7/14/06

Tini Cansino e Milingo


Auguri Tinì
Angelo o demone?
Innanzitutto vorrei ringraziare tutti coloro che mi hanno scritto e commentato la mia amicizia con Tinì Cansino, anche quelli, pochi in verità che, iprocritamente, dopo aver letto l'intervista rilasciata da Tinì a 'Diva e donna' hanno detto: - che vada a pulire le scale! - , in segno di disprezzo, ma non c'è nulla di orribile nel pulire le scale (chi ti ha detto che non l'abbia fatto?). Penso non ci sia nulla di male se una persona, che lavorava nello spettacolo come centinaia di altre persone, che ha 'subìto' molto, voglia riprovarci dopo essere vissuta, negli ultimi anni, in maniera mediocre, cercando, come tutti, di sbarcare il lunario. Abbiamo offerto possibilità a Maria Giovanna Elmi (70enne) perchè non lasciare la possibilità anche a Tinì, splendida 47enne? E' stata una mamma meravigliosa. Vogliamo punirla per via delle sue foto osè o perchè rappresenta quel genere di Tv degli anni ottanta dove le belle ragazze si lasciavano vedere, cosa che, tra l'altro, continuano a fare? Che ci crediate o no considero Tinì una vera signora, molto di più di altre gentildonne che si fingono sante e poi ne combinano di tutti i colori. Ho letto recentemente di una moglie che, aprofittando dell'assenza del marito e dei figli, ospitava 'generosi' per massaggi indimenticabili. Rispetto il pensiero di tutti ma condivido di più quello leggermente più umano e comprensivo. Non pubblicherò foto particolari, come mi è stato chiesto, ce ne sono in abbondanza anche su internet e oggi ho letto, con divertimento devo dire, ciò che hanno scritto sul sito di cine blog ecco il link, si parla anche di familia futura
se invece vi interessano alcuni giornali che parlavano della nostra 'simpatia potete andare alla pagina http://www.cosmodelafuente.com/stampa.htm
per il resto consiglio vivamente di non fingerci puritani quando siamo in pubblico per poi trasformarci in tutt'altro in privato. Tinì è stata ed è una buona mamma, ha rispettato il diritto ad amare di sua figlia.
Cara Tinì non mollare!
Oggi vorrei anche parlare dell'effetto Chiesa, scusandomi con chi la pensa diversamente da me. Ribadisco, ancora una volta, di essere credente, ma in una maniera personale. Credo in Dio, ma non in quello che altri esseri viventi mi raccontano. A questo proposito, visti i recenti fatti legati a Milingo, vi propongo il mio pensiero.
E Dio disse: declamate e ridicolizzatevi. Solo dopo saprete la verità.

Quando si vuole abituare un bambino al regime del paese in cui vive, con la collaborazione e l’aiuto che offre la Chiesa, il metodo consiste nel pulire il cervello a scuola. “Bambini, tutti in piedi per la preghiera”, dicevano le maestrine isteriche ai miei tempi.
La religione, di per sé, è un termine che indica, secondo il Garzanti : -complesso di credenze e atti di culto che esprime il riconoscimento da parte dell’uomo di un ordine superiore, in particolare delle divinità, intesa per lo più come creatrice, reggitrice e fine supremo dell’universo –
Questo complesso di credenze, secondo Freud, scaturisce dalla necessità di non soccombere di fronte al terrore della morte. Già all’origine l’uomo ha identificato divinità e forze superiori negli eventi con cui aveva a che fare giornalmente: la pioggia, il sole, il mare, la terra, il fuoco, ecc.
Premettendo che anch’io ho la sensazione che qualcosa di ultraterreno esista, ci tengo a precisare, però, che non impongo la mia ‘credenza’ a nessuno e non sono un frequentatore maniacale di Chiese e nemmeno un ascoltatore delle solite ‘tiritere’ che proferiscono certi prelati. Detesto la convinzione con cui alcuni individui, che siano cristiani, musulmani, induisti, testimoni di Geova e chi più ne ha più ne metta, proferiscono in merito a situazioni dell’aldilà che nemmeno loro possono conoscere dal momento che sono in vita. Grazie per il suggerimento, ma so sbagliare da solo!
Penso che la Sacra Bibbia, scritta migliaia di anni fa e, certamente, modificata da mani esperte, sia stata lo strumento di educazione per un’umanità selvaggia e ignorante che avrebbe creduto anche negli elefanti volanti. E’ impensabile che nel 2006 si continui a credere fermamente che siano esistiti uomini vissuti fino a seicento anni e donne partorienti a 99 anni. Se vogliamo svagarci con un libro di favole antiche possiamo anche tuffarci in questo mondo fantastico, come fantastico è il mondo de ‘Il Signore degli Anelli’ o, in chiave moderna di ‘Matrix’.
Non accetto di buon grado chi, con aria di superiorità viene a dirmi quali siano i voleri di Dio e cosa sia giusto o sbagliato fare. Come nel caso, attualissimo di Milingo. Quando con aria di superiorità colui che si sente baciato dalla divinità ti osserva come se fosse una persona ultraterrena e tu un escremento. Quanto non fai del male al prossimo e vivi la tua esistenza in maniera pacifica, credo sia la cosa migliore ma alla Chiesa questo non basta.
Ho notato che i fanatici della religione amano parlare sempre del diavolo e dei demoni in mille versioni diverse. Ognuno presenta Dio a suo piacimento. Spesso si tratta di un essere pronto a giudicare e a punire. Ma guarda caso tutto va concludersi sul discorso sesso: non si può avere più di un partner; l’omosessualità è reato; usare posizioni particolari tipo quelle del kamasutra è contro la legge divina. Ma insomma, che noia! Non è che, per caso, ora stiamo soccombendo di fronte a manie tramandate da avi bigotti?
Credo che Gesù, sia stata una persona in gamba, con grosse capacità comunicative. A quei tempi non esisteva la televisione, mediaset e nemmeno i giornali. Il dualismo avveniva parlando alla gente per la strada e tentando di dimostrare la propria superiorità soprannaturale, investendosi di cariche profetiche.
A volte penso che se Gesù Cristo e Maometto avessero condotto contemporaneamente il loro lavoro di convinzione, non essendoci altri mezzi mediