Artista multifacético que ha conquistado el público Hispánico mundial a través de sus páginas Internet y amado como escritor de libros. Su alegría y espontaneidad son catalizadores poderosos.
Cosmo es comediante, presentador y actor recordado por protagonizar películas y fiction televisivas en Italia, y por ser el presentador e ideador de ‘Hola Italia’ y ‘Hola Cosmo..Latinos en el mundo’ y también por ser el escritor de ‘Ancora una volta ho perso il treno’, un libro en idioma italiano. ‘Hola Cosmo’ por la producción de My Way Events en Houston, es un proyecto grande que ya ha conquistado al público de todo el mundo con su sencillez, alegria y profesionalidad. Participa al programa también Pina Parisi desde Miami.
Cosmo es un pe.... (sigue)

dale click al enlace

30/04/15

La 'Buona scuola' italiana. La parola all'esperto


Cosmo de La Fuente intervista il dott. Giacomo Farina di Torino, docente di informatica, articolista e responsabile Risorse Umane.
Anche questa volta pare che Renzi abbia fatto un buco nell'acqua.
Il link all'articolo, in esclusiva per la testata New Notizie:
Clicca qui
CLICCA

20/04/15

Cosmo de La Fuente contact


Amianto a Palazzo Nuovo

Da anni se ne parla dell'amianto a Palazzo Nuovo dell'Università di Torino. Ci bazzico da molti anni, prima come studente e poi come dipendente. Molti i docenti, alcuni di essi già morti di cancro, che denunciavano il fatto. Come al solito si fa orecchie da mercanti.
All'Università di Torino, ma chissà in quanti altri  impieghi statali, si continua a far quello che si vuole. Corsie preferenziali, concorsi truccati, lasciapassare, ecc. ecc.
Il gravissimo discorso sull'amianto, però, lasciato in sospeso da troppo tempo.
Sono contento di lasciare questo posto per svariati motivi, anche per questo modo di fare da quarto mondo. Dopo essere stato trattato a pesci in faccia per favorire i soliti raccomandati, essere stato sfruttato per pochi euro al mese, mi rende pieno di orgoglio andarmene dove la meritocrazia è parte integrante del lavoro. L'America!
Ne avrei da raccontare e presto o tardi lo farò. Dopo un anno e mezzo in Ufficio Stampa Università potrei scrivere un libro.

Vergogna!
Ecco cosa dicono La Stampa e La Repubblica
Palazzo Nuovo potrebbe restare chiuso anche per più di dieci giorni. Al momento è solo un’ipotesi ma non troppo inverosimile. La serrata decisa (anche un po’ polemicamente) dal rettore Ajani vista l’inchiesta della procura che lo vede indagato per «omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro» potrebbe prolungarsi oltre il 27 aprile, magari non su tutto il palazzone che ospita i dipartimenti umanistici ma su alcune parti.
È un’eventualità talmente realistica che ieri Ajani e il direttore generale Segreto, insieme ai tecnici dell’Università, hanno incontrato il sindaco, alcuni assessori e funzionari del Comune. Un vertice - erano presenti oltre venti persone - con un punto decisivo all’ordine del giorno: che fare se l’Università avrà bisogno di nuovi spazi in cui ospitare le lezioni e le sessioni d’esame? In via Verdi aspettano i risultati delle verifiche dei prossimi giorni, da cui dovrebbe emergere un quadro chiaro della situazione e degli interventi necessari per riportare la normalità. Ma non escludono che a Palazzo Nuovo serva una cura da cavallo e che non tutto si possa realizzare tenendo aperte tutte le aule e garantendo una piena agibilità dell’edificio.

A caccia di spazi
Servono soluzioni di ripiego. È ciò su cui si è ragionato ieri. L’Università ha chiesto un aiuto al Comune che si è detto disponibile a verificare la disponibilità di alcune strutture di grandi dimensioni: il centro congressi Torino Incontra, il Teatro Gobetti. Dal canto suo, l’ateneo ha allacciato contatti con alcuni cinema. Una ricognizione che - attualmente - serve soltanto a cautelarsi dalle cattive notizie che potrebbero arrivare nei prossimi giorni. Compresi i provvedimenti giudiziari.
L’Asl ha pressoché ultimato la relazione da consegnare al sostituto procuratore Raffaele Guariniello, frutto dei sopralluoghi ma anche di tutta la documentazione acquisita in Università. Con risultati sorprendenti. Ad esempio questo: «Nel linoleum delle scale di Palazzo Nuovo e nei magazzini ci sono fibre d’amianto». Lo dicono i verbali dell’ispezione di mercoledì scorso, ma lo diceva già due anni prima il laboratorio di tossicologia ed epidemiologia industriale dell’Università, che ha sede al Cto ed è diretto dal professor Canzio Romano. Nel 2013 fu chiesta una perizia su alcuni materiali provenienti da Palazzo Nuovo. I sospetti furono confermati. Da allora si sa che quelle scale erano potenzialmente pericolose e che andavano bonificate.
In arrivo altre sanzioni
Le analisi del Cto fanno parte del fascicolo che gli ispettori, che venerdì sono rimasti a Palazzo Nuovo fino a notte fonda, stanno riempiendo con documenti, mail e delibere. Bisogna capire perché a due anni da quelle analisi il problema non è stato risolto. Non che si sia fatto nulla: i rattoppi, qua e là, ci sono. Ma l’Asl non avrebbe mai ricevuto, come invece prevede la legge, comunicazioni sulla rimozione dell’amianto da parte delle ditte che lavoravano per l’Università. E, di conseguenza, non avrebbe potuto verificare se i lavori fatti erano a regola d’arte o alla carlona. Di sicuro non sono stati risolutivi. «La nostra impressione è che nessuno ne abbia controllato esito e tenuta», dice Stefano Vannicelli, delegato sindacale dei dipendenti amministrativi, che hanno più volte chiesto la bonifica, specie dopo quelle analisi del 2013.
Intanto, l’Arpa ha consegnato all’Università - con cui ha una convenzione firmata l’anno scorso e costata 470 mila euro - la prima parte della mappatura dell’amianto a Palazzo Nuovo. Per ora bocche cucite sulle conclusioni, ma sembra che la bonifica dovrà essere ben più estesa rispetto ai punti indicati finora dallo Spresal: il linoleum sarebbe danneggiato anche in altre parti dell’edificio (alcune biblioteche) e ci sarebbero problemi anche in certe aule. L’Università ha già consegnato un primo piano dei lavori allo Spresal, che ora dovrà valutarlo. È praticamente certo che, viste le carenze riscontrate dall’Asl, all’ateneo arriveranno nuove contestazioni e anche multe.
Rischia di trasformarsi in uno scandalo l'accordo costato 500mila euro tra l'ateneo e l'Agenzia regionale per l'ambiente, che non avrebbe segnalato alla procura molte criticità
di OTTAVIA GIUSTETTI

Un anno di silenzio sull'amianto a Palazzo Nuovo: inchiesta sulle "dimenticanze" dell'Arpa
Il ruolo ambiguo dell'Arpa nei controlli dell'amianto a Palazzo Nuovo, e la consulenza da 500mila euro affidatale dal rettore Gianmaria Ajani, finiscono al centro dell'inchiesta che ha portato alla chiusura urgente dell'edificio: una vicenda che ora rischia di trasformarsi in uno scandalo. Sembra infatti che, in virtù dell'accordo siglato con l'ateneo, l'Agenzia abbia "dimenticato" di segnalare alla procura molte altre criticità. "Dimenticato" perché nella natura stessa di quella consulenza c'è una sospetta anomalia. Gli esperti dell'Arpa hanno prima di tutto un ruolo super partes di polizia giudiziaria: e ogni segnalazione, prima di tutto, devono inviarla allo Spresal (Servizio per la prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro dell'Asl 1) e alla procura di Torino. A maggior ragione trattandosi della presenza di amianto in edifici che ogni giorno sono frequentati da migliaia di studenti e personale dipendente come Palazzo Nuovo. Non, insomma, di piccole cose risolvibili con banali interventi.
Invece, secondo quanto emerge dai primi controlli di documenti, sembra che l'Arpa - guidata da Angelo Robotto - abbia osservato un ostinato silenzio sul problema amianto all'Università per quasi un anno, da quando ha assunto il ruolo di «tutore» nella messa in sicurezza degli edifici. Forse solo per errore, qualche giorno fa, il rapporto sulle particelle pericolose trovate in un campione prelevato nell'impianto di aerazione di Palazzo Nuovo è arrivato negli uffici dello Spresal che lavora fianco a fianco con i magistrati del pool di Guariniello. Rapporto dal quale è scattato, qualche giorno dopo, il sopralluogo con la decisione di chiudere parte dell'edificio a studenti e dipendenti. Quanto prima si sarebbe dovuto deciderlo? È possibile che l'Università abbia inteso di aver già risolto la questione della sicurezza dei suoi edifici spendendo i 500 mila euro della consulenza all'Arpa? Nei prossimi giorni il procuratore Guariniello cercherà di chiarire se ci siano state avvisaglie di possibili rischi per la salute delle persone prima della segnalazione recente e perché siano state tenute confinate negli uffici ai piani alti dell'Università. Le iscrizioni nel registro degli indagati potrebbero estendersi anche a quei direttori che hanno ricevuto i dati sull'amianto e non sono intervenuti per proteggere le persone che lavorano e studiano nel Palazzo.
È questo il nuovo capitolo della lunga e sfortunata vicenda che da anni si trascina all'Università, mentre istituzioni anche più complesse da gestire come l'ospedale delle Molinette sono riuscite a bonificare interi edifici senza mai arrivare all'estremo di dover chiudere reparti. Non più di un paio di anni fa un altro consulente nominato dall'ateneo per sorvegliare sul problema amianto, il professore Canzio Romano, responsabile del laboratorio di Ttossicologia dell'Università, rassicurava gli studenti e i professori minimizzando: «Siete più sicuri stando alla vostra scrivania dentro Palazzo Nuovo, con le finestre chiuse, che se lavoraste tutto il giorno in piazza Castello». Romano, tra l'altro, è stato consulente per la difesa di Stephan Schmidheiny nel processo Eternit di primo grado: dichiarava in aula che i morti di Casale Monferrato non erano vittime della fabbrica d'amianto. Nel giugno 2013 Romano aveva firmato un documento, dimenticato almeno fino al febbraio 2014, nel quale parlava del linoleum incriminato: «Le microanalisi confermano la presenza di fasci di amianto crisotilo - scriveva nella relazione - a un'ispezione visiva il linoleum analizzato si trova pressocché in quasi tutte le aule di tutti i piani». Insomma l'amianto c'era, ma solo nel pavimento, tanto che il testo concludeva dicendo: «Le indagini eseguite non hanno evidenziato la presenza di fibre nell'aria».
La particella killer è tornata oggetto di attenzione ufficialmente solo il 5 aprile 2015, quando la relazione dell'Arpa, inviata all'Università e questa volta anche allo Spresal, ha evidenziato la necessità di rimuovere il linoleum dove è rimasto.
L'ultima grande ristrutturazione dell'edificio, costata 17 milioni di euro, aveva infatti consentito di sostituirlo quasi ovunque. Dal 5 aprile al blitz della polizia giudiziaria di Guariniello sono trascorsi poco più di dieci giorni, troppo pochi per giustificare l'inerzia che avrebbe spinto la procura a passare all'azione. Per questo, negli interrogatori di questi giorni, si cerca di chiarire chi sapesse del problema e della sua pericolosità e da quanto tempo.

14/04/15

Los nuevos errantes - I nuovi erranti




La necesidad de cambiar algo en la propia vida, en algunas personas, es muy fuerte, imprescindible. En la mayoría de los casos no se trata de un capricho, sino de la necesidad de dirigirse hacia un camino que en un dato momento nos parece el mejor.
Nosotros tenemos también que placar el dolor, la angustia, el miedo, la nostalgia de lo que ha sido nuestra tierra y lo que es y, aunque llenos de esperanza, sabemos que el camino es duro, pero no imposible.
Deseamos cambiar porque no podemos llegar a ser lo que éramos.
Buscamos trabajo, relaciones, amigos. Como dicho por Dumbledore: “Hay que tener un gran valor para enfrentarse a nuestros enemigos, pero se necesita aún más valor para enfrentarse a nuestros amigos”. No podemos y no queremos desepcionar a los amigos que nos acompañan por un rato de nuestro vida, pero somos seres que pertenecen a propias raices. La nuestras hechas con alegría y lucha, lágrimas y emociones. Cielos azules y aguaceros tropicales. Culturas, tradiciones, historia que no podemos enterrar o sacar de nuestro corazón.
Me ha pasado de estar en grupos en donde éramos pocos los Venezolanos. Me ha pasado que algo alguien, puede ser un perfume, una forma, un color, una palabra, de repente nos lleve nuevamente a nuestro país, a nuestra infancia. De instinto nuestra mirada se encuentra y se une, transbordando tristeza y emoción. Somos Patria en todo el mundo. Nos pasa como familias desahuciadas y hospedadas en otra casa y familia, en donde nos adaptamos pero igualmente tratas de guardar el contacto con tu familia y en la obscuridad de un cuarto o por las escaleras del edificio, intentas mantener tus tradiciones, tus prioridades, en un abrazo que es una cadena de unión.
Somos los nuevos Venezolanos que andamos por el mundo.
[Cosmo de La Fuente per FamiliaFutura.com]

Il bisogno di cambiare qualcosa nella propria vita, in alcune persone, è molto forte, imprescindibile. Nella maggior parte dei casi non è un capriccio, ma è la necessità di avviarci verso un determinato cammino in un dato momento. Ci pare che sia la scelta migliore.
Nel nostro caso, poi, dobbiamo anche placare il dolore, la tristezza, la paura e la nostalgia di quello che è stato il nostro paese e quello che è. Benché pieni di speranza, sappiamo che il cammino è tortuoso, ma non impossibile.
Desideriamo cambiare perché tentiamo di diventare quello che eravamo. Cerchiamo lavoro, relazioni, amici. Come detto da Dumbledore : “Bisogna essere molto coraggiosi per affrontare i nostri nemici, ma ancora di più per affrontare i nostri amici”. Non vogliamo e non possiamo deludere gli amici che ci accompagnano per pezzo della nostra strada, ma siamo esseri che appartengono alle proprie radici. Le nostre sanno di vento libero, di onde, di profumi, di sorrisi bianchi e carnagioni scure. Le nostre radici sono allegre, fatte di lacrime ed emozioni. Di cieli azzurri e di acquazzoni tropicali. Di culture, di tradizioni, di storia che non possiamo sotterrare o cacciare dal nostro cuore.
Mi è capitato di trovarmi in gruppi dove soltanto pochi eravamo venezuelani. Capita che qualcosa o qualcuno, magari un profumo, una forma, un colore, una parola, improvvisamente ci riportino al nostro paese della nostra infanzia. Istintivamente il ‘nostro’ sguardo si incontra ed è pieno di tristezza ed emozione. Mi rendo conto che siamo Patria in tutto il mondo. Un po’ come quando vieni sfrattato e cerchi di adattarti ad un’altra famiglia, ma nel buio di una stanza o per le scale del palazzo dove c’è la casa che ti ospita, cerchi di mantenere il contatto con la tua di famiglia, abbracciandosi e formando una catena d’unione che nessuno potrà mai cancellare.
Siamo i nuovi venezuelani che andiamo per il mondo.
[Cosmo de La Fuente – Familia Futura.com]

08/04/15

Noam Chomsky, el amiguito de Chavez..comunista bien rico como él





Claro el difunto dictador le hacìa la publicidad, ahora él està en contra de  América y del embargo. Grande Obama! Estamos contigo. Dale duro a ese dictador ignorante.
Noam Chomsky chiede che vengano ritirate le sanzioni contro il Venezuela. Il padre della linguistica Chmosky ricordate chi è? L'amichetto di Chavez, quando lui parlò di Bush alle Nazioni Unite, definendolo un DIABLO, sventolò il libro di Noam Chomsky, appunto. Noiosissimo linguista su cui ho dovuto fare un sacco di esami.
Grazie al miliardario Chavez, anche Chomsky vendette molto. Ovvio ....ora non vuole le sanzioni. I soldi fanno tutto. Tanto non è lui a vivere nell'inferno venezuelano.
Se l'Europa ha definito 'tortura' il trattamento della polizia italiana nei confronti degli italiani per i fatti di Genova, cosa direbbe di fronte alle torture, gli omicidi, la repressione e la carestia inflitta ai venezuelani da parte di un assassino chiamato Maduro?
I soldi fanno miracoli e vorrei anche dirlo ai giornalisti de IL MANIFESTO giornale rosso che non vede la morte del popolo, ma solo false illusioni, e fanno i comunisti con il portafogli da capitalisti.
Andateci a vivere in Venezuela finti comunistoidi e poi ne riparliamo.
Basta di ignoranza, ipocrisia, malafede.
Viva la libertà, la democrazia.
Fuori Maduro dal Venezuela.
Dale duro Obama ... Dale más duro!!!

01/04/15

Cachitos Venezolanos: la receta y el video saludo de Cosmo de La Fuente

La receta de los CACHITOS sigue con el éxito de Hola Cosmo Latinos en el mundo.
Dale click al enlace
https://www.facebook.com/video.php?v=961652793853052 


23/03/15

Hola Cosmo - capitulo 1 ed è già successo!





Acaba de salir el primer capìtulo de Hola Cosmo...Latinos en el Mundo,
con Cosmo de La Fuente, la participaciòn de Pina Parisi y la invitada especial
Nena Agustì-
Lleno de sorpresas y emociones.
No dejen de verlo!
Appena uscito ed è già successo!

16/02/15

"Hola Cosmo...Latinos en el mundo" se ne parla già in tutto il mondo

El nuevo programa de Cosmo
Il nuovo programma di Cosmo

DALE AL LINK

http://noticias24h.org/2015/02/16/hola-cosmo-el-nuevo-programa-de-cosmo-de-la-fuente-ya-fascina-al-publico-mundial-exclusiva/

20/12/14

Quel senso di "provvisorio"

Zingari si diventa, non parlo di viaggi e di turismo, che ovviamente sanno fare tutti e tutti lo fanno. Si tratta di quel senso del provvisorio a cui i miei genitori, ad esempio mi hanno abituato. Non è lo stesso per mia figlia, perchè comunque hanno avuto una vera residenza soltanto in un paese, ma parlo di me. Non ho mai seguito completamente un anno scolastico, si saltava dal Venezuela all'Italia, dal Piemonte alla Campania, da Caracas a Roma senza tregua.
Da bambino mi ero fatto l'idea che la nostra casa fosse proprio il 'trasferimento'. Nell'arco della mia infanzia e della mia adoloscenza ho cambiato almeno 40 abitazioni, incredibile ma vero! Le ho contate. 
Quante pagine del mio libro, quante persone a cui mi ero affezionato e che non so nemmeno più dove siano e se sono vivi.
Mi è rimasto il calore del mio Venezuela, dei suoi profumi, dei suou sapori, la sua gente e anche quel paese sembra impazzito nelle mani di Maduro. L'Italia va a rotoli, insomma sembre che io debba muovermi di nuovo. Soprattutto dopo gli ultimi colpi che mi sono stati inferti : ingiustizie, abusi, ecc. Ma questo è un altro discorso.
 Non voglio perdere il contatto con i miei amici, il mio pubblico, la mia gente. Continuerò a scrivere e sicuramente "Ancora una volta ho perso il treno" avrà un seguito! Ne sono certo. Trasferirò il mio "senso di provvisorio" altrove.
Un abbraccio volante per tutti
Carlos

26/10/14

2015 muy dificil para Venezuela

Los ricos de Venezuela son los militares, pero la cùpula que se ha enriquecido, y por eso apoyan al dictador estùpido Maduro; la oficialidad media, los soldados, en cambio, no lo apoyan màs. El gobierno tiene consolidado un 50% de los votos, y la oposicion un 40%, con un 10% que nunca vota. Pero el gobierno tiene consolidado el Consejo Electoral, esto no hay que olvidarlo. La protesta no es ideologica nos dijo Rojas el jefe de Redacciòn de El Universal, y tiene razòn. Hoy protestan hasta los sectores populares, gente que antes apoyaba a Chavez. El burro se ha quemado y ha perdido el respaldo que le dejò el otro dictador..Chàvez. El descontento es muy grande y de todas las clases. El paìs ya entrò en su acto final. Que sea default, que sea un golpe (que en realidad no es porque como sabemos Maduro es ilegìtimo) algo va a cambiar. No tenemos mucho como oposiciòn, solo Lòpez, y el gobierno lo sabe, por eso lo tiene preso. A Capriles no le gusta esta foto, las razone claritas. Su figura resurge, y no olvidemos, Venezolanos, que su inhablitaciòn que los asesinos del gobierno quisieron, termina con el . Es este el motivo porque lo tienen preso y quieren hacerlo desaparecer. ‪#‎LeopoldoLopez‬ se convierte en nuestra esperanza.
‪#‎CosmoDeLaFuente‬
por ‪#‎VenezuelaLibre‬
Que el mundo sepa lo que planea esta dictadura.
Cosmo de La Fuente

20/10/14

HALLACAS en Italia: le migliori per qualità, peso e professionalità, quelle del Sabor Tropical


Mai acquistare cibo fatto in casa! Non ci sono controlli igienici nelle case e si tende a risparmiare sul prodotto.
Il Video delle hallacas del Sabor Tropical lo puoi vedere nella pagina di hola Italia che ha dedicato le immagini delle Hallaca proprio al Sabor.
Ecco il link:

https://www.facebook.com/video.php?v=864893063529026&set=vb.766403163378017&type=2&theater

Buen provecho!

