5/22/16

Il Venezuela mangia dalla spazzatura per colpa di Maduro






Il Venezuela mangia dalla spazzatura per colpa di Maduro (click)

L'articolo denuncia la grave crisi umanitaria che sta vivendo il Venezuela. Per leggerlo intergralmente clicca.

5/16/16

Los que brotaron una làgrima antes de irse para siempre

Duele pensar en los que se han ido para siempre sin volver a ver su Venezuela libre y serena. 
A los abuelos, a los padres, a los que perdieron la vida recordando lo que era nuestra Venezuela y no tendrán más la esperanza. Las costumbres, las tradiciones, la hermandad y los perfumes de la comida y de los jardines de nuestras ciudades. El correr libres por nuestras playas. 
Los que se fueron con el anhelo de que nuestro país volviera a ser el de antes, que brotaron una lágrima antes de irse para siempre. 
Si nosotros recordamos las cosas buenas  que pasamos en la vida y más cuando éramos chamos, si nos acordamos de los lugares, de lo que hacíamoos, de los juegos con los panas en los parques, en los callejones, me pregunto cuales pueden haber sido los recuerdos de nuestros padres y abuelos , que se criaron y vivieron en Venezuela en sus mejores años. Qué dolor pensar en nuestros chamos que no han disfrutado todavía de un país libre y democrático, en donde poder estudiar, crecer y pasársela bien. 
Nos han quitado todo lo material y lo necesario, nos han quitado el amor y el cariño entre nosotros. 
Cuando leo en las redes sociales los que escriben "qué lindo es no vivir en Venezuela" puedo comprender el sentimiento y la amargura, sin embargono puedo no recordar que LINDO ERA VIVIR EN VENEZUELA y a cuando antes de acostarnos pedíamos la Bendición a nuestros padres. 
Qué lindo sería volver a casa. Es un amor que no se puede olvidar. 
@Cosmodelafuente

5/13/16

Venezuela e Brasile a confronto

L'articolo Venezuela e Brasile a confronto
Clicca qui

http://it.blastingnews.com/politica/2016/05/venezuela-e-brasile-a-confronto-00919091.html

La diferencia entre Venezuela y Brasil

Dilma, la Presidenta de Brasil y el dictador (burro) Nicolás Maduro de Venezuela, llevan meses en la cuerda floja. Guerra abierta con las respectivas oposiciones. Brasil y Venezuela bajo la corrupción de las empresas petroleras PETROBRAS y PDVSA, pero hay una diferencia fundamental: en Brasil el poder judicial es fuerte e independiente que cumple su papel, el de Venezuela es el brazo derecho de Maduro, al servicio exclusivo del Régimen Chavista y lo peor es que ni lo disimula.
‪#‎cdf‬
ABC: El populismo que ha gobernado durante años varios países iberoamericanos atraviesa una crisis que escribió su último capítulo este jueves. El Senado de Brasil, después de una sesión maratoniana con discursos de sus miembros, aprobó apartar a la presidenta Dilma Rousseff del cargo durante 180 días, medida destinada a promover su juicio político y cuya probable consecuencia sea su destitución definitiva. El Partido de los Trabajadores —formación que llegó al poder en 2003 de mano de Lula da Silva, en los años dulces de la bonanza económica— abandonará las riendas políticas del país junto a su mandataria, que cerrará una gestión caracterizada por su impopularidad y por los escándalos de corrupción. Sus hermanos ideológicos en otras naciones americanas se asoman a un ocaso similar: Venezuela, Bolivia, Ecuador, Nicaragua o Argentina muestran que el modelo populista hace aguas en el continente, y ABC analiza cada caso.
Henry Ramos Allup acusó a Maduro de ser el único en 204 años en desaplicar la Constitución.
La Asamblea Nacional acordó ayer denunciar en el mundo la “ruptura del orden constitucional en Venezuela” perpetrado por el gobierno, el Tribunal Supremo de Justicia y el Consejo Nacional Electoral mediante sentencias o decretos y la negativas a convocar a consulta electoral del pueblo.
Esperemos que a esto siga de inmediato la silicitud de la Partida de Nacimiento de Maduro.
Un gobierno que vive en la mentira, tan desesperado que se inventa cualquier estupidez, como la de El ministro de Relaciones Interiores, general Gustavo González López que afirmó que el diputado Lester Toledo y los partidos Voluntad Popular, Un Nuevo Tiempo y la Mesa de la Unidad le pagaron a unos ciudadanos para provocar los disturbios ocurridos en Maracaibo la semana pasada, protestando por los continuos y frecuentes apagones que sufre el Zulia.
Un gobierno de malandros que no se conforma con el hecho que Venezuela decidió por un cambio radical.
La guinda del pastel : la Polar se quedó sin materia prima y el 29 de abril se paralizó la planta de San Joaquín (estado Carabobo), la última de las cuatro que procesan la cebada malteada para cerveza y malta. Con esta medida forzosa se fueron a casa los últimos trabajadores para un total de 10 mil cuya relación laboral se mantiene suspendida hasta nuevo aviso.
Qué decir del narcotraficante Diosdado Cabello que dice que va a investigar sobre permiso de Sony Pictures para la serie de Hugo Chávez. Pobre loco!
Preocupante que el diputado a la Asamblea Nacional de Venezuela, Amércio De Grazia, denuncie que el comisario del Sebin Melvin Collazos, tendría la misión de “liquidarlo”.
El país nos necesita UNIDOS.
No hay que dejar la calle. Llegará el día..la calle no tendrá retorno..hasta liberar a Venezuela. 
@cosmodelafuente

