2018/11/17

Aiutaci ad aiutare - Help us help others




Our aim is to strengthen all our communication instruments that serve human rights, aiming at raising awareness of public opinion. Protecting the civilian population - this is the real emergency.

Nuestro objetivo es impulsar los Derechos Humanos a través de todos nuestros instrumentos de comunicación.

Il nostro obiettivo è quello di promuovere i Diritti Umani attraverso tutti i mezzi di comunicazione, sensibilizzando l'opinione pubblica sull'importanza del rispetto dei Diritti dell'uomo.

2018/11/16

Ricordando la Laurea Honoris Causa a Mario Vargas Llosa









E' sempre con grande piacere ricordare l'importante evento della Consegna della Laurea Honoris Causa, il 7 giugno 2014, al Premio Nobel Mario Vargas Llosa, ringrazio ancora i colleghi e i colleghi dell'Ufficio Comunicazione dell'Università di Torino che mi hanno dato la possibilità di occuparmi di un evento così importante e di presentarlo. Ringrazio anche di avermi permesso d'invitare tra il pubblico una rappresentanza di venezuelani nonostante i posti dell'aula magna non fossero sufficienti e l'evento fosse a porte chiuse. Grazie ancora.
Di seguito il video ufficiale dell'evento
[video] conferimento Laurea HC
[foto] Mario Vargas Llosa, avvertito da me della presenza dei venezuelani, scende simpaticamente per avvicinarsi al pubblico presente. 
Importante(Privacy e Copyright) [Video proprietà UNITO, Foto Carlos Gullì per Unito].

Link al video ufficiale dell'evento

🇻🇪Siempre muy emocionante recordar el 7 de Junio 2014 cuando la Universidad de Turin, en donde trabajaba, me dio la posibilidad de colaborar con la organización del evento en donde otorgaron Honoris Causa al grande Mario Vargas Llosa. A pesar de que fuera a puertas cerradas me permitieron reservar puestos en los asientos reservados al público, para la comunidad venezolana. Al final del discurso pude decirle que Venezolanos esperaban su saludo y el se acercó.

Carlos Gullì
familiafutura 

2018/11/15

Gran encuentro de Venezolanos en Bruselas




[VENEUROPA] La Asociación *VenEuropa* te invita al *Gran Encuentro de Venezolanos* que tendrá lugar este Sábado *24 de Noviembre de 15.00 a 19.00* en *Bruselas*. Los venezolanos que residimos hace ya algunos años en el país tenemos muchos deseos de conocer a los compatriotas que han ido llegando en los últimos 2 años, y darles la bienvenida . Una oportunidad para presentarnos, conversar, y compartir nuestra venezolanidad en estas tierras lejanas. *¡TE ESPERAMOS CON TUS FAMILIARES Y AMIGOS*
--------------—
La inscripción es obligatoria, escribe a *info@veneuropa.eu* con tu nombre y apellido y el de las personas que te acompañarán
----------------

Venezuela, Beatriz: la esperanza de un transplante pulmón se desvaneció



El día que salió de Venezuela había 32 personas en silla de rueda esperando para ser montadas en el avión de Air Europa con destino Barajas, según le dijo la azafata que la subió a la aeronave. “Éramos un hospital volando”, recuerda Beatriz sobre aquella noche del 6 de julio de 2017 en el Aeropuerto Internacional de Maiquetía, en Caracas. A sus 51 años dejaba atrás el país donde había residido toda su vida. Allí había sido profesora de Historia de la Arquitectura y empresaria de la bisutería. Portaba su pasaporte francés, nacionalidad que heredó de su padre, y todos sus ahorros. 
En Venezuela contrajo hace 15 años un asma bronquial que le hacía toser hasta sangrar y que no había podido tratar por la falta de medicina. Con el paso de los años le diagnosticaron una fibrosis pulmonar, que solo podía ser curada con un trasplante, pero un nuevo pulmón era un sueño imposible si permanecía en el país sudamericano, donde el sistema de salud ha colapsado por completo.
El fenómeno de los emigrantes enfermos de Venezuela ha sido denunciado por organizaciones internacionales. Amnistía Internacional advirtió en marzo que “miles están huyendo de una situación agónica que ha convertido enfermedades curables en cuestiones de vida o muerte”. Hay escasez de medicinas, vacunas y suministros médicos tan básicos como gasas estériles, jeringuillas o alcohol, según la Federación Farmacéutica de Venezuela, Fefarven.
Antes de tomar su avión a España, había vendido su casa de cuatro habitaciones en Barquisimeto, llegó a España con unos 13.000 euros en mano. Sus últimos recuerdos antes de salir de Venezuela el año pasado son de la miseria absoluta. Como otros venezolanos de toda condición económica se pasaba el día buscando comida y medicinas. “La enfermedad de Beatriz no tiene otra cura que un trasplante de pulmón pero en su caso está contraindicado”, por sus problemas de corazón, dice una de las doctoras que la ha tratado en Madrid, Diana Chiluiza. Su corazón también está muy debilitado como consecuencia del sobresfuerzo por la falta de oxígeno en los pulmones. “Por poner una analogía su corazón es como el de una persona de 90 años”.
Como otros venezolanos en albergues de Madrid, Begoña siente remordimiento a la hora de ser crítica con la ayuda que ha recibido. Piensa que el sistema benefactor español es “extremadamente generoso”, a pesar de todo: “Aquí tengo comida, techo y calefacción. En Venezuela estuviera muerta hace rato”.



Quando Beatriz lasciò il Venezuela c’erano anche altre 32 persone su sedia a rotelle, aspettavano d’imbarcasi sul volo Air Europa per Madrid. “Eravamo un ospedale volante” ricorda, riferendosi a quella sera del 6 luglio 2017 nell’aeroporto di Maiquetía a Caracas. A 51 anni lasciava il paese in cui è vissuta da sempre. È stata professoressa di Storia dell’Architettura e imprenditrice di bigiotteria. Portava via il  passaporto francese ereditato da suo padre e tutti i suoi risparmi.
Ammalatasi di asma bronchiale che le procurava una tosse fortissima al punto di farla sanguinare, non ha potuto curarsi in Venezuela per mancanza di farmaci. Con il trascorrere degli anni le hanno diagnosticato una fibrosi polmonare, che poteva essere curata solo con un trapianto, ma un polmone nuovo era solo un sogno restando in Venezuela, dove la sanità è completamente collassata.

Il fenomeno degli emigranti venezuelani ammalati è stato segnalato da organizzazioni internazionali. Amnesty International ha allertato che sono migliaia coloro che fuggono da una situazione disperata che ha trasformato malattie incurabili in questioni di vita o di morte. La carenza di medicine, vaccini e forniture mediche come semplici garze sterili, disinfettanti, è ormai la realtà secondo la Federazione Farmaceutica del Venezuela, Fefarven.
Prima di partire per andare in Spagna, Beatriz ha venduto la sua casa di Barquisimeto, è arriva a destinazione con 13.000 € tra le mani. I suoi ultimi ricordi prima di lasciare il Venezuela sono quelli di una completa miseria. Come altri venezuelani trascorreva la giornata alla ricerca di cibo e medicine. Uno dei medici spagnoli dice che la malattia di Beatriz non ha altra cura che un trapiando di polmone che nel suo caso è controindicato per gravi problemi cardiaci. 
Grata al sistema sanitario spagnolo per avergli dato cibo, riscaldamento e un tetto. In Venezuela sarebbe morta da un pezzo.
[versione italiana familiafutura.com]
@cosmodelafuente



2018/11/13

America Latina: una grande famiglia. Gli auguri italovenezuelani di un 2019 all'insegna della pace e la libertà [#Video]


America Latina Unita: storia, arte, idioma, lotte, bellezze.
Fratellanza e Solidarietà.
America Latina è amore senza condizioni.
Che il 2019 si un anno d'amore, di pace, di sviluppo e libertà.
America Latina..una grande famiglia!

"América Latina" nos une historia, arte, idioma, lucha y bellezas
Hermandad y Solidaridad entre nosotros
América Latina…. ¡Amor sin condiciones! Venezuela, hoy, nos necesita a todos. ¡qué el 2019 sea un año de Amor, Paz, Desarrollo y Libertad. América latina es “Una gran familia”
#video mensaje de solidaridad producido sin fines de lucro por familiafutura.com (Libre Prensa impulsando el respeto a los DDHH)
https://www.youtube.com/video_copynotice?v=G6ep86d_Fos
[Copyright by youtube and grant rights animoto permission]
Copyrighted content: Auld Lang Syne

2018/11/12

La polizia di Daniel Ortega (PO) si prepara ad aumentare la repressione





La direttrice del Centro Diritti Umani del Nicaragu, Vilma Núñez, ha definito grave e preoccupante la formazione militare che ha celebrato la Polizia Orteghista, l’istituzione che la popolazione considera un vero organo repressore delle proteste pacifiche e che prende ordini dalla dittatura di Ortega e sua moglie Murillo.  Francys Valdivia, presidente dell’ Associazione Madri di Aprile ha dichiarato che l’allenamento degli agenti del corpo di Polizia Orteghista è il riflesso della politica repressiva che colpisce il paese per mano del “governo”.
Tra le regole di tale “politica” vi è il divieto di manifestare e di infierire contro chi vuol farlo. Secondo la sostenitrice dei Diritti Umani, proprio Daniel Ortega è conscio che, malgrado abbia aumentato le misure repressive e violatrici dei diritti dell’uomo, il malcontento e l’impegno dei cittadini del Nicaragua, in lotta per la libertà dei prigionieri politici, sono sempre più forti e in qualsiasi momento possono manifestarsi nuove forme di lotta.

[familiafutura.com] @cosmodelafuente
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Policía Orteguista se alista para aumentar represión en Nicaragua
Como “grave” y “preocupante” valoró la directora del Centro Nicaragüense de Derechos Humanos (Cenidh), Vilma Núñez, la capacitación militar que ha estado celebrando la Policía Orteguista (PO), institución que es considerada por la población como el órgano represor de las protestas pacíficas y que actúa bajo órdenes de la dictadura Ortega-Murillo. Francys Valdivia, presidenta de la Asociación Madres de Abril (AMA), expresó que el entrenamiento a los oficiales de la PO refleja la política de represión en Nicaragua por parte del “gobierno”. Dicha política implica evitar cualquier manifestación y seguir con la persecución contra la población en todo el territorio nacional. Para la defensora de derechos humanos, el mismo Daniel Ortega sabe que aunque ha implementado medidas represivas y violatorias con el fin de evitar la manifestación pacífica, el descontento y el empeño de los nicaragüenses por recobrar la libertad y la liberación de los presos políticos no han terminado, y en cualquier momento pueden surgir nuevos métodos y formas de lucha enmarcados en el aspecto cívico.
Desde que iniciaron las protestas contra el régimen de Ortega-Murillo, se han contabilizado hasta 535 muertos, según organismos de derechos humanos. También se han multiplicado las denuncias de torturas por parte de la institución policial contra presos políticos, así como el aumento de secuestros y la represión contra cualquier persona que piense diferente al régimen.

