02/09/14

Maradona il tossico abbraccia il Papa silente



Il tossico di Maradona, malgrado sia un grosso evasore del fisco italiano, è tranquillamente in Italia e ha già abbracciato il Papa silente. Cosa aspettarci se il capo di Stato argentino, la sanguisuga Kirchner, che ha mandato il suo Paese nuovamente al fallimento, ha dichiarato che la politica economica di Maduro è la migliore al mondo? Da italiano tutto questo mi fa incazzare, da venezuelano mi indigna. Se Maradona non paga le tasse perchè dovremmo pagarle noi? Che manica di.... Meglio tacere. 

Cosmo de La Fuente

01/09/14

Venezuela: compra petrolio. Incredibile. Maduro porta alla rovina il paese.

PER LA PRIMA VOLTA NELLA SUA STORIA IL VENEZUELA COMPRA PETROLIO!!
Sarebbe bene che gli ultimi sedicenti comunicatori italiani sappiano che il sussidio che il Venezuela fornisce a Cuba è talmente alto (fornitura continua e gratuita) che il regime di Maduro, non soltanto è causa di un imminente fallimento economico del paese ma è, anche, un graduale deterioramento della produzione del “crudo” greggio venezuelano. La produzione è talmente bassa che la società petrolifera venezuelana PDVSA è stata costretta ad acquistarla all’estero (Algeria,Nigeria). La cosa sta facendo scalpore perché da una parte lo regala ai Governi dei Paesi circostanti, che vivono da parassiti sulle spalle del Venezuela (Cuba in prima fila) e dall’altro deve comprarlo. Questa è la ridicola politica economica del tiranno. L’ex direttore della PDVSA (Petróleos de Venezuela) sostiene che il governo è giunto al suo ultimo capitolo.
Malgrado abbia la maggiore riserva al mondo di greggio, la Società petrolifera venezuelana compra, in modo crescente, nafta pesante da miscelare con l’estrazione di crudo della Fascia Petrolifera dell’Orino, che è la maggior produzione. Queste miscele sono necessario per convertire l’extrapesante in prodotto esportabile.
Pazzescp che il paese con la maggiore riserva di petrolio del mondo ora debba comprarlo. Capito #IgnazioMarino #GianniVattimo ? quest’assurda dittatura non sa nemmeno farsi i conti!
* * * * * * *
Es necesario que todo el mundo lo sepa y que lo sepan en Italia, naturalmente. Comparte. La ignorancia del Gobierno Maduro acaba con Venezuela. Que se sepa.
Antonio Delgado:
El subsidio que Venezuela destina a Cuba se está tornando cada vez más difícil de sostener para el régimen de Nicolás Maduro, no solo por el alto costo monetario que conlleva para un país en quiebra, sino por el gradual deterioro en la producción del crudo venezolano, dijeron analistas.
Informes publicados esta semana muestran que la producción de los tradicionales crudos medianos y livianos venezolanos ha caído en tal magnitud que la estatal PDVSA se ha visto obligada a salir al mercado internacional a adquirirlos, situación que genera dudas sobre la sostenibilidad a largo plazo de regalar crudo por un lado, cuando por el otro hay que salir a comprarlo.
Para los expertos, que llevan años advirtiendo que Venezuela estaba matando a la gallina de los huevos de oro por la falta de inversión en la industria petrolera, la noticia de que el país contempla comprar crudo liviano argelino no causó gran sorpresa.
“Están llegando al capitulo final de una Crónica de una Muerte Anunciada”, comentó desde Miami Horacio Medina, ex gerente de PDVSA. “De hecho, tuvieron suerte, duraron mucho más de lo que se preveía, pero ya el destino los alcanzó”.
En una columna publicada esta semana, la diputada María Corina Machado coincidió.
“Lo lograron. El país con las mayores reservas de petróleo del mundo ahora importa petróleo. Arruinaron el agro y la pesca, las industrias, la producción de café, de cemento, el turismo, el acero. Todo lo que toca este régimen colapsa. Sólo quedaba el petróleo”.
Según un cable de la agencia Reuters, Venezuela está considerando importar crudo por primera vez en su historia y podría usar el petróleo ligero de Argelia para diluir su propio crudo extrapesado.
Pese a contar con las mayores reservas de crudo del mundo, PDVSA ha estado comprando un volumen creciente de nafta pesada para mezclar con la extracción de crudo extrapesado de la Faja Petrolífera del Orinoco, su mayor región productora.
Estas mezclas se hacen para convertir el extrapesado en un producto exportable, en medio del declive de la producción local de crudos medianos y livianos que antes se usaban como diluyentes y de retrasos en la construcción de nuevos mejoradores que pueden cambiar la calidad del crudo.
Las compras de nafta se han realizado a altos precios en el mercado abierto, lo que golpea su flujo de caja y afecta la principal fuente de ingresos del régimen de Nicolás Maduro.
No obstante, los crudos medianos y livianos que aún se siguen produciendo en Venezuela, y los que podrían ser utilizados para realizar las mezclas, son precisamente los que son enviados a Cuba, dado a que son los únicos que las refinerías de la isla están en condiciones de procesar.
El que Venezuela ahora se vea obligada a comprar cantidades significativas de crudo en el exterior para no utilizar los 120,000 barriles de su crudo de mejor calidad que envía a Cuba genera dudas sobre cuáles son las verdaderas prioridades del régimen.
Pero ante la grave crisis económica por la que atraviesa el país, con los anaqueles de los supermercados vacíos ante la falta de dólares para mantener las importaciones, la sostenibilidad del ese subsidio entra en duda, no solo porque representa varios miles de millones de dólares que el país necesita sino también porque se trata de un crudo que Venezuela requiere para poder mejorar el que vende en el exterior.
“Hace ya mucho tiempo que Venezuela debió reevaluar los acuerdos que mantiene con PetroCaribe”, dijo Juan Fernández, ex director ejecutivo de planificación de PDVSA.
Pero ahora, el que Venezuela se vea obligada a importar crudo debiera servir como una gran campanada de alarma.
“Esas importaciones, en un país que dice tener las mayores reservas petroleras del mundo, es una de las más grandes contradicciones”, dijo.
El problema está en que Venezuela, bajo los últimos 15 años de la Revolución Bolivariana, sacrificó el mantenimiento y la expansión de la industria petrolera venezolana para sacarle el máximo provecho a la renta petrolera.
Esa política, agravada por el despido masivo del talento de PDVSA, ha llevado al mal manejo de las operaciones de explotación en los tradicionales campos petroleros, donde el país obtenía sus crudos livianos y medianos.
“No han podido levantar la producción. En la región Occidental, la producción era de aproximadamente de unos 1.3 millones de barriles por día. Hoy se estima que están por debajo de los 600,000. Ellos la habían compensado sobreexplotando en el Oriente del país”, comentó Fernández.
Y esa sobreexplotación, realizada sin un adecuado mantenimiento, es lo que está ahora llevando a que la producción allí también disminuya.
“La caída de la producción en el Oriente y Occidente del país, en los campos que producen estos tipos de crudo, es muy significativa”, comentó Fernández.
Previamente, los planes de expansión conllevaban a incrementar la producción del crudo extrapesado en la región sur del país haciendo uso de un sistema para mejorar la calidad del crudo.
Pero allí también se produce otro problema, comentó Jorge Piñón, director del Centro de Política de Energía y Medio Ambiente de la Universidad de Texas en Austin.
“El problema es que ellos tienen un cuello de botella en Venezuela porque los mejoradores no están funcionando. No se les ha dado el mantenimiento adecuado y los nuevos mejoradores que debieron ser construidos para ver procesar la nueva producción del Orinoco no se han construido”, comentó.
Y a ese descuido se le suma la falta de atención que sufren los campos tradicionales.
“Más de una tercera parte de su producción viene de los campos maduros convencionales, de donde sale la mayor parte del crudo liviano y mediano, y esos también tienen problemas porque la producción convencional tradicional está bajando también y eso es crítico para el país”, agregó Piñón.
Pese a contar con las mayores reservas de crudo del mundo, PDVSA ha estado comprando un volumen creciente de nafta pesada para mezclar con la extracción de crudo extrapesado de la Faja Petrolífera del Orinoco, su mayor región productora.
Estas mezclas se hacen para convertir el extrapesado en un producto exportable, en medio del declive de la producción local de crudos medianos y livianos que antes se usaban como diluyentes y de retrasos en la construcción de nuevos mejoradores que pueden cambiar la calidad del crudo.

Cosmo de La Fuente

23/08/14

Hola Italia # 7 Venezuela con Cosmo..emozione unica

L'emozione del Venezuela, il grande successo dell'amore si manifesta attraverso il programma Hola Italia. Guardiamo il settimo episodio.


13/08/14

Wille de Cuba y Cosmo de La Fuente: esta es la dictadura Venezolana y Cubana

In Italia si premia il Terrorismo


Certo che viviamo in un Paese strano: si elogiano le dittature come quella Chavista e Castrista, intitolando a loro giardini; si premiamo gli istigatori alla violenza come Gianni Vattimo che ha in più occasioni detto che bisogna armare Hamas per uccidere il più possibile gli israeliani arrivando a negare l'olocausto (forse non ha letto nemmeno un libro di Primo Levi) e il 25 di luglio è stato addirittura premiato.
Mah..che strano questo paese!
Bisognerebbe diffondere l'idea che le dittature, le tirannie e i terroristi sono da condannare e non da elogiare, perchè nessuno puà fare violenza su un altro essere umano. La mia parte italiana rifiuta categoricamente che Gianni Vattimo venga identificato come il Filosofo d'Italia.
Vedi questo articolo:
Ancona, Premio a Vattimo
insorge la Comunità ebraica
ANCONA - La comunità ebraica contro AdMed. Il premio a Gianni Vattimo indigna i tanti anconetani di origine ebrea. La comunità, partner della manifestazione insorge: «Se gli organizzatori manterranno il riconoscimento usciremo dal Festival».

È scontro. La comunità ebraica è esterrefatta per il premio, dopo le frasi choc pronunciate dal filosofo ed ex eurodeputato ai microfoni de “La Zanzara”. A proposito dei bombardamenti su Gaza, qualche settimana fa, Vattimo aveva detto: «Israele stato canaglia, nazista e fascista peggio di Hitler. Ci vorrebbero più morti israeliani».

Da il Messaggero
Renzo Gattegna, presidente dell'Unione delle comunità ebraiche italiane, aveva replicato: «Un concentrato delle più nefande illazioni. I veleni di Vattimo non solo ci disgustano ma saranno oggetto di un nostro approfondimento per un'adeguata reazione».

Una reazione che si replica ora ad Ancona, dopo l'annuncio che Vattimo sarà protagonista al Festival Adriatico Mediterraneo: a lui andrà il Premio 2014. «Siamo disorientati e allibiti - commenta il capo della comunità ebraica dorica Manfredo Coen - questo riconoscimento a Vattimo proprio non ce l'aspettavamo. È stato un fulmine a ciel sereno. Oggi contatteremo il direttore artistico del Festival per un confronto. Certo non possiamo obbligare gli organizzatori a fare dietrofront sull'assegnazione del premio, ma se verrà mantenuto è probabile che ritireremo la nostra partecipazione da AdMed».

AdMed è un evoluzione del Festival Klezmer e sin dalla prima edizione ospita una serata dedicata alle tradizioni dell'ebraismo. Causa Vattimo, quest'anno l'appuntamento potrebbe saltare. «Non possiamo accettare – prosegue Coen – che venga premiata una persona che fa proclami antisemiti, affermazioni che istigano all'odio, incitando alla violenza nei confronti dei civili israeliani».

Esprime tutto il suo sdegno anche Frida Di Segni, farmacista in pensione e scrittrice, sorella del rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni: «Non ci posso credere. Ma come è venuto in mente agli organizzatori del Festival di premiare Vattimo? Al di là delle recenti esternazioni, nega la Shoah e l'esistenza dei campi di concentramento. Va bene andare incontro ai nemici, ma così è troppo».

Sbigottito Daniele Tagliacozzo, esponente della comunità ebraica, ex assessore ed ex consigliere comunale. «Il Festival è una manifestazione che da sempre ha offerto momenti d'incontro e di distensione - osserva - per sensibilizzare la pace tra i popoli. In passato abbiamo dato un segnale molto forte con il concerto di Noa che ha duettato con un gruppo palestinese. Ora invece si arriva a premiare una persona ostile nei confronti dello Stato di Israele, che istiga all'odio».

Che dicono ad AdMed? Il direttore artistico Giovanni Seneca: «Vattimo – afferma Seneca – è un filosofo che si è occupato del Mediterraneo. La sua presenza potrà diventare un momento di confronto sereno e costruttivo sul delicato tema della crisi mediorientale. Bisogna rispettare le posizioni di tutti».

Si schiera con Vattimo anche Moni Ovadia, che salirà sul palco il 4 settembre al Foro Annonario di Senigallia. «Vattimo – commenta l'artista ebreo – è un grande filosofo e se merita un premio per il suo contributo come intellettuale è giusto che lo ottenga. Le sue esternazioni non mi trovano d'accordo perché certe frasi che tirano in ballo Hitler non mi appartengono. Ma attenzione, lui non fa propaganda antisemita. Usa un linguaggio sbagliato per un valido motivo: condannare duramente la politica dello Stato israeliano, la dura oppressione sul popolo palestinese. Se la comunità ebraica di Ancona ritiene che Vattimo inciti all'odio e alla violenza si rivolga alle autorità giudiziarie. Sarà il Tribunale a giudicarlo».

Cosmo de la Fuente

12/08/14

Gianni Vattimo: distratto e confuso



Le dichiarazioni di Gianni Vattimo, il filosofo italiano, che vive a Torino e che ogni tanto rilascia interviste e dichiarazioni che sono una l’inverso dell’altra, anche oggi da La7 ha detto la sua. Ma andiamo per ordine. Non sono l’unico a pensarlo. Anche su ‘La Stampa’ ho letto il pezzo di Alan Dershowitz e devo dire che non si discosta dal mio.
Un omosessuale dichiarato, che dovrebbe lottare per l’eguaglianza e combattere la discriminazione, come può Elogiare l’operato di Chàvez che era omofobo? Un attimo di coerenza non starebbe male in un filosofo secondo me. Il desiderio di Comunismo, caro Vattimo, non deve cancellare la realtà dei fatti. Se veramente pensi che il chavismo abbia fatto del bene al Venezuela perché non ci fai un salto, senza la comodità di stare in Italia? Malafede? Disinformazione? Puro populismo? 
Intanto voglio anche riproporre il pezzo de La Stampa.
“Caro Vattimo, vai a Gaza o in Iran a sostenere i diritti dei gay”
“Appoggi quelli di Hamas, ma loro ti impiccherebbero per quello che fai e dici”

alan dershowitz
Gianni Vattimo, che è stato detto il più importante filosofo d’Italia, di recente ha dichiarato che vorrebbe «sparare a quei bastardi sionisti» definendoli «un po’ peggio dei nazisti». Gli è poi stato chiesto se gli sarebbe piaciuto vedere più israeliani uccisi e lui ha risposto: «Naturalmente». Ha detto che stava progettando di lanciare una raccolta fondi per acquistare razzi per Hamas così che quel gruppo anti-ebraico possa uccidere ancora più sionisti, intendendo gli ebrei israeliani. Ha poi esortato volontari europei a unirsi ad Hamas e combattere al suo fianco contro Israele, così come fecero i volontari contro Franco durante la Guerra Civile. 

È un crimine, secondo la legge americana e di diverse Nazioni europee, garantire sostegno materiale a gruppi designati come terroristici, e Hamas è uno di questi. Vattimo ha commesso questo crimine e gli potrebbe essere impedito di viaggiare negli Stati Uniti e in altri Pesi Paesi o potrebbe essere arrestato se andasse in Paesi che hanno nel loro ordinamento questo genere di leggi. Eppure può continuare a sputare il suo odio in Italia dove resta un personaggio ammirato.  

La sua critica feroce non è nemmeno semplicemente una conseguenza dei tragici eventi di Gaza. L’odio di Vattimo per lo Stato-nazione del popolo ebraico risale a molti anni addietro, persino a quando per due volte Israele ha offerto ai palestinesi un proprio stato. Vattimo è contrario alla soluzione dei due Stati e chiede invece la fine di Israele che ritiene come un «castigo» per la memoria dell’Olocausto. Si oppone pure ai «cacciatori di nazisti» e a coloro che vogliono mantenere viva questa memoria. 

Se Vattimo è davvero il più famoso filosofo italiano, mi dolgo per lo stato attuale della filosofia in una nazione che ha contribuito così tanto in quel campo nei millenni. Vattimo mi ricorda quei «cattivi maestri» - alcuni dei quali «eminenti» filosofi - che fornivano copertura accademica e giustificazione agli abusi fascisti di Hitler e Mussolini. È interessante, e forse rilevante, che Vattimo sia un seguace di Martin Heidegger, un filosofo che si unì al Partito nazista e diede una copertura al sue politiche anti-semite. Hamas, dopo tutto, è un’escrescenza dei Fratelli Musulmani, che sostennero attivamente Hitler durante la Seconda Guerra Mondiale.  

È particolarmente interessante che Vattimo, che chiassosamente sostiene i diritti dei gay, abbia un tale odio per l’unico paese nel Medio Oriente che accorda gli stessi diritti agli omosessuali, e al tempo sia così schierato con Hamas che invece punisce gli omosessuali con la tortura e la morte. Evidentemente il suo odio per lo Stato-nazione del popolo ebraico è più radicato del suo sostegno ai diritti dei gay. 

Ecco quindi la mia sfida: 
Sfido Gianni Vattimo ad andare a Gaza, dove sarebbe certamente accolto a braccia aperte per il suo sostegno ad Hamas. Una volta lì, lo sfido a guidare una manifestazione a sostegno dei diritti dei gay, a esporre un cartello con le rivendicazioni dei gay, a esortare gli abitanti di Gaza a firmare una petizione che chieda uguaglianza per gli omosessuali.  

In Italia, Gianni Vattimo è apertamente gay e fiero di esserlo. Si è definito «gay, comunista, cattolico». Lo sfido quindi ad andare a Gaza con un partner e a dichiarare che intende esercitare il suo diritto a essere trattato con equità e lealtà con il suo compagno.  

Sappiamo tutti che cosa accadrebbe a Vattimo se ingaggiasse una qualsiasi di queste battaglie di libertà di parola o di azione. Sarebbe torturato e ucciso da Hamas. 
Se Vattimo ha paura di andare oggi a Gaza, lasciamolo andare in Iran. Era un ammiratore di Mahmoud Ahmadinejad e continua a sostenere la politica iraniana del «far sparire lo Stato di Israele dalle carte». Dovesse visitare il Paese che ammira così tanto, e dovesse pubblicamente proclamare il suo orientamento sessuale, sarebbe impiccato a una di quelle gru che i religiosi usano per essere sicuri che le famigerate dichiarazioni di Ahmadinejad – «non ci sono gay in Iran» – si avverino. Sarebbe pure attaccato se volesse difendere il comunismo, il cattolicesimo o qualsiasi altro «ismo» eccetto che l’anti-sionismo.  

Dovesse invece andare in Israele, sarebbe libero di sostenere apertamente Hamas e difendere e praticare la sua preferenza sessuale. Sarebbe anche libero di sostenere il comunismo, praticare il cattolicesimo e sostenere l’anti-sionismo.  
Sotto un aspetto, e forse solo in questo, la Gaza controllata da Hamas, l’Iran dei mullah e il democratico Israele sono esattamente identici: in tutti e tre i paesi ognuno è libero di condannare Israele e sostenere Hamas. 
Perché allora un cosiddetto intellettuale - e sedicente di sinistra - sostiene lui stesso e esorta altri a sostenere un gruppo terrorista omicida le cui radici affondano nel nazifascismo e le cui politiche negano uguaglianza a donne, gay, cristiani, atei e dissidenti. È perché ama Hamas o perché odia lo Stato-nazione del popolo ebraico così tanto da essere disposto a chiudere gli occhi sugli abusi dei terroristi che sostiene? 

La risposta sembra chiara. Gianni Vattimo non merita il nobile titolo di «filosofo». Dovrebbe essere chiamato per quello che è: un venditore di odio che applica standard diversi nel giudicare Hamas, Iran e Israele. 
Recentemente Vattimo si è scusato con un giornale israeliano (Haaretz) per aver detto che desiderava che più israeliani fossero morti, affermando di essere stato «provocato» dai conduttori della trasmissione in cui aveva fatto le sue dichiarazioni, ma ha ripetuto il suo paragone fra Israele e la Germania nazista e ha mantenuto la sua opinione che l’Europa dovrebbe fornire più armi letali ad Hamas, che naturalmente significherebbe la morte di un maggior numero di civili israeliani.  

Invito Gianni Vattimo ad accettare la mia sfida e a visitare Gaza e/o l’Iran piuttosto che continuare a predicare odio dalla sicurezza dell’Italia. 


Cosmo de La Fuente

06/08/14

No perdamos nuestra identidad - Venezuela -


A los hermanos Venezolanos que siguen con ataques y que me dicen que los invasores son los yankees, les quiero recordar que los que ahora nos han invadido son los Castros. Estoy consciente que es muy dificil aceptar que pudimos habernos equivocado luchando al lado de Chávez pero hay que hacerlo por el bien de nuestra Patria. Equivocarse es Humano. Admitirlo y cambiar de opinión es inteligente. Es necesario juntarse por el bien de todos. Tenemos que pensar a nuestro pasado para salvar el futuro de Venezuela. UNIDOS para no perder nuestra identidad.
Cosmo de La Fuente

Arepas : vincono il premio Miglior Colazione del Mondo


Voglio  far sapere che le nostre tradizioni, la nostra cucina, la nostra storia diventa sempre più presente per tutti. Ho parlato in Facebook di questo e ha ottenuto un grosso successo:
La Arepa venezuelana, che puoi vedere nella prima puntata di Hola Italia 
Occupa il primo posto tra le migliori prime colazioni del mondo, pubblicato a febbraio 2014 nel Blog Thrillist, specializzato in viaggia, cibo e bevande internazionali.
Non lo sapevi? Ora lo sai!
Maracaibo (EntreSocios).- La arepa venezolana ocupa el primer puesto de los mejores desayunos del mundo, publicó recientemente el blog Thrillist, especializado en viajes, comidas y bebidas internacionales.
La protagonista del desayuno, almuerzo o cena del venezolano es “coronada” por su versatilidad pues “su relleno puede ser de queso, mantequilla, distintos tipos de carnes, pollo, huevo, aguacate, chorizo, que garantizan que estarás satisfecho el resto del día hasta la cena…”, escribió Adam Lapetina, articulista del sitio.

No es la primera vez que reconocen internacionalmente a la arepa venezolana, pues el 23 de marzo de 2011 fue acreedora de un Record Guinnes por la confección de la arepa más grande del mundo por parte de Empresas Polar, en Caracas, utilizando para su elaboración uno de sus productos bandera, la Harina de Maíz Precocida Harina P.A.N. en el marco de la celebración de los 50 años de la marca y los 70 años de Empresas Polar. Se requirieron de 230 kilogramos de harina, sal, aceite y 420 litros de agua para lograr una mezcla de 683 kilogramos y obtener como resultado 493,2 kilogramos de arepa perfectamente cocida y lista para comer luego de 50 minutos de cocción. El récord fue ratificado por el adjudicador oficial del Libro Guinness de los récords, Ralph Hannah, quien saboreó la arepa e hizo oficial la nueva marca.

Si quieres ver el primer episodio, y las arepas aqui el enlace
https://www.facebook.com/photo.php?v=770594382958895&set=vb.766403163378017&type=2&theater


Beh!
Provare per credere ragazzi.
Buon appetito
Cosmo

04/08/14

Mario Giro, Esteri: nessun aiuto reale al Venezuela. Non ci caschiamo!



Mari Giro  dovrebbe sapere che non ci si accorda con un Regime!
Nessuna fiducia in lei e nella politica italiana.
Politici italiani non ci fregate! 
(Canciller italiano: Esperamos que gobierno venezolano y oposición consigan la unión a través del diálogo. No puede haber diálogo con un Régimen).

Mario Giro difenderà gli interessi (economici) italiani in Venezuela. Così ebbe a dire su La Voce! Nessun aiuto da pare dell’Italia per cercare di offrire ai venezuelani un supporto in campo di diritti umani. So alleano con la dittatura e si fa il gioco del tiranno. Inaffidabili! Ripeto: la politica italiana non ci aiuta, non ha al cuore il Venezuela e la sua gente e assolutamente non dobbiamo affidarci a loro. Stesso dicasi per il Vaticano, che si limita rarissimamente a qualche chiacchiera di salotto. Il resto del mondo ha gli occhi puntati ma il Venezuela resta, assolutamente, abbandonato. In ogni paese del mondo occorre che si muovano quelli che sono ‘venezuelani’, italo-venezuelani, franco-venezuelani, anglo-venezuelani, ecc. in modo che l’impegno sia verso la società e non soltanto per i soliti motivi: ‘petrolio, Alitalia, Eni, ecc.). Maduro deve essere giudicato, e basta.
Mario Giro non ha tenuto conto che stava parlando con un Regime e non ha pensato alla morte, alla violenza, alla repressione, alla mancanza di farmaci, di cibo, di sicurezza, che vige in Venezuela. Non ha valutato gli omicidi e le torture commesse dalla polizia e dalle squadre paramilitari pagate da Maduro. Quello per lui non ha importanza. Tanto mica ci vive! Nemmeno i suoi familiari ci vivono.

Intanto il presidente della Conferenza Episcopale Venezuelana, monsignor Diego Padrón, ha affermato che il Venezuela è diventato “un puzzle difficile da ricomporre”, dove tanto il chavismo quanto l’opposizione mostrano segni di conflitti interni e non sembrano disposti al dialogo. Padrón si è detto deluso dal dialogo nazionale lanciato ad aprile dal presidente Nicolas Maduro. “Non è stato altro che un espediente, senza proiezione né conseguenze”, ha detto. L’iniziativa, nata con l’appoggio della Santa Sede e dell’Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasud), “è rimasta congelata senza risultati” perché il paese non ha bisogno di “un dialogo che sia solo un meccanismo per attenuare la protesta” ma piuttosto di “uno scambio reale, con una agenda visibile e risultati tangibili”, ha aggiunto. Nel frattempo, ha sottolineato il presidente dei vescovi venezuelani, “più di 9 milioni di compatrioti vivono della povertà estrema” e si assiste a “una erosione progressiva delle istituzioni e della coscienza dei cittadini”, e anche se la protesta di piazza si è ridotta “la violenza non è finita, continuiamo a vedere come l’insicurezza continua ad uccidere ogni giorno”.
Insomma le solite chiacchiere. Occorre unificare il popolo, senza nessuna differenza, per un cambio effettivo.
Che l'Italia si esprima UFFICIALMENTE contro i crimini contro l'Umanità e non parlino solo di propri interessi economici. Vergogna!
El Pueblo unido tiene que reaccionar. Sin colores políticos. En este momento la vida en Venezuela es imposible para todos. Hermanos Unidos para un cambio necesario.
#cosmodelafuente
#VenezuelaLibre