5/12/16

Il sindaco di Napoli non conosce la realtà del Venezuela

Se il sindaco ‪De Magistris appoggia la dittatura venezuelana significa che non solo è disinformato (non credo in malafede) ma che anche in Italia abbiamo poco da sorridere se verremo rappresentati da molti come lui che, senza sapere nulla di un paese, sostiene e incoraggia, forse ingenuamente, la distruzione di un popolo intero.
Anche al Sindaco consigliamo una visita al Venezuela per accertarsi della situazione in cui versa il paese, di stare anche solo qualche giorno, non negli alberghi di lusso pagati dal governo italiano, ma di miscelarsi con il 'vero' popolo venezuelano.
Non sto nemmeno a nominare il console venezuelano a Napoli,  "enchufada" immischiata negli affari del governo dittatoriale di Maduro.
IL Venezuela, caro #DeMagistris necessita un cambio, qui non si tratta di voti o di colori politici, parliamo della vita di milioni di persone, le consigliamo di informarsi bene prima di agire senza cognizione di causa appoggiando inconsapevolmente narcotrafficanti e corrotti al potere.
Appoggiare dittature come quelle del Venezuela e della Corea del Nord, potrebbe significare diventare complici di omicidi di massa. Ci pensi bene!
Non lasciamoci prendere in giro da dittatori delinquenti e genocidi, almento questo ce lo aspetteremmo da uno come lei.
‪#‎SindacoDiNapoli‬ #DeMagistris
A sinistra dell'immagine il Console del Venezuela a Napoli.
‪#‎Napoli‬
@cosmodelafuente

Una pregunta a Henry Ramos Allup

A
Ayer vimos muros de contención contra el pueblo Venezolano. No tardará en llegar lo Tzunami que pasará por encima de esos muros.
Venezuela no puede aguantar un año más, ni un mes más. Los enfermos, los hambrientos, los presos políticos necesitan de un cambio inmediato.
Creemos en la MUD porque es nuestra real esperanza, pero son muchos, demasiados los que esperan una respuesta, para seguir confiando y para continuar en esta lucha. Nunca caeremos en las trampas del régimen y de sus sirenas que nos anuncian falsos alarmismos.
Habrá seguramente una explicación lógica y compartible: si es verdad que es Colombiano o que tiene doble ciudadanía ¿por qué después de la carta enviada a Miraflores en el mes de Abril, la AN no ha solicitado más la Partida de Nacimiento de Maduro? Creo que sería bien tranquilizar a la gente y contar con esa fuerza y apoyo popular. Sería suficiente darnos la simple explicación, la verdad, por fea que sea, también si están guardando esa posibilidad como estocada final; todo quedaría claro en la mente de los millones de electores en el camino hacia la democracia.
Cosmo
‪#‎MUD‬ ‪#‎HenryRamosAllup‬ ‪#‎ChuoTorrealba‬ ‪#‎Venezuela‬ ‪#‎cdf‬


@Cosmodelafuente

5/11/16

El régimen de Venezuela le tiene terror a la presión ciudadana


Hoy queda demostrado que el régimen no le teme al Revocatorio, le tiene TERROR a la presión ciudadana.
La GNB es el muro de contención que frena cualquier intento del pueblo en revelarse. Pasó en Cuba, pasa en Corea del Norte,es un libreto comunista.
Hay que seguir marchando. Más Represión? Más calle! El pueblo es el que finalmente tiene la fuerza, los bríos y el poder de la unidad.
Calle y más calle. No hay otra.
Lo debemos a nuestro país, por el sacrificio de nuestros presos políticos que merecen libertad; lo debemos a nuestros caidos y a todos nosotros que somos Venezolanos de buena voluntad.
Y si mientras nuestra gente pasa hambre Nicolás Maduro hace cadena Nacional para mentir y estafar, tenemos que recordar que hace tiempo que los enchufados tomaron su decisión: Solo muertos, soltarán el poder; no tienen salidas y mucho que perder.
Calle y más calle!

@cosmodelafuente

5/7/16

Fabio Cassetta : una promessa per Torino

Chi mi conosce sa che non parlo spesso di politica italiana. La politica è sempre un qualcosa di sconosciuto e io sono del parere che conoscendo i soggetti che la protagonizzano, è possibile avere le idee più chiare.
Ho il piacere di conoscere Fabio Cassetta, per averci lavorato insieme e per aver potuto apprezzare le sue doti umane.
Dotato di sensibilità e intelligenza da rendermi sicuro di consigliare ai miei amici più cari di Torino, di votarlo come consigliere comunale. Sicuramente un valore aggiunto per la nostra città. Una promessa per Torino.
In bocca al lupo al dottor Cassetta!


Segue una breve scheda di Fabio




FABIO CASSETTA ha 41 anni, laureato in Giurisprudenza, lavora come funzionario amministrativo presso l’Università degli Studi di Torino.
Vive a Torino nella Circoscrizione 7 dove ha iniziato il suo impegno civile e politico.
Iscritto prima nei Democratici di Sinistra poi nel PD, è attualmente capogruppo del PD nel consiglio circoscrizionale e Coordinatore alla sottocommissione per le politiche sui minori alla Circoscrizione 7.
Fabio Cassetta è una persona seria e onesta, preparata e con una passione politica sincera.
Ha accettato di candidarsi come consigliere comunale a Torino e sono convinto che se sarà eletto saprà darà un contributo importante allo sviluppo della nostra città e alle esigenze della giustizia e dell’uguaglianza, senza le quali nessuna comunità può davvero crescere e progredire.

5/3/16

Lisette Fernandez: da Caracas in Italia, brilla una stella








Independientemente del color político, quiero felicitar a una amiga, a  una hermana y amiga Venezolana que comienza un nuevo camino en la política Italiana. Querida Lisette fue un placer haberte conocido, ser amigo de quien con su trabajo, seriedad, puntualidad, responsabilidad y profesionalidad lleva en alto, también, el nombre de Venezuela.
Te deseo lo mejor.
Cosmo de La Fuente

Lissette Fernandez, esponente venezuelana dell'associazionismo milanese, candidata al Consiglio Comunale di Milano con IDV
Sabato 30 Aprile si è tenuta a Milano, presso l'hotel Michelangelo, la presentazione ufficiale della lista di Italia dei Valori per il Consiglio Comunale, a sostegno del candidato sindaco Beppe Sala, presente per l'occasione. Tra i candidati della lista è presente anche Lissette Fernandez, cittadina italiana di origine venezuelana, da tempo rappresentante di spicco nel mondo dell'associazionismo milanese. La sua candidatura al Consiglio Comunale di Milano, è stata accolta calorosamente: ecco le dichiarazioni della candidata.

"Sono felice per la mia candidatura al Consiglio Comunale di Milano, con la lista di Italia dei Valori: sono certa che sarà un'esperienza indimenticabile. Chi mi segue da sempre sa bene del mio amore per l'Italia, e in particolare per la città di Milano. So che in queste amministrative ci sono anche diversi candidati non nati in Italia, in diverse liste del centro sinistra, e a loro va il mio migliore augurio: questo è senz'altro il risultato di un ottimo lavoro di integrazione, che questa città porta avanti da molto tempo. Non voglio tormentare nessuno con i soliti discorsi politici o con promesse utopiche: nel programma che ho in mente verranno inclusi tutti i cittadini di Milano. Perché collaborare a governare la città, nell'interesse reale dei cittadini, è quello che deve fare un bravo amministratore. Grazie di cuore al mio partito per l'invito ad essere una parte attiva in questo arduo percorso."

Mediacontact Communications
Miami-Torino-Caracas

5/1/16

Venezuela: impronta indelebile

Il processo evolutivo della cultura Venezuela ha radici preispaniche, ispaniche e africane, consolidatesi durante il colonialismo. Un grande processo di miscela di razze ha protagonizzato il periodo. Diverse le etnie indigene, ognuna delle quali aveva la propria arte rupestre, con tradizioni tramandate oralmente, soprattutto nella regione andina, nelle aree montuose del litorale, nelle zone dei Llanos e nelle selve amazzoniche. 
Notevole l'apporto linguistico, architettonico, delle arti decorative, pittura, arti orafe, arte della fabbricazione dei mobili dei conquistadores e colonizadores spagnoli, originari soprattutto dell'Andalucia, Castilla ed Extremadura. I contributi musicali, le pitture dal sapore africano, correnti culturali delle Antille e dall'Europa, nel secolo XIX, soprattutto dalla Francia, hanno arricchito la cultura e il tessuto artistico del Venezuela, che è "veramente" un paese da scoprire. L'architettura ispanica si può apprezzare nei centri storici come La Guaira, Puerto Cabello, Maracaibo, Araya e molti altri.
Le strade e le abitazioni di Coro lasciano senza fiato, ma molti templi antichi si possono apprezzare a La Asuncion, nelle valli di Aragua e Andes. Che dire, poi, delle tenute dagli ampi patios dove si seccava il caffé e il cacao, sia nelle Ande che al nordest del paese. Manifestazioni di architettura urbana del 19° sec. si possono anche apprezzare a Caracas, la capitale, che fino a poco tempo fa era chiamata 'La succursale del Cielo', dall'eterna primvavera e ricettacolo di artisti, culla di tante persone  di cultura.
A Macuto, a Maracaibo e a Barquisimeto vi sono anche delle testimonianze di architetturta urbana. Nelle regioni petrolifere del Venezuela si stanziarono diverse testimonianze culturali di origine nordamericana e un' immigrazione spagnola, italiana e portoghese. La grande circolazione di denaro e i contatti con l'estero hanno sviluppato, in queste zone, un'architettura moderna, raggiungendo un livello molto alto come il complesso culturale Teresa Carreño, e in molte delle spettacolari torri.
Il ballo nazionale di questo meraviglioso paese è il Joropo e gli strumenti musicali tipici sono il cuatro, arpa, maracas associati alla vita del llanero, nei balli accompagnati dal tambor e diversi strumenti di origene africana. 

Il Venezuela ha accolto molti stranieri in cerca di una vita migliore e sarebbe la cosa più normale del mondo aiutare questo paese che ha dato i natali al Libertador Simòn Bolivar. Sappiamo che oggi attraversa, a causa della dittatura chavista di Maduro, un momento terribile. Già immersi nel disastro economico: senza farmaci e senza cibo, siamo vittime della repressione e del malgoverno di un colombiano, il presidente Maduro, attaccato al potere, spietato, ignorante che si è macchiato, insieme a Cabello (ex Presidente del Parlamento), di gravi crimini contro l'Umanità.
Noi venezuelani sappiamo che tutto questo finirà, ritorneremo ad un paese normale e vogliamo rimboccarci le maniche per contribuire al risorgere dell'economia.
Non dimentichiamo che il Venezuela è uno dei maggiori produttori di petrolio, nonchè ricchissimo di risorse naturali e turistiche. Dalle meravigliose spiagge tropicali della costa e delle sue isole da sogno, alle montagne delle Ande, dalle praterie a Canaima alle porte dell'Amazzonia, sede della cascata più alta del mondo, il Salto Angel. Sono dati che ogni persona sa o dovrebbe sapere, come dovrebbe sapere che l'attuale governo, dittatoriale, ci ha massacrati. 

@cosmodelafuente

4/23/16

Crisi Umanitaria Venezuelana

- Venezuela - (International Business):
Ad aggravare la già complicata situazione economica del Venezuela si mette anche l'energia elettrica: il Paese sudamericano infatti ha annunciato venerdì 15 aprile l'intenzione di spostare il proprio fuso orario in avanti di 30 minuti, così da risparmiare energia elettrica.
Il paese vive da settimane una grave crisi energetica, che stringe ulteriormente la morsa di quella economica: il presidente della Camera di Commercio di Carabobo Guillermo Manosalva ha dichiarato che le interruzioni di corrente elettrica, che influiscono su oltre il 40 per cento delle zone commerciali della capitale Caracas, hanno causato la chiusura di ben 300 attività soltanto nel primo trimestre dell'anno 2016.
Oggi El Nino distrugge ciò che Chavez aveva costruito, secondo la narrazione dei chavisti..."
In realtà i Chavisti non hanno cortuito niente ma hanno, certamente, affossato il paese: leggi economiche sbagliate o inesistenti e la pessima gestione di Maduro hanno portato il Venezuela alla rovina.
Oramai in Venezuela tutto fa polemica. L'opposizione politica, che ha la maggioranza del Parlamento della Repubblica bolivariana, accusa il governo di una cattiva gestione delle risorse idriche, oltre che petrolifere.
La polemica e la lotta popolare è arrivata allo stremo dal momento che nel Paese non si trova più nulla: medicine, cibo, acqua potabile. Oltre ai morti assassinati, circa 25.000 all'anno, a causa delle peggiore delinquenza mondiale che resta impunita, si aggiungono quelli che muoiono a causa della mancanza di medicinali per la cura del cancro e delle malattie cardiovascolari, tra cui moltissimi i bambini e i neonati.
Il Venezuela sta affrontando da sola una terribile Crisi Umanitaria, Alimentare ed è vittima di repressione e violazione dei diritti umani da parte del Governo Dittatoriale di Maduro, presidente che non sarebbe nemmeno legittimo perchè straniero.
Un regime, manovrato da Cuba che, ovviamente, non rispetta il voto dei venezuelani i quali lo scorso 6 dicembre hanno votato a favore dell'opposizione vincendo in maniera schiacchiante, ma il dittatore non accetta e invalida le leggi approvate dal Parlamento.
La situazione è destinata a peggiorare e, propabilmente, si potrebbe arrivare ad una rivolta nazionale.
Andrea Spinelli: - Intanto il popolo cerca di tirare a campare: i sequestri lampo, 2 o 3 ore per chiedere un riscatto minimo, 20-30.000 dollari, sono all'ordine del giorno - e si dice siano più quelli che restano nell'ombra che quelli che emergono - e così le rapine e le fughe verso la vicina Colombia-
E' incredible che un disastro ti tale portata venga ignorato dai media internazionali, soprattutto quelli italiani. Ma il problema non è qui, è sul posto.
La stragrande maggioranza dei venezuelani chiede le dimissioni e la revoca del presidente corrotto e narcotrafficante, che non ha intenzione di mollare ma, allo stesso modo, nessuno demorderà chiedendo l'uscita del tiranno.
Un popolo realmente affamato che non ha più nulla da perdere diventa un gigante pronto a tutto. Il Chavismo è stata una bufala, che ha portato alla rovina economica del paese più ricco dell'America latina.
@cosmodelafuente
‪#‎sosVenezuela‬ ‪#‎narcotraffico‬ ‪#‎Venezuela‬ ‪#‎YoRevoco‬ ‪#‎cdf‬ ‪#‎mediacontactmiami‬ ‪#‎Italovenezuelani‬

Cosmo de La Fuente
carlos cosmo gulli

Studio sociolinguistico italovenezuelano (1)

Pubblicheremo, su questa pagina, lo studio Sociolinguistico della lingua parlata da venezuelani figli di italiani. Una carrellata attraverso il mondo del linguaggio.
Lo studio è stato realizzato presso il Dipartimento di Lingue Straniere dell'Università di Torino che è stato anche oggetto di una interessante Tesi in Didattica dell'italiano come lingua straniere.
Professoressa Carla Marello e Dottor Carlos Gullì.

"L'idea di sviluppare un argomento riferito alle abilità linguistiche in soggetti italo-venezuelani di italiano L2 nasce, innanzitutto, dalla mia trascorsa situazione di discente nato e cresciuto in Venezuela da genitori italiani e, in secondo luogo, dalla mia esperienza come insegnante di lingua italiana per adolescenti nati e cresciuti in Venezuela come me.

L'aver realizzato un lavoro come questo è stato come tornare alle mie origini, quando da bambino udivo quel particolare linguaggio degli emigranti provenienti dalle più svariate regioni della Penisola, soprattutto quelle meridionali e avvertivo che si trattava di una fusione di lingue, una vera mistura. Da piccolo non ero in grado di capire che si trattava proprio di una mescolanza, una sotra di  'itagnolo'. Con il passare degli anni, noi italiani di seconda generazione, nati in Venezuela da genitori che, spesso, non si rassegnavano a non tornare più in Italia, soprattutto nei casi in cui entrambi erano italiani, eravamo costretti a frequentare anche le scuole italiane, riconosciute da Roma, rendendo, in questo modo, più vicino il sogno di mamma e papà, di tornare in patria. In realtà, se non fosse per motivi sociopolitici attuali, non sono moltissimi gli italiani emigrati che sono tornati al paese natio e ancor meno i loro figli . Vedremo, però, che qualcosa è cambiato".

Lo studio non è prettamente linguistico ma spazia attraverso io conflitto linguistico tra due idiomi fino a raggiungere la psicolinguistica.

Maggiori informazioni
Dottor Carlos Gullì
carlos.cosmo.gulli@gmail.com

4/21/16

Emergenza Umanitaria in Venezuela: i morti non si contano più



Le difficoltà finanziare in cui si trova il #Venezuela sono dovute, solo in parte, al crollo del prezzo del petrolio ma la causa reale di questo disastro é da imputarsi alla pessima gestione del governo Maduro. Non solo come dittatore da strapazzo, ma per l'aver dimostrato un'ignoranza imbarazzante ed essere un incapace, marionetta gestita completamente da Castro allo scopo di continuare a succhiare, praticamente gratis, il petrolio venezuelano, come s enon bastasse Maduro viene consigliato dal narcotrafficante Diosdado Cabello, ex Presidente del Parlamento venezuelano. Quest'ultimo si è distinto per atti di violenza e crudeltà nei confronti dei cittadini,  Corruzione, ladrocinio, imposizioni ridicole ai commercianti, vessazione del popolo e gravi violazioni dei diritti Umani con un numero incredibile di arresti politici che si consumano in una terra che resta nelle mani della delinquenza    libera di agire impunemente, hanno fatto del Venezuela un paese giungla abbandonato a se stesso. Oltre a non esserci più medicine come quelle per la cura di cancro, del diabete e delle malattie cardiovascolari, non si trovano nemmeno le più banali; scomparsi anche  i prodotti per l'igiene personale. Il governo Maduro, con la complicità del CNE e l'aiuto delle forze militari capeggiate da Padrino López, come una vera associaIone a delinquere, permettono che il Parlamento recentemente eletto con la stragrande maggioranza dei voti il 6 Dicembre scorso.
I morti senza farmaci aumentano e si aggiungono a quelli per morte violenta, il paese sprofonda sempre di più e sinceramente non é più accettabile la mancata denuncia e informazione.
Caracas è la città più violenta al mondo con i suoi 25.000 morti uccisi dalla delinquenza, a questi bisognerà aggiungerne molti a causa di malattie non curate, tra cui un numero impressionante di bambini e neonati.
In questi giorni peggiorato a causa delle alluvioni che il governo non è in grado di gestire.
Se non  è emergenza questa, ditemi voi cos'è.
@cosmodelafuente

4/4/16

'Panama Papers' era stato previsto nella canzone 'Vamonos a Panama'

Scandalo "PANAMA PAPERS" era già stato annunciato dalla canzone 'Vamonos A Panama'
clicca e ascolta bene il testo.
CLICCA QUI

Vamonos A Panama di Cosmo de La Fuente (la trovi su google)

3/26/16

Tradizioni culinarie italiane

La cucina napoletana, non possiamo negarlo, è sicuramente ai primissimi, posti tra le cucine italiane. Basti pensare alla pizza, ma non solo ovviamente.
In occasione della Pasqua mi piace parlare di una delle tante specialità, la 'Pizza Chiena', lasciando per una volta da parte la squisita pastiera e molte altre deliziose specialità campane.
La mia mamma è campana e non c'è Pasqua che si rispetti senza la 'Pizza salata ripiena'.
Tra i piatti salati più buoni e succulenti della tradizione campana, si classifica tra i primissimi posti della top ten la cosiddetta e famosa pizza chiena, la torta salata per eccellenza. Viene preparata per lo più nel periodo pasquale.
Le origini di questa delizia nostrana affondano all’età borbonica: era parte integrante della tipica cucina aristocratica descritta alla fine del diciottesimo secolo dal gastronomo Vincenzo Corrado. Tra le varie portate, erano molto importanti i pasticcetti rustici a base di ricotta, mozzarella e prosciutto o salame da cui deriva l’attuale pizza chiena. Per l’involucro veniva utilizzata per lo più la pasta brisée, invece nel Rinascimento aveva un involucro dolce come la pasta frolla. La prima ricetta compare nella “Cucina teorico pratica” di Cavalcanti.
Ecco la ricetta odierna tratta dal libro Frijenno Magnanno:
Ingredienti
1 kg di farina
4 uova intere
50 gr di sugna
1 panetto di lievito di birra
300 gr di prosciutto crudo
300 gr di pancetta affumicata
150 gr di parmigiano grattugiato
50 gr di formaggio romano grattugiato



3/24/16

Vivere all'estero


Da circa dieci anni anche io, come moltissimi italiani, ho deciso di voler vivere all'estero e poi, la situazione in cui versa l'economia italiana, la mancanza di lavoro e il sogno di un clima migliore, completano la lista dei desideri.
Arrivato ai miei cinquant'anni, con una figlia ormai grande, ci penso e sicuramente, entro la fine dell'anno, vorrei essere altrove.
Questa continua ricerca, dagli States alle Canarie, dall'Australia all'America latina, mi sono fatto un grosso bagaglio di informazioni utilissime.

Miami è sicuramente una meta molto gettonata: il mare, il sole, se pensiamo a Miami Beach, perchè Miami e Miami Beach sono due località diverse, non dimentichiamo.
Lanzarote, Tenerife e le Canarie in genere non sono da sottovalutare, anche per il basso costo della vita.
Non è una novità che molti pensionati italiani si trasferiscano alle Canarie piuttosto che in Portogallo o in Marocco.

Da oggi voglio condividere con tutti voi quest'esperienza e, nel mi piccolo, darvi tutte le informazioni possibili. 
Come fare per vivere e lavorare in America?
Quali sono i pregi e i difetti di un trasferimento alle Canarie?
Vi aspetto su questo spazio per poter condividere esperienze e, perchè no, inventarci qualcosa insieme.
Potete scrivermi a 


A presto
Cosmo

3/9/16

No se mata la verdad matando a periodistas

Es vital que hoy, ahora mismo, arranquemos con la lucha definitiva, la que nos llevará a la libertas. Nuestro país lo necesita. Estamos regados por el mundo y necesitamos reunirnos en los brazos de nuestra Venezuela.
No van a matar la verdad matando y persiguiendo priodistas.
No podemos dejar que sigan existiendo dictaduras en el mundo.
No queremos que nuestra Venezuela muera .
No dejemos morir a nuestra Venezuela. No dejemos morir a nuestros presos polìticos y lìderes.