2018/11/11

Alerta venezuela: resurgimiento de epidemias en un sistema fallido de salud






En el Informe Mundial de Malaria de la Organización Mundial de la Salud (OMS), Venezuela es uno de los 4 países en el mundo que se encuentra en condición de alerta debido al aumento de los casos de malaria. Alertan que venezolanos exportan difteria, sarampión y malaria. La problemática empezó a preocupar a los pueblos del continente que reciben a gran cantidad de migrantes provenientes de Venezuela
En el 2017 fueron 406.000 casos que generó la epidemía, con 280 muertes en el 2016. Son 700.000 casos al final del 2018 y al concluirse el año se calculan unas 1.500 muertes por debilidad de programas antipalúdicos. Venezuela entre los paises con altísima carda de malaria. #AlertaPaludismo
La emergencia, según señala un documento de la Organización Panamericana de la Salud, discutido hace poco en el consejo directivo de ese organismo, parece haber aparecido repentinamente: “Se han registrado brotes de difteria, sarampión y malaria que se han propagado con rapidez, afectando a muchos de los 23 estados del país y el Distrito Capital al mismo tiempo”, indica el texto que describe la crisis, bautizado con el rebuscado título de “Respuesta de la OPS para mantener una agenda eficaz de cooperación técnica en Venezuela y en los Estados miembros vecinos”.
Un deterioro sanitario y un silencio del oficialismo venezolano inaceptable. El último boletín epidemiológico difundido oficialmente por el Ministerio de Salud corresponde a la semana final de 2016, y su publicación, en febrero de 2017, le costó el cargo poco después a la entonces ministra de Salud, Antonieta Caporale.
Hoy Venezuela está exportando dengue, malaria y sarampión. 
Venezuela hacia atrás, el colapso económico del país ha traído de regreso esta enfermedad; la sacó de las remotas minas de la selva donde sobrevivía en silencio, y volvió a diseminarla por todo el país a niveles que no se veían desde hacía 77 años, según los expertos. Oficialmente, la propagación de la malaria en Venezuela se ha convertido en un secreto de Estado. El gobierno no publica informes epidemiológicos sobre la enfermedad y esconde la grave crisis. 
[sigue en italiano y en inglés]
*****
È allarme MALARIA in Venezuela, nel 2017 i casi sono stati 406.000, un’epidemia che continua a mietere morti, si calcola che sul finire del 2018 i casi mortali saranno almeno 1.500.

L’emergenza segnalata più volte da vari organismi, lancia un grido d’allarme, tra cui l’Organizzazione Panamericana della Salute avverte che il pericolo “malaria” oltrepassa i  confini venezuelani e rappresenta un vero pericolo per tutta la regione latino americana. Tutto nell’assoluto silenzio delle autorità venezuelane.
Il Venezuela sta esportando malaria, dengue e morbillo. L’inesistenza di cure nel paese non permette circoscrivere questa epidemia che si ingrandisce giorno per giorno. C’è da ricordare che le autorità non hanno mai permesso un corridoio umanitario e quindi impossibile curare la popolazione. Oltre alla malattie derivate dalle epidemie del paludismo, gli abitanti del paese non trovano facilmente quelli cardiovascolari, parkinson, retrovirali, cure chemioterapiche, ecc. Ammalarsi in Venezuela è diventata una condanna a morte. 


*****
[IRIN NEWS – 4 nov.] What are the humanitarian impacts of Venezuela’s economic crisis? Drugs shortages are rampant. Diseases like diphtheria and malaria are making a comeback. And infant and maternal deaths are rising after years of decline, according to UN estimates. If only Venezuela weren’t socialist, UN would be screaming by now: Venezuela’s Health Crisis Is Crossing BordersDesperate refugees spread malaria, yellow fever, diphtheria, dengue & tuberculosis to neighboring countries as health-care system implodes.
ALERT: Venezuelan migrants fleeing the economic and social crisis are carrying the mosquito-borne disease into Brazil and other parts of Latin America, the U.N. agency said, urging authorities to provide free screening and treatment regardless of their legal status to avoid further spread. Venezuelan associations 240,613 malaria cases in 2016, many in the gold-mining state of Bolivar bordering Guyana, with an estimated 280 deaths, according to the WHO (World Health Organization].
[familiafutura.com]
@cosmodelafuente

-----------------------------------------










2018/11/10

Diciamoci la verità! In Venezuela si muore letteralmente dalla fame (video)











Milioni sono i venezuelani che fuggono dalla fame e dalla disperazione che hanno vissuto nel loro paese. 
La denutrizione di bambini e adulti è una vera e propria calamità. Le associazioni italiane e internazionali che difendono i Diritti Umani lanciano un grido di allarme.
I venezuelani che approdano, ormai, in tutti i paesi del mondo, possono fare molto. Ora sono liberi di parlare, di denunciare, di seminare la "verità" che troppo spesso viene taciuta per nascondere la verità. Si tratta di una gravissima crisi umanitaria e alimentare senza precedenti nel paese che diede i natali a Simón Bolívar.
Il video vuol essere un richiamo alla sensibilizzazione.
Condividelo anche tu!
Grazie

Son millones los Venezolanos que huyeron del hambre y la desesperación. La desnutrición y la miseria afectan a niños y adultos. Muchas las asociaciones italianas como internacionales defensoras de los Derechos Humanos lanzan un grito de alarma.
Lo venezolanos por el mundo pueden hacer mucho. Ahora que pueden hablar, denunciar, sembrar verdades que tuvieron que callar porque no fue posible revelarlas.
La gravísima crisis humanitaria que está viviendo Venezuela, el país de Simón Bolívar.
El video es un llamado a sensibilizarse.
¡Compártelo tú también!
Gracias



2018/11/09

FAO: Venezuela è il paese sudamericano con il maggior numero di persone in stato di denutrizione


🇮🇹Secondo un rapporto della FAO, la fame in America Latina e nell'area caraibica è aumentata, nel 2017 per il terzo anno consecutivo. Ormai è un dramma che colpisce 39,3 milioni di persone, el 6,1 della popolazione.
Il paese dove è aumentata maggiormente è proprio il Venezuela, dove la cifra delle persone denutrite è arrivata a 600 mila, negli anni dal 2014 al 2017.
La grave crisi umanitaria che ha colpito il Venezuela continua a mietere vittime, anche per la decisione del governo di non accettare aiuti dall'estero.


🇻🇪El hambre en América Latina y el Caribe aumentó en 2017 por tercer año consecutivo y se convirtió en un problema que afecta a 39,3 millones de personas, el 6,1 % de la población de la región, advirtió hoy la FAO.
El país en el que más aumentó el hambre es Venezuela, donde la cifra de personas desnutridas se disparó en 600.000 entre los años 2014 y 2017, precisó la Organización de las Naciones Unidas para la Alimentación y la Agricultura (FAO).

Las cifras forman parte del informe “Panorama de la seguridad alimentaria y nutricional en América Latina y el Caribe 2018”, elaborado junto a la Organización Panamericana de la Salud (OPS), Unicef y el Programa Mundial de Alimentos (WFP).

El documento destaca también que la obesidad se ha convertido en la mayor amenaza nutricional de Latinoamérica, donde cada año hay 3,6 millones de obesos más y el sobrepeso afecta a 250 millones de personas, el 60 % de la población de la región.

El informe, difundido este miércoles en la sede regional de la FAO, en Santiago, destaca que el hambre ha tenido una tendencia al alza en los últimos años, con un incremento de 200.000 personas desnutridas entre 2015 y 2016 y de 400.000 entre 2016 y 2017, cifras que muestran que “la velocidad del deterioro está aumentando”.

En Argentina, Bolivia y Venezuela, además, el número de personas desnutridas ha subido año a año desde 2014. La situación es especialmente preocupante en Venezuela, donde hay 3,7 millones de habitantes subalimentados, el 11,7 % del total. 
La cifra de desnutridos en ese país ha pasado de 1,1 millones en el bienio 2010-2012 a 3,7 millones en 2015-2017, con lo que Venezuela se acerca a la realidad que había a comienzos de este siglo y pierde los avances logrados en la década anterior, señaló la FAO.

Haití sigue siendo el país de la región con una mayor incidencia del hambre con 5 millones de personas, el 45,7 % de su población, seguido de México con 4,8 millones, equivalente al 3,8 % de los habitantes.

Pese a esto, Haití y México, junto a Colombia y República Dominicana, son los únicos cuatro países latinoamericanos en los que la desnutrición ha disminuido desde 2014.
En otros once países la cantidad de personas subalimentadas se mantuvo sin cambios en 2017: Chile, Costa Rica, El Salvador, Ecuador, Guatemala, Honduras, Jamaica, Nicaragua, Panamá, Paraguay y Perú.

Según el informe, Brasil, Cuba y Uruguay son los tres únicos países de la región con porcentajes de hambrientos inferiores al 2,5 % de su población.
Además del hambre, el sobrepeso y la obesidad se han convertido en la principal amenaza nutricional de América Latina y el Caribe.

Casi uno de cada cuatro adultos es obeso y el sobrepeso afecta al 7,3 % de los niños menores de cinco años, por encima del promedio mundial, que es del 5,6 %, señala el informe.

“La obesidad está creciendo descontroladamente. Cada año estamos sumando a 3,6 millones de obesos a esta región (…) La situación es espantosa”, afirmó el representante regional de la FAO, Julio Berdegué, al presentar el documento.
[EFE -  SU NOTICIERO]
@cosmodelafuente

http://sunoticiero.com/venezuela-pais-mayor-desnutricion-latinoamerica-segun-la-fao/

2018/11/08

Alessandro Di Battista: povertà dignitosa in Sudamerica. Ha dimenticato il Venezuela?



Il tour sudamericano di Di Battista, ex parlamentare del Movimento 5 stelle, avrebbe potuto essere una buona occasione per segnalare la verità e denunciare la continua violazione dei Diritti Umani in America latina, in special modo voglio riferirmi al Venezuela e al Nicaragua che, come ormai è risaputo, non riescono a venirne fuori. La dittatura e, consentitemi, la narco tirannia, continua a massacrare popoli in nome di un idealismo e spesso in favore di propri interessi legati al narcotraffico, ad esempio.
Vorrei soltanto rivolgere una mia semplice lamentela a Di Battista. Non  ritengo giusto generalizzare e  parlare di una “povertà dignitosa” in Sudamerica, a meno che non si tenga conto di paesi come il Venezuela, dove non è un mistero la catastrofe umanitaria che sta vivendo e che il regime ha voluto nascondere senza riuscirci.

Bisogna avere il coraggio di dir la verità, tralasciando le facciate politiche e il dover obbligatoriamente dire tutto e il contrario di tutto in nome di una credibilità politica che diventa “incredibilità” dal momento che non solo si nasconde quanto stia accadendo in Venezuela, ma si diventa complici di una violazione continua dei Diritti Umani.
Non voglio entrare nel merito dell’imperialismo americano, discorso fin troppo usato per nascondere i crimini di lesa umanità di molti paesi in mano a dittatori senza scrupoli. Ognuno è libero di pensare quello che vuole ma vedo che anche tu ci vai e ti diverti in America del Nord. Se non sbaglio hai pubblicato fotografie in cui ti si vede con la tua bella famiglia a San Francisco.

Morire di fame, denutrizione, malattie non curate per mancanza di farmaci, cibarsi dalla spazzatura e di cani e iguane, mi pare che di dignitoso non abbia proprio un bel niente.
Per non parlare delle torture e degli omicidi di Stato contro prigionieri politici, crimini che ormai sono sotto gli occhi di tutti. Partorire in strada e sotterrare morti nel giardino di casa per mancanza di soldi per un funerale non ha nulla di dignitoso. Per lo meno bisognerebbe specificare.

Buon rientro a casa
e auguri per la tua bella famiglia

familiafutura press office 
@cosmodelafuente




Il ritorno di Dibba in giro per il mondo. Sudamerica povertà dignitosa

Venezuela entra en el top de las 10 crisis humanitarias peores del mundo

2018/11/06

Il Friuli Venezia Giulia avvia un programma di aiuti economici per gli emigrati italiani in Venezuela




Roma, 6 nov. (askanews) – La regione Friuli Venezia Giulia (FVG) h a avviato un programma di aiuti economici e sociali per i molti emigrati italiani presenti in Venezuela colpito dalla crisi. Ne scrive Luigi Papais Componente del Consiglio direttivo Ente Friuli nel Mondo e del Consiglio generale degli Italiani all’Estero sulla rivista dell’associazione ‘Friuli nel mondo’.
Da quasi vent’anni a questa parte siamo a conoscenza della grave crisi economica e istituzionale che ha colpito il Venezuela e con essa i nostri connazionali e corregionali del Friuli Venezia Giulia, che tuttora vivono in quel Paese, un tempo ricchissimo e ora ridottosi in grande miseria.
[Per ragioni umanitarie, peró, sarebbe il caso di pensare ad aiuti rivolti a tutti, dal momento che quello che si verifica in Venezuela non è soltanto una crisi, ma una vera e propria catastrofe umanitaria] cdf
Tante sono le cause di questa crisi economica: un’ideologia totalitaria impossessatasi delle istituzioni; espropri che hanno provocato perdite economiche e decrescita; corruzione e mercato nero; crollo di interi settori dell’economia quando la crisi petrolifera non ha più permesso di ripianare le costanti perdite delle aziende statalizzate. Diversi connazionali sono riusciti a rientrare in Italia – tanti anche in Fvg – svendendo i loro patrimoni personali e aziendali, oppure perdendoli del tutto. Patrimoni con i quali, negli anni ’50 del secolo scorso, hanno sostenuto massicciamente la ricostruzione del nostro Paese (e del nostro territorio regionale) dopo i disastri bellici, attraverso le copiose rimesse degli emigranti. Altri italiani stanno cercando, nonostante insormontabili difficoltà e lungaggini burocratiche, di rientrare quantomeno in Europa, per sfuggire a una crisi senza apparenti soluzioni, che sta provocando fame e miseria, oltre che impossibilità di cure sanitarie.
La presenza italiana in Venezuela, dunque, si sta assottigliando giorno dopo giorno e per quanto riguarda la nostra regione non supera attualmente le mille unità di cittadini iscritti all’Aire, con passaporto italiano. Potrebbero essere, all’incirca, una decina di migliaia, se consideriamo anche gli attuali discendenti fino alla terza generazione, che hanno perso la cittadinanza italiana e non l’hanno riacquisita e faticano a riottenerla, a causa dei meccanismi farraginosi che la regolano, stante le difficoltà in cui versano le nostre strutture diplomatiche, in condizioni operative di crisi, intrinseche con l’ambiente dissestato in cui operano.
Dopo molti appelli rivolti, in più riprese, dai nostri rimpatriati e in particolare dal presidente onorario del Fogolâr Furlan di Caracas, Enzo Gandin, lo scorso anno in occasione della Giornata regionale dell’Emigrazione, istituita dal nostro Consiglio regionale, tenutasi a Villa Manin il 28 luglio 2017, l’intera questione è stata minuziosamente approfondita attraverso una indagine.
La nostra proposta fatta concretamente propria dalla Regione dettagliata illustrazione da parte del professor Enrique Petracco, rimpatriato dal Venezuela e attualmente docente alle scuole superiori di Trieste. Ciò ha permesso ai presenti e, attraverso i mezzi di comunicazione, all’intera comunità regionale, di conoscere a fondo la gravità della situazione in cui versano corregionali e connazionali, privi del tutto (o quasi) di mezzi di sussistenza e soprattutto di medicinali, compresi quelli salvavita. Situazione che la nostra stampa e le nostre televisioni continuano a ignorare e, nel migliore dei casi, a minimizzare anche quando nella morsa dei rapimenti, delle rapine e pure della perdita di vite umane per sparatorie finiscono connazionali e corregionali, con cittadinanza e passaporto del nostro Paese. La stessa linea del nostro Governo nazionale, di tutti i governi succedutisi nel tempo, è Finanziato dalla Regione Fvg per i corregionali in Venezuela Friuli nel Mondo capofila di un progetto umanitario nel Paese devastato nell’economia e nelle istituzioni improntata alla prudenza tesa a garantire interessi economici e geopolitici che la nostra gente locale fatica a comprendere. Per quanto riguarda Giunta regionale e Consiglio regionale del Fvg, i ripetuti appelli sollevati in particolare dall’Ente Friuli nel Mondo e dalle altre Associazioni regionali (Giuliani nel Mondo ed Efasce), sono stati subito accolti attraverso una posta puntuale di bilancio, inserita nella Legge finanziaria regionale per il 2018, con una dotazione di 100.000 euro, erogati a Friuli nel Mondo quale capofila di un progetto da realizzarsi unitamente a tutte le Associazioni regionali, per aiuti umanitari ai corregionali residenti in Venezuela (L.R. 37/2017, art. 7, comma 63).
Se la generosa erogazione regionale è avvenuta prontamente e all’unanimità del Consiglio regionale, l’operatività si è dimostrata più complicata del previsto, stante il quotidiano aggravamento delle condizioni di ordine pubblico presenti in quel contesto, oltre a questioni di inoltro di generi e di controllo doganale che, sovente, comportano pure l’arbitraria confisca delle medicine o degli altri materiali in spedizione. Va altresì tenuto conto che localmente non ci sono medicinali e che il trasferimento di somme di denaro è soggetta alla legge locale e alla conversione in valuta del posto, depauperata dalla svalutazione quotidiana dell’8%.

Una missione d’altra parte da concordare con il nostro Ministero degli Esteri, con l’Ambasciata italiana e il Consolato generale di Caracas. Adempimenti, perciò, assai complicati considerata pure la distanza che ne complica l’operatività. Il Consiglio direttivo di Friuli nel Mondo ha incaricato lo scrivente, in considerazione della sua contemporanea appartenenza al Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (Cgie), di concretizzare il complicato progetto, finanziato dalla Regione e condiviso pure dalle altre Associazioni regionali. Ciò ha richiesto una serie di interlocuzioni che hanno permesso, dopo ripetuti rinvii collegati a vari aggravamenti della crisi interna del Venezuela, di dare avvio al progetto umanitario, previa individuazione Le obiettive difficoltà di realizzazione del progetto dei canali di mirata attuazione, nel rispetto delle legislazioni nazionale e regionale e delle norme di contabilità pubblica (ogni centesimo dovrà essere rendicontato!). Dapprima si è trattato di incontrare, in più riprese, i corregionali rimpatriati nel tempo dal Venezuela, per ricostruire con loro il quadro della nostra attuale presenza in quel contesto geografico, avuto riguardo alle notizie in loro possesso sulle condizioni di vita delle persone da essi conosciute, tenendo conto delle distanze tra di loro, e le difficoltà di moderna comunicazione. Tanto per precisare, i Fogolârs presenti in quel Paese Sudamericano, stando agli atti di Ente Friuli nel Mondo in quanto legalmente riconosciuti e registrati secondo il diritto locale, sarebbero sei: Barquisimeto, Caracas, Valencia, San Cristobal, Orinoco e Maracaibo. I Giuliani nel Mondo hanno un sodalizio operante a Barquisimeto, mentre l’Efasce opera a Maracaibo. Nella realtà, tutti i sodalizi sono a ranghi ridotti, con parte dei membri pionieri deceduti, altri rimpatriati, perlopiù con soci anziani e non in grado di comunicare tra di loro e con noi. L’obiettivo di operatività futura, sia per il progetto umanitario sia per la continuità della nostra rappresentanza regionale, sarà quello di un nuovo percorso collaborativo unitario, che veda raggruppati assieme tutti i nostri corregionali in Venezuela, per sostenersi quantomeno moralmente in modo vicendevole, senza distinzioni anacronistiche per quel contesto.

Si è quindi reso finalmente possibile un incontro collegiale, nella seconda quindicina di settembre, a Caracas, con la presenza di circa una ventina di rappresentanti dei sodalizi di corregionali, convenuti anche da luoghi molto lontani. Si è dato vita all’auspicato coordinamento unitario, con la presenza di diversi giovani, fortemente animati a sostenere il progetto, che prevede la spedizione dall’Italia di medicinali e la consegna degli stessi in varie località venezuelane, d’intesa con l’Ambasciata e il Consolato generale, dichiaratisi disponibili a facilitare il progetto così come concordato, per quanto di loro competenza e possibilità. A giorni il gruppo di lavoro si riunirà per raccogliere e monitorare le indicazioni sulle necessità urgenti, riguardanti medicinali, protesi e assicurazioni mediche per patologie gravi, per poi procedere nel concreto. I lettori che fossero a conoscenza di casi in cui necessitano interventi in tal senso, sono invitati a scrivere all’indirizzo di posta elettronica fvg.venezuela@gmail.com oppure rivolgendosi a Friuli nel Mondo o alle loro Associazioni.
Sull’evento di Caracas daremo maggiori dettagli nei prossimi numeri del giornale e così pure sull’evoluzione del progetto. Su come invece evolverà nel futuro la situazione di quel Paese, permangono grossissime incognite per la continuità della presenza organizzata della rappresentanza dei connazionali italiani e dei corregionali del Fvg; della difesa dei diritti degli emigranti e della possibilità di trasmettere i nostri valori e la nostra cultura, che pure hanno contribuito a rendere un tempo grande la nazione venezuelana e, di riflesso, anche quella italiana. La via d’uscita, lungi da interventi militari mancando attualmente leader alternativi, è quella di stabilire un nuovo patto sociale, su cui porre le basi per un nuovo modello di sviluppo. Bisogna andare oltre la sola estrazione di risorse dal sottosuolo, promuovendo invece la crescita civile ed economica dei cittadini e la loro effettiva libertà di organizzazione politica, per dare luogo a un quadro istituzionale democratico e soprattutto onesto e trasparente. Cose, purtroppo, ancora lontane dal realizzarsi.

[dalla rivista Friuli nel Mondo]

2018/11/05

Venezolanos en Piemonte, Venezolanos en Torino preparando algo grande

Los Venezolanos en Piemonte tienen la posibilidad de contactar al periodista activista Cosmo de la Fuente, italo venezolano de Torino.
Informaciones con respecto a Universidad, Politecnico y burocracia documentos o si tienes preguntas para saber a quien dirigirte. 
Si necesitas ayuda con el idioma italiano, puedes contar con un profesor bilingüe graduado en la ciudad de Turin.
Puedes señalarnos cualquier abuso o maltrato escribiendo a familiafutura@gmail.com
Estaremos organizando un grande encuentro con Venezolanos.
Preparando una nueva organización para ayuda al Venezolano.
Muy pronto hablaremos!
Todos por y con Venezuela.


(Jenny Loan)


I venezuelani in Piemonte hanno la possibilità di contattare il giornalista attivissimo per la causa venezuelana, Cosmo de la Fuente. Italo venezuelano che vive a Torino da molti anni, di origini italiane.
Informazioni riguardanti le iscrizioni Universitarie della città, iter burocratico per documentazioni e traduzioni, lezioni da e per l'italiano, gestite da un professore di lingua italiana laureato  a Torino.
Qualsiasi tipo di aiuto, anche per segnalare alcun problema nel disbrigo delle pratiche, scrivici a 
familiafutura@gmail.com

2018/11/04

Caracas, el pasado no regresa pero los recuerdos te calientan el corazón



Canción del video memory "SOLEDAD"
palabras dedicadas a Caracas


La fragilidad nos hace poderosos y los recuerdos te sorprenden cuando te sientes frágil. El pasado no va a regresar, pero te abraza y te calienta el corazón. Parece una película.
No va a regresar.
Con mi mente vuelo a mi infancia, cuando vivía en San Martín, Caracas. Una zona popular, claro, en donde era fácil hacer amistades con la gente.  Jugaba en el callejón de calle Andalucía. Recuerdo mis amigos Manolo (cabezón) y Vladimir (cotufa) junto a ellos y a otros pasé mi infancia con ganas de vivir. Muchos de mis amigos bajaban del barrio cercano, El Guarataro. Era el verdadero corazón de Venezuela.
Me interesa el país, en donde nací y dejé el corazón, dejé la juventud, que vuelva a ser libre, Señor.
Si no tienes intereses diferentes, puedes decir lo que sientes de verdad y eres auténtico.
Cotufa y cabezón fueron buenos amigos. En sus humildes hogares transcurrí moemntos inolvidables, de simple belleza humana. Asunción, la mamá de cotufa nos preparaba la merienda, la más apreciada era la arepa con queso blanco y un vaso de merengada.
Jugábamos a beisbol y a fucilado. Los domingos por la mañana con todo el grupito nos íbamos a la Iglesia y aunque nos alejábamos un poco, al final las mamás no nos regañaban.. “fui a misa mamá” decíamos.
¡cómo extraño a mi padre, quien fue el protagonista de mi infancia venezolana!
Volver.

---------
I ricordi ti sorprendono nei momenti in cui ti senti più fragile. Il passato, che sai non potrà tornare, ti abbraccia e ti scalda il cuore. Come un film.  Non tornerà. 
Volo ai tempi dell’infanzia quando vivevo a San Martín, Caracas. Una delle zone popolari della capitale, dove facevi amicizia facilmente. Giocavo nello stradone cieco di calle Andalucía con Manolo, Vladimir, Carlos e altri amici pieni di voglia di vivere. Molti di loro scendevano proprio dalle zone delle baraccopoli intorno. Ma era il vero cuore del Venezuela.

Quando dico che ciò che mi interessa veramente è che il mio paese, quello dove sono nato e in cui ho lasciato il cuore e la giovinezza, torni ad essere libero, lo faccio senza altri interessi. Beh, un interesse c’è, quello di tornarci.
Vladimir e Manolo, i cui soprannomi erano “cotufa” e “cabezón”,  erano buoni amici. Nelle loro semplici e modeste abitazioni ho trascorso momenti indimenticabili. Asunción, la mamma di cotufa, ci preparava sempre qualche merenda venezuelana, ovviamente la più gettonata era la arepa e un bel bicchiere di merengada.
Giocavamo a baseball e a fucilado. La domenica mattina, in gruppo, camminavamo per la avenida San Martín e arrivavamo fino alla Chiesa, così tornando a casa non potevano sgridarci, ci eravamo allontanati..è vero, ma per andare a messa.
Quanto mi manca il mio papà, protagonista della mia infanzia venezuelana.
Ritornare.

canción :SOLEDAD [Cosmo-Bouvet] canta Cosmo
Ed. Mus. Disco3 – NAR international Milano - 


2018/10/31

Europe Assistance, Bravo Fly: malgrado la polizza, la madre ammalata e peggiorata non è abbastanza per non partire




Acquisti un volo per gli Stati Uniti, Miami, per motivi di lavoro.
Acquisti polizza Europe Assistance per eventuali emergenze che potrebbero impedirti di partire e, quindi, riuscire a recuperare qualcosa.
E' successo a me, ora scopro a molti altri.
Bravo Fly, il gestore della parte "voli" e Europe Assistance per Bravo Fly per la parte assicurativa.
Il giorno dopo l'acquisto del biglietto e della polizza, mia mamma, ammalata di Parkinson, peggiora e i medici mi dicono di non partire in maniera da poterla assistere e aiutare.  Non ci penso due volte. Mi pare un motivo molto importante.
Pare che per Europe Assistance, questo motivo non sia sufficiente e quindi, nonostante siano passate solo 24 ore, non rimborsano un bel niente. 
Vi pare possibile? Eppure (foto) la mail di conferma dell'acquisto polizza avevano tutt'altro linguaggio. Cosa mi rispondono quando ho aperto il sinistro (ripeto dopo 24 ore dall'acquisto)?

 "..... confermiamo la ricezione della sua richiesta di rimborso. Siamo spiacenti di informarla che, dopo aver esaminato le Condizioni Generali da lei accettate esplicitamente nel momento in cui confermò l'acquisto, non possiamo accogliere la sua richiesta per il seguente motivo:
  - la causa descritta non impedisce la realizzazione del viaggio-"

Cioè una madre anziana aggravatasi non è una ragione sufficiente?
Ho presentato a Europe Assistance certificato medico e quant'altro..eppure la risposta è stata quella. 
La loro, secondo me, potrebbe essere solo una falsa pubblicità quando vogliono che acquisti la polizza di viaggio... non pensate lo stesso?
Questo non finisce qui e anche se mi sento DERUBATO e IMBROGLIATO almeno cercheremo, insieme al mio staff, di informare i cittadini e poveracci che possono cadere.

Non acquistate su Bravo Fly e ancor meno "Europe Assistance per Bravo Fly".
Io ci sono arrivato tramite il sito di VOLAGRATIS.
Tutti se ne sono lavati le mani.



2018/10/29

Maria Corina Machado, Jair Bolsonaro, Resistencia Rumbo Libertad: speranze per il Venezuela?



L'unica leader dell'opposizione, che non ha deluso ancora l'elettorato venezuelano, stanco non solo del regime in mano alla narco dittatura di Maduro ma anche di una falsa opposizione che dialoga e si accorda con il dittatore, è sicuramente Maria Corina Machado. 
Insieme ai ragazzi della Resistenza di Rumbo Libertad, liderati da Roderick Navarro, sono i nomi che ancora riescono a dare una speranza a un paese che da ricchissimo è diventato tra i più poveri del mondo per colpa di una catastrofe umanitaria causata dal castro chavismo e che  Maduro continua a non ammettere.
Maria Corina è stata vittima di un'aggressione in seguito alla quale ha riportato la rottura del setto nasale. Proprio quando i giornalisti e i media si distraggono il regime del tiranno Nicolás si fa più duro e approfitta. 
MCM assieme a un gruppo di attivisti stava camminando per le vie di Upata: città e centro amministrativo del municipio di Piar, nello stato di Bolívar. All'improvviso sono stati attaccati da un “collettivo” di paramilitari del regime, che oltre a menare bastonate hanno lanciato pietre e uova, impadronendosi di varie apparecchiature elettroniche. Corina Machado, appunto, è stata colpita al volto.  Tipico delle bande di "colectivos" sorta di teppisti stipendiati da Maduro per spaventare, creare disordini e spesso uccidere.  
Secondo una coordinatrice di "Vente Venezuela" il partito di Maria Corina, L'aggressione è avvenuta pochi giorni dopo una denuncia dell'ex-presidente colombiano Andrés Pastrana, secondo cui il regime venezuelano stava preparando un attentato contro la ex-deputata, considerandola l'anima dell'ala più irriducibile dell'opposizione.
Forte e coraggiosa Maria Corina Machado si è staccata dalla MUD, l'agglomerato di partiti che dovrebbero essere dell'opposizione ma, come già detto, hanno accettato dialoghi, votazioni e quant'altro pur di mantenere briciole di potere in cambio dell'assistenza al tiranno. Diaologhi e votazioni inutili, ben sapendo che dalla dittatura non ci si libera con elezioni. Vedi Cuba.

2018/10/27

Quando il "chavista" Di Battista parlava così della Lega e di Salvini, tacendo riguardo i 4.197.000.000 di $ di Maria Gabriela Chávez





Settembre 2018 “Siamo in una comunità di ex guerriglieri che ora, dopo un accordo di pace, mandano avanti la società. Proprio quel genere di cose per le quali mi dicono che sono una zecca comunista o un fascista“. Sono le parole di Alessandro Di Battista, ex parlamentare del M5s, in Guatemala dopo tre mesi di viaggio in America. “Ma per me destra e sinistra non esistono più. Sono categorie settecentesche”. [via Il Fatto Quotidiano]
Sono d'accordo su questo, infatti non riesco nemmeno io a collocarmi da una parte o dall'altra dal momento che amo la LIBERTA' e la crescita dei paesi grazie anche alle opportunità che fornisce il capitalismo. 
Ma non sono razzista, credo nella libertà di essere se stessi in un paese che garantisca la  la democrazia, la libertà di stampa.
Quello che, da italo-venezuelano, proprio non mi va giù, è l'appoggio che si vorrebbe dare, per motivi meramente politici, al chavismo e al madurismo che in Venezuela ha portato morte, miseria e una vera catastrofe umanitaria. 
Nelle mani di una dittatura, che non voglio nemmeno definire socialista, una dittatura e basta. Un genocidio.
Un paese ridotto ai minimi termini nella mani di Nicolás Maduro, dove una narco dittatura, ormai riconosciuta dal mondo, ha distrutto tutto.
Tutto cominció con Hugo Chávez, colui che definiva la "ricchezza il male" ma che ha lasciato un'eredità di miliardi di dollari a sua figlia Maria Gabriela.
4.197.000.000 di dollari la sua fortuna.
http://iclep.org/maria-gabriela-la-hija-millonaria-de-hugo-chavez/ 
Allora Di Battista, vogliamo essere un po' coerenti e definire Maduro e il Venezuela una narco tirannia senza precedenti, per quello che è?
@cosmodelafuente
familiafutura.com
-----


Los 4.197.000.000 de dólares que María Gabriela Chávez posee en sus cuentas de Andorra y EEUU le conceden el ostentoso título de la más millonaria de VenezuelaMaria Gabriela Chávez representa el lugar numero en Forbes
SER RICO ES MALO! Maria Gabriela Chávez representa el lugar numero en Forbes Venezuela por sus 4.197.000.000 Millones de dólares
María Gabriela, la hija predilecta del fallecido presidente Hugo Chávez, podría ser la persona más rica de Venezuela, según pruebas presentadas donde se detalla a cuánto asciende la herencia de su padre.
Según la información que reseñó Diario las Américas, la fortuna de María Gabriela dista mucho de lo que solía decir su padre: “Ser rico es malo”, y se aleja todavía más de la doctrina socialista que Chávez trató de imponer en el país petrolero.
Los 4.197.000.000 de dólares que María Gabriela Chávez posee en sus cuentas de Andorra y EEUU le conceden el ostentoso título de la más millonaria de Venezuela, muy por encima de empresarios como Lorenzo Mendoza, dueño de Empresas Polar, tildado cientos de veces por los chavistas como “el gran oligarca”. Supera incluso la fortuna del empresario venezolano Gustavo Cisneros, quien según la revista Forbes posee un capital de 3,6 millardos de dólares.
De todos los hermanos Chávez es ella quien mantiene una relación más estrecha y profunda con los presidentes latinoamericanos que entablaron amistad o secundaron los planes regionales de su padre; especialmente con el líder cubano Fidel Castro y con la presidenta argentina Cristina Fernández de Kirchner.
La heroína de Chávez, ha sido señalada en reiteradas oportunidades como fuerte candidata a la Presidencia de Venezuela, por sus vínculos en Latinoamérica y las semejanzas con su padre. Actualmente se desempeña como representante permanente alterna de Venezuela ante la Organización de las Naciones Unidas, en Nueva York.
El Venezolano News
vía ICLEP