30/06/14

Invidia: una bestia che morde chi la prova

Spesso l’invidia svela quanto si possa essere infelici e deboli alla ricerca di aiuto. La costante attenzione su quello che fanno gli altri, o una persona in particolare, se si trasforma in malessere, è solo il sintomo di noia profonda che invade chi la prova.
Una cosa è certa, siamo liberi di esprimere il nostro parere, se riteniamo che possa essere utile allo scopo di sensibilizzare, essendo propositivi,  spronando chi potrebbe ottenere dei risultati e non lo fa; siamo liberi soprattutto se lo facciamo senza offesa e dalle nostre pagine, a casa nostra e non per questo l’invidioso, che normalmente si dichiara sostenitore dello stesso obiettivo dell’invidiato, nel vano tentativo di rendergli il percorso difficile, parla a sproposito o agisce grossolanamente, rischiando di piazzarsi all’opposizione, ovvero tra quelli che sono “veramente” dall’altra parte. Questi ultimi, però, sono credibili poiché sono dichiaratamente da “quella” parte mentre noi da “questa”.
 In buona sostanza gli invidiosi, nel tentativo di nuocere, accrescono l’importanza dell’invidiato rendendogli la strada molto più interessante. Ma qualcosa va chiarito.

Eppure sarebbe facile per lui non soffrire, basterebbe guardare da un’altra parte, ma è più forte di lui, gira e rigira, come un'anima in pena, nella zona di sofferenza, rodendosi il fegato e non portando nessun aiuto alla causa di cui si dice sostenitore. Per quanto riguarda il mio lavoro di sensibilizzazione sul Venezuela, vorrei ribadire che Il mondo è fatto di noi, i media siamo noi, le nostri singole voci, se chiediamo ai giornali di parlare ovviamente lo possiamo chiedere anche a chi, avendo un ascendente sul pubblico, resta immobile e non lo fa. Tre possono essere i casi: 1) non è interessato; 2) sta dall’altra parte, 3) non se la sente.  Siamo liberi di "notarlo", così come protestiamo quando sappiamo che qualcuno, dall’altra parte, appoggia chi noi vogliamo si allontanasse dal nostro Venezuela.

Chi potrebbe ottenere ottimi risultati e non lo fa potrebbe soltanto aver bisogno di un incoraggiamento per poi  dare un apporto importante. Resta, ovviamente, libero/a di non fare nulla, come io resto libero di dirlo.  

Unico dubbio che mi resta: ma questa gente (l'invidiosa) è realmente interessata al successo del risultato? Ho i miei dubbi. 
Secondo un’interessante e vecchio articolo di Vittoria Nervi gli invidiosi utilizzerebbero regolarmente delle parole, al momento di elargire ‘finti’ consigli all’invidiato:
vacci piano; controllati, aspetta con calma, fai un passo indietro, gioca sul sicuro, accontentati. E’ proprio vero! In molti commenti li ritrovo!

Non possiamo  negarlo, l’invidia fa parte di un bagaglio emotivo che a volte può, addirittura, essere utile a scaricare lo stress. Secondo una ricerca dell’Istituto Nazionale giapponese, è scientificamente provato che a livello cerebrale si attivano delle aree legate al piacere di fronte alla sfortuna di chi s’invidia. Sarebbe simile al godimento che si prova mangiando della cioccolata che favorisce la produzione di serotonina, un ormone che ha un’azione stimolante sul sistema nervoso e sull’umore. Per certi, vedere una certa persona in difficoltà, è un vero e proprio godimento. Una situazione difficile da gestire, che logora chi la sente. Sempre studiando questa scrittrice, mi piace sottolineare che :
L’invidia nei confronti di qualcuno è proprio una brutta bestia che denota una bassa autostima. Chi ne viene roso spesso assume atteggiamenti che sta criticando in un altro e lancia due frecce avvelenate che, in sostanza, contengono questi messaggi:
1)    Ti sono ostile perché hai più di me (ad esempio soldi, o successo, o notorietà, o amicizie, o simpatizzanti,ecc.)
2)    Mi vendico di te sparlando di te alle spalle, mettendoti in cattiva luce.
a)    Se hai fiducia in te e sai quelo che vuoi  vieni descritto come un arrogante che se la tira.
b)    Se sai quello che fai e hai obiettivi ben chiari da raggiungere dicono che sei chiuso in te stesso.
c)    Se segui le tue linee ti dicono che pensi di essere chissà chi.
d)    Se credi nella gentilezza e nel condividere con gli altri, sostengono che sei ingenuo.
e)    Se hai speranze e qualche sogno ti diranno di tenere i piedi per terra.
Mi dispiace un po’ per l’invidioso perché ha sempre paura di mettersi in discussione e non riescono a cambiare, proiettano i loro rimpianti e i loro insuccessi su di te. Parlano di rispetto e sono loro che, per forza di cose, perdono lo stile.
Mi piace finire con la frase di Gandhi :
prima ti ignorano, poi ti prendono in giro, in seguito ti combattono e, alla fine, vinci tu.

 (#Cosmo) #VenezuelaLibre

18/06/14

Venezuela soccombe: Maduro sempre più simile a Hitler



VENEZUELA: A quando le fosse comuni venezuelane?

ITALIA NON TI DICONO CHE:
Maduro sempre più simile a Hitler! Si continua a parlare della mancanza di bare. Questo malgoverno dittatura di Maduro non solo massacra il popolo lasciandolo senza: cibo, farmaci, libertà di parola, di pensiero, di protesta ma, aumentando la criminalità che resta impunita dalla legge, produce un sacco di morti. Le imprese di pompe funebri, come tutte le altre, sono fallite e non si trovano più bare. Ora propongono di cremare tutti i morti, come al tempo della Peste raccontanta nei "Promessi Sposi" di Manzoni, per riciclare le poche bare rimaste. Ecco cosa ha prodotto la revoluciòn di Chàvez e il tiranno Maduro. Orrore, morte e miseria. C'è ancora qualcuno che ritiene si debba commemorare il chavismo? Solo un demente o un estremista disinformato potrebbe farlo. Altro che Latinoamericando! Nel caso venezuelano sarà la festa dei Killers! Invito tutti a snobbare Latinoamericando di Milano. Il Venezuela manifestato dal Consolato (governo dittatura). Il Venezuela non è quello!

Intanto la notizia fresca fresca di ANSA:
In Venezuela la crisi colpisce anche le imprese funebri, per le quali l'effetto combinato di scarsità delle materie prime, restrizioni valutarie e aumento della violenza criminale ha prodotto un risultato sconcertante: non si sono più bare disponibili per seppellire i morti. Le pompe funebri consiglino di scegliere la cremazione per i defunti: in questo modo la bara viene usata solo per la veglia e può essere poi riciclata per un altro 'cliente'.

Los escuadrones de la muerte bolivarianos controlan las calles de las principales ciudades venezolanas. Matan a quien es contrario! Cuidado!

08/06/14

Mario Vargas Llosa a Hola Italia....il Venezuela in Italia con Cosmo





Ho trascorso due intense giornate insieme a Mario Vargas Llosa e sua moglie Patricia. Inutile dire di aver appreso molto ed essermi sentito privilegiato di poter stare a contatto con un uomo del genere. Virtualmente già ci conoscevamo perché da tempo ci scambiavamo dei messaggi. Quando ho cominciato ad organizzare l’evento universitario ho subito chiesto a lui e all’Università di poter ospitare un gruppo di fratelli venezuelani. Così è stato ed è stato bellissimo.

Ho parlato molto con lui e mi ha fatto capire che il cammino che abbiamo intrapreso è quello giusto. Il mio ruolo di informare l’Italia funziona, una spiegazione vera non la trovo, ma ho la fortuna di avere tanta gente che segue i miei scritti, i miei articoli, i miei post, i miei comunicati stampa, i miei incontri e questo mi permette di unificare un po’ lo sforzo di tutti i venezuelani e gli italo-venezuelani che si danno molto da fare in Italia.

Mario Vargas Llosa ha lasciato un messaggio per i venezuelani, e me l’ha concesso di getto, in una breve intervista un attimo prima di lasciarci in aeroporto. Quel viaggio in auto, dall’hotel all’aeroporto, è stato importantissimo. Un giorno saprete il perché.
Non perdete l’episodio numero 4, che arriverà tra una decina di giorni da oggi, ci sarà anche il messaggio del grande Mario della Letteratura mondiale.

Cosmo de La Fuente

07/06/14

Vargas Llosa: i venezuelani mi hanno fatto emozionare

Ha lasciato il podio da dove aveva appena finito la sua Lectio Magistralis  per andare incontro alla Comunità venezuelana che mostrava un telo con scritto: "Gracias Vargas Llosa por llevar el corazòn de Venezuela en tu voz". - Non ho resistito e ho voluto portare il mio messaggio di libertà al Venezuela.
Il messaggio di Llosa è sempre rivolto alla libertà, cosa che in Venezuela si è persa. Nel prossimo episodio di Hola Italia un messaggio tutto per noi dal grande Mario.
Oggi, presso l'Università di Torino, Mario Vargas Llosa ha ricevuto la Laurea Honoris Causa in Lingue e Letterature Moderne.
Ecco la gallery dell'evento con le foto dei venezuelani.