Cosmo de La Fuente
Twitter @cosmodelafuente  
Instagram #kosmicosmo

(Rebelion)
Porque es necesario que el Nunca Más se enraíce en la identidad del pueblo latinoamericano, porque es urgente que la impunidad dé paso a la justicia, porque es imprescindible rescatar la Memoria Histórica de la omisión de los gobiernos derechistas, porque apremia que se vuelva desidia en un pueblo amnésico.
Porque una sociedad sin memoria es un pueblo a la deriva. Un país que desconoce su pasado y que al que le enseñaron a renegar de él, es un pueblo manipulado que obedece sin musitar el mandato de los traidores.
Porque no es posible lanzar al olvido las vidas de los incondicionales a la verdad y a la justicia. Porque son miles los desaparecidos, porque son tantas las fosas clandestinas donde lloran los sueños truncados. Porque quedamos huérfanos de la verdad, de la honradez y del amor humano.
Es vital que la Memoria Histórica sea parte de nuestro día a día, que se reitere constantemente la verdad escondida por el estado, la otra verdad de los mártires y de los torturados. La de los sobrevivientes a aquella atrocidad sangrienta. Porque una Latinoamérica bajo la opresión de dictaduras militares no va hacia ningún lugar, se seca, se muere. Es una Latinoamérica marchita. Subordinada, reducida a cenizas.
Porque los Derechos Humanos no pueden ser arrancados de nuestro ímpetu libertario. Porque no nos pueden seguir negando el derecho al desarrollo. Porque nuestra tierra milenaria no puede ser transgredida por oligarcas en beneficio del imperio. Porque no nos podemos quedar de brazos cruzados viendo cómo se llevan nuestra dignidad y la venden y la abusan y las desechan.
Porque no podemos seguir alimentando el engaño, la deslealtad y el oportunismo. Porque la semilla que viene naciendo merece saber la verdad, merece crecer en una Latinoamérica que está sanando sus heridas, en un pueblo que no se rinde, que resiste y que exige y que se pronuncia y que no se esconde. En una sociedad que trabaja día a día en la reconstrucción del tejido social. Que manda a juicio a los culpables y los encarcela.
En una sociedad decidida que no busca venganza sino justicia. Para eso es la Memoria Histórica para no olvidar por todo lo que ha pasado esta tierra tan humillada, para que jamás se vuelva a repetir tanta crueldad.
No, no podemos negar la Memoria Histórica, hacerlo es negar nuestro origen, es escupir a nuestros ancestros, es faltarle el respeto a la verdad. Es desechar la dignidad. Es lanzar las semillas a una tierra infértil. ¿Qué es de un pueblo donde los genocidas están libres y caminan por las calles de su país y del mundo con tal descaro de asesinos? ¿Qué es un pueblo donde los dictadores están a mando del gobierno? ¿Inmersos en el sistema y siguen pudriendo y desangrando y fulminándolo? ¿Qué es de un pueblo en silencio, cómodo, esclavizado y apático? ¿Hacia dónde va una Latinoamérica perdida en la ambigüedad del engaño y la omisión?
Necesitamos restaurarnos, encontrar a los desaparecidos, encontrar esas fosas clandestinas, necesitamos que la sangre seca regada por todo el continente sea nuestra dignidad y nuestro arrojo para no doblegarnos ante la embestida de los traidores. ¿Qué nos queda entonces? Continuar y seguir rebelándonos.
Ilka Oliva Corado
Rebelión


1/18/16

Venezuela: The Light at the End of the Tunnel?

For the first time since 1999, Venezuela’s revolutionary socialist regime faces an opposition parliament. But rather than seeking some form of “cohabitation” with its political adversaries, the government has chosen the path of outright confrontation, raising once again the prospect of serious political violence in this nation of 30 million people.
Following its landslide election victory on 6 December, when it won 112 of the 167 seats in the single-chamber National Assembly, the Democratic Unity (MUD) coalition, a multiparty alliance of mainly centrist and centre-left parties formed in 2008, took control of the legislature on 5 January. 

Despite threats from President Nicolás Maduro and other leaders of the ruling United Socialist Party (PSUV) to “take to the streets” in resistance, the hand-over was peaceful, barring some minor violence and moments of tension during the opening session. Thousands of demonstrators from both sides were kept apart by strong contingents of riot police and National Guard troops.
The outgoing parliamentary majority, led by the country’s second most powerful figure, Diosdado Cabello, did not withdraw gracefully. The assembly’s own TV channel, ANTV, was dismantled and its equipment removed. But even if it will no longer have its own television station, at least the assembly will now be open to all journalists, after years in which ANTV’s government propagandists were the only ones allowed in the chamber.


With the swearing-in out of the way, however, a much bigger problem remains to be resolved. While Maduro accepted his defeat within hours of the polls closing, he has so far given no sign of understanding its significance. Rather than seeking to work with the new legislature to resolve the grave economic and social crisis afflicting the country, he has sought to circle the wagons in a bid to resist the change the electorate is clearly seeking.