Sabor Tropical
Villar Dora (Torino)
tel. 011 9359263

06/10/14

HALLACAS en ITALIA !!! 2014






Cominciano le prime partenze pacchi HALLACAS
A finales de octubre, exactamente el martes 28 sale el primer envìo de Hallacas!!
Quien quiere recibirlas en octubre puede reservarlas ya. Llegan a vacìo y duran hasta Navidad. Con toda la explicaciòn. EL segundo envio a ser martes 11 de noviembre, el tercero martes 25 de noviembre. Después cada martes de Diciembre envìos. Llegan en 3 dìas.
‪#‎hallacas‬ ‪#‎sabortropicalitalia‬

Chiamare al numero
0119359263
o scrivere a carlos.cosmo.gulli@gmail.com

 

24/09/14

Myway Events Houston


Your parties are important task for us, we will help you choose the best materials for each type of event.

We would like to treat you personally for your needs, visit us.... 

We realize your ideas...



 2501 South Mason Rd.

 Suite 232,  Katy, TEXAS

ph.  713- 8200019

17/09/14

Un abbraccio dura poco ma il suo effetto è eterno


Un abrazo es un acto lleno de magia y de significados, de emociones. Abrimos el corazón y ofrecemos un deseo de tener cura del otro, de comprender la persona que estamos abrazando. Un abrazo te quita el llanto, relaja un corazón que tiene miedo, nos da esperanza, nos da fuerza, coraje en el alma. El abrazo te cambia tu día. Un abrazo para todos. Un abrazo romper barreras que las palabras no pueden romper, somos seres sociales y es importante ser conectados, un abrazo se da uno a la vez, ese momento es exclusivo para la persona que estas abrazando. Eliminamos el frio del mundo, necesitamos de este gesto abierto llamado abrazo, aunque solo por un instante rompemos barreras. Un abrazo es luz.

Un abbraccio è una semplice azione che ha in sé magia e significati, è fatto di emozioni. Apriamo il cuore e offriamo un desiderio di prenderci cura dell’altro, di comprendere la persona che stiamo abbracciando. Un abbraccio ti asciuga le lacrime del pianto, ti rilassa e rilassa il cuore impaurito, ci dà speranza, ci dà forza, coraggio nell’anima. L’abbraccio cambia la tua vita. Un abbracio a tutti. Un abbraccio rompe le barriere che non riescono ad abbattere le parole, siamo esseri sociali ed è importante essere in connessione, un abbracci si da a una persona per volta e quel momento è esclusivo per lei. Eliminiamo il freddo del mondo, abbiamo bisogno di questo gesto aperto chiamato abbraccio, anche se solo per un istante rompiamo le barriere. Un abbraccio è luce.
Cosmo
#cosmodelafuente

13/09/14

Dedicato a una grande madre


Dedicato alla mia cara amica Consuelo, che ha perso suo figlio. In questi giorni avrebbe compiuto 28 anni.

No llores porque cambiò su forma de existir, sonríele a su imagen porque lo has tenido él te extraña como tú extrañas a él, pero es una situación provisoria. Hasta que volverás junto a tu hijo. El amor es inmenso y no se acaba con un cambio de forma. El amor de una madre o de un padre es enorme Siempre existirá ese hilo de amor, de fuerza, de complicidad Con tu niño.. nació de ti y contigo estará por la eternidad ¿No sientes sus manos que te acarician el rostro? ¿No te das cuenta que te acompaña a cada paso? Sì Consuelo, es él…no te equivocas, es él y no puedes escucharlo Porque la dimensión ha cambiado pero en este momento yo escribo Pero él está comunicando contigo. Inventan mil modos para hacerlo..solo tienes que mirar alrededor de ti. Pero te esta gritando MAMÁ TE AMO, SIGUES SIENDO MI ESTRELLA, no llores, estoy contigo. Así es Consuelito y sabes que no te miento. Así es… seguro! ¿No lo escuchas ahora? Dice: MAMITA LINDA TE QUIERO MUCHO GRACIAS POR DARME TANTO AMOR

Non piangere perchè ha cambiato la sua forma di esistere, sorridi alla sua immagine perchè lo hai avuto, lui sente la tua mancanza come tu senti la sua, però è una situazine provvisoria. Fino al momento che tornerai vicino a tuo figlio. L'amore è immenso e non finisce con un cambio di forma. L'amore di una madre o di un padre è immenso. Esisterà sempre questo filo d'amore, di forza, di complicità con il tuo bambino...nato da te e con te resterà per l'eternità. Non senti le sue mani che accarezzano il tuo viso? Non ti rendi conto che ti accompagna ad ogni passo che dai? Si Consuelo, è lui...non stai sbagliando , è lui  anche se non riesci ad ascoltare la sua voce perchè la dimensione è diversa però anche in questo momento in cui io scrivo lui sta comunicando con te. Inventano mille modi per farlo...devi soltanto guardarti intorno. Lui sta urlando: MAMMA TI AMO, CONTINUI AD ESSERE LA MIA STELLA, non piangere, sono con te. Così è Consuelito e sai che non ti mento. E' così ne sono certo. Non lo senti ora? Dice: MAMMINA BELLA TI AMO MOLTO GRAZIE PER CONTINUARE A DARMI TANTO AMORE.

Cosmo de La Fuente

10/09/14

Prove di chavismo all'italiana

A Renzi e alla Boldrini nulla interessa della fame e della povertà degli italiani, sennò non penserebbero a remunare i clandestini. I nostri vecchi raccolgono la frutta marcia nei mercati, perché non ce la fanno a tirare avanti e nemmeno gente come me che guadagna un cazzo di niente, grazie anche alla CGIL CISL e via discorrendo. Una vergogna. Leggendo e rileggendo in giro cosa accade mi rendo conto che siamo sempre più vicino ad un chavismo all'italiana. Quando il popolo sarà ridotto quasi completamente alla fame, vedremo cosa accadrà. 
Ci siamo ci siamo
Ma leggiamo un po' da altri giornali cosa ci raccontano:
In Italia c'è un esercito di 56mila immigrati ai quali tutti i mesi paghiamo la pensione. Senza che abbiano lavorato un solo giorno in Italia, ma per il semplice fatto di risiedere regolarmente sul nostro territorio da almeno dieci anni. Sono il 7% del totale degli stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno: anziani over 65 che hanno ottenuto il ricongiungimento famigliare e che di fatto risultano senza un reddito (non lavorando). Si chiede che si faccia luce e se "in epoca di crisi sia ancora sostenibile" uno strumento come la pensione sociale estesa agli immigrati over 65. L'imbroglio, a giudizio dell’interrogante, nasce laddove lo straniero, che giunge nel nostro Paese con la scusa di riunirsi ad un proprio parente, ottiene la residenza, si appropria della pensione e si rimette in volo per tornare da dove è venuto, omettendo di comunicarlo allo Stato.
Quello che vogliamo è sapere "se vengano effettuati i debiti controlli su tutto il territorio nazionale per sfatare il mito del vitalizio in favore di stranieri non realmente residenti in Italia e se in questo momento di grave e perdurante crisi economica e in tempi di spending review sia ancora necessario elargire 327.190.550 euro all’anno di assegni sociali in favore degli stessi".
Un clandestino che arriva in Italia e che richiede l’asilo politico o lo status di rifugiato riceve dallo stato immediatamente la somma di 976,15 euro per i primi 35 giorni., ridotti poi a 557,80 euro in caso di respingimento della domanda. In seguito, secondo la Fondazione Leone Moressa, lo Stato affronta una spesa diretta di 14.600 Euro l’anno (40 Euro al giorno, cioè circa 1.200 euro al mese) per persona e altrettanti in prestazioni indirette (spese sanitarie e servizi generali dello Stato, calcolati per analogia, considerando che tali voci impegnano circa la metà del Pil nazionale): quindi allo Stato ogni rifugiato o presunto tale costa circa 29.200 Euro l’anno.
Se finora solo un miracolo ha fatto sì che in Italia non ci sia stata una rivoluzione considerando i circa 7 milioni di disoccupati e inoccupati, tra cui 4 milioni e 100 mila che fanno la fame, ebbene la rivolta sociale potrebbe presto esplodere per la crescente insofferenza degli italiani nei confronti dell'invasione dei clandestini favorita dallo Stato, benedetta dalla Chiesa, accettata dall'Unione Europea e valutata con estremo favore dalle Nazioni Unite. Fortissimamente voluta dalla Boldrini.

Sabarcano in Sicilia migliaia di clandestini, che hanno innalzato il totale dall'inizio dell'anno a oltre 50 mila, più di quanti arrivarono in tutto il 2013 (43mila). Queste cifre non potranno che aumentare in modo esponenziale perché si tratta di un'invasione voluta e finanziata dallo Stato. Per pervenire a questo risultato abbiamo conseguito diversi «primati mondiali». Siamo l'unico Stato al mondo che: non considera reato penale l'ingresso illegale nelle proprie frontiere; ha messo ufficialmente al bando la stessa definizione di «clandestino» sostituendola con il generico «migrante»; impegna la Marina Militare per farsi auto-invadere prestando soccorso ai clandestini ai limiti delle acque territoriali straniere; collabora e si rende complice della criminalità organizzata che gestisce il traffico dei clandestini realizzando profitti superiori a quelli dello spaccio della droga; attribuisce la priorità assoluta al soccorso e all'accoglienza dei clandestini anche contro la volontà della comunità locale e a discapito della sicurezza e dell'attività produttiva degli autoctoni; non bada a spese per prevenire che possano verificarsi delle sciagure in mare e per accogliere nel migliore dei modi i clandestini, i cui costi lievitano considerando che tra loro aumenta la quota delle donne incinte e dei minori non accompagnati.
Sui costi dobbiamo essere severi dal momento che c'è un numero crescente di italiani che non ha i soldi per comperare il pane. Ogni giorno spendiamo 300 mila euro per le sole unità della Marina e dell'Aeronautica impegnate nell'operazione Mare Nostrum. Alle operazioni di soccorso partecipano anche navi mercantili battenti bandiere diverse e finora non è chiaro se e quanto vengano pagate. Attualmente ospitiamo complessivamente circa 32.000 clandestini (ufficialmente «ospiti») che ci costano mediamente 40 euro al giorno ciascuno, per un totale di 1.280.000 euro al giorno, 38.400.000 euro al mese, 230.400.000 euro per 6 mesi, che è il periodo medio necessario per identificarli e stabilire la loro destinazione successiva. Qualora si dicesse per il rimpatrio, il costo medio per il rimpatrio di ciascun clandestino è di 25 mila euro. Quelli che in qualche modo fanno perdere le tracce e riemergono tra le fila della criminalità organizzata, ci costano molto di più. Dei circa 23 mila detenuti stranieri nelle nostre carceri, ben l'80% sono clandestini. Ciascuno costa mediamente 500 euro al giorno!
La frustrazione e la rabbia degli italiani è fondatissima e più che giustificata. Più in generale gli immigrati e i Rom vengono percepiti come concausa dell'impoverimento degli italiani perché hanno di fatto la priorità nell'assegnazione della casa, dell'asilo e del sussidio sociale; i cinesi stanno colonizzandoci economicamente perché arrivano con borsoni pieni di euro che la Banca Centrale Europea ha pensato bene di far stampare in Cina e ci costringono a svendere le nostre aziende e le nostre case perché a noi accedere al denaro è diventato sempre più difficile; gli islamici ostentando sia il denaro sia l'aggressività ci obbligano a concedere loro moschee che ergono a roccaforti della loro guerra santa, che ha già cooptato migliaia di cittadini europei trasformati in terroristi islamici che al ritorno dal fronte siriano si preparano a sottometterci al loro Allah.
Ebbene oggi siamo arrivati al punto di vergognarci e di considerare «razzismo» il sostenere che in Italia gli italiani devono legittimamente beneficiare in via prioritaria delle risorse proprie. Chi ci governa è avvisato: voi state fomentando il razzismo discriminando gli italiani nei confronti dei clandestini, degli immigrati, dei Rom, dei cinesi e degli islamici. Se non cambierete radicalmente anteponendo l'interesse degli italiani come deve fare un buon genitore che ha l'obbligo di occuparsi innanzitutto dei propri figli, inevitabilmente esploderà la rivolta sociale.