A long-awaited cabinet reshuffle, announced on 6 January, reconfirmed what the president had been saying: the answer to the crisis is more revolution. As head of the economic team Maduro appointed an ultra-radical, Luis Salas, whose proposals seem guaranteed to tip the country into hyper-inflation and accelerate the collapse of the economy.
In its dying weeks the government-dominated legislature had rushed through a number of laws and other measures designed to block the MUD’s reform program. It took away parliament’s power to appoint members of the Central Bank (BCV) board, for example, and enshrined in law the BCV’s suppression of economic statistics.
But the most ominous move – and one that has already had a major impact – was the hurried replacement of more than a third of the 32-member Supreme Court (TSJ). The thirteen new judges are all government loyalists. Some of them were actually PSUV members of parliament who voted for their own appointments, including the chairman of the selection committee. Many did not meet the legal requirements for the post and the appointments procedure itself was not respected.

The government’s evident aim was to prevent the incoming parliament replacing Supreme Court members due to retire this year. Maduro has made it clear that he will seek to use the court (and in particular its constitutional branch) to block any legislative measures not to the government’s liking. Even before the new parliament was sworn in, the electoral branch of the court took the unusual step of opening during the year-end holidays to admit legal challenges to the election of a dozen MPs, all but one of them opposition members.
The court also approved an injunction to suspend the swearing-in of the four MPs elected for Amazonas state, including three from the opposition, because of alleged vote-buying. The MUD merely delayed their swearing-in for a day. The suspension of the three seats held by opposition Amazonas lawmakers is a vital issue for the MUD, as they give the opposition a “super-majority” that would allow them, among other things, to appoint or dismiss senior officials and even (subject to referendum) rewrite the constitution.
But the PSUV has asked the Supreme Court to declare the parliamentary leadership in contempt. Cabello insists that while they continue to defy the injunction any decision taken by the assembly is null and void. He has called for its funding to be suspended.

Much, if not all, of the opposition’s legislative agenda, which is particularly focused on economic and social measures, is not to the government’s liking. It has also sworn to block the MUD’s promise of an amnesty for political prisoners and exiles. One manoeuvre in particular stands out: within days of the election the government installed an unelected “National Communal Parliament” in the old Senate chamber, through which it claims “the people” will legislate directly.
One possible answer to the judicial blockade is for parliament to reform the law governing the Supreme Court, expanding the number of members to dilute government control. But ultimately, if Maduro holds firm, the only way the opposition can win this political chess game in the medium term is to oust him through constitutional means. Henry Ramos, the new chairman of the National Assembly, has said the MUD will devise a way to do that within six months, unless the government has a change of heart. One possibility is a recall referendum, which under the constitution can be triggered within a few months.
Venezuela’s closest international partner, the Union of South American Nations (UNASUR), has so far remained silent on the Government’s manoeuvers to retain power, although the governments of Argentina, Costa Rica and the U.S. and the Secretary General of the Organization of American States Luis Almagro have raised their voices against the government’s misuse of the judiciary. The Brazilian foreign ministry, in a statement, warned that there was “no place, in 21st-century South America, for political solutions outside the institutional framework and the most absolute respect for democracy and the rule of law”.
The situation is clear: if the assembly is held to be in contempt, and its decisions null and void, the government will for all practical purposes have closed down the elected parliament and abandoned constitutional rule.
The priority for UNASUR and the rest of the international community should be to stop the possibility of Venezuela’s slide into outright dictatorship by holding the government to account under the Inter-American Democratic Charter and other treaties.
A failure to act on the part of Venezuela’s international partners would contribute to further political escalation and the potential destabilisation of the Andean region. A social explosion threatens too. The price of oil, which fuelled the success of the late President Hugo Chávez, continues to hit new lows. Food, medicines and other basic goods are becoming scarcer by the month, and inflation is running at an annualised rate of 500 per cent.
The fact that the opposition was able to achieve a peaceful, democratic change of leadership in the Venezuelan parliament may suggest there is light at the end of the country’s tunnel. But for now no one can be sure it is not the headlight of an oncoming train.
By Phil Gunson

Anyway Maduro is an unintelligent dictator.
Cosmo de La Fuente
Nicolas Maduro, Venezuela’s president, recently announced that if the opposition were to gain a majority in the National Assembly in elections this Sunday, “We would not give up the revolution and … we would govern with the people in a civil-military union.” To ensure that no one would accuse him of not being a true democrat, he clarified that “we would do this with the constitution in hand.” The president conveniently ignored the small detail that the constitution does not have any provision for a “civil-military” government, nor does it give the government the option of disregarding the outcome of an election. What Maduro did stress, however, was that if the revolution fails, “there will be a massacre”—a threat he has repeatedly made throughout the campaign. He usually follows such threats with reassurances that this violence will not ensue since it is impossible for opposition candidates to win enough votes for a legislative majority, which Maduro’s party has enjoyed for the past 17 years.

Read more at: http://carnegieendowment.org/2015/12/04/venezuela-dictatorship-masquerading-as-democracy/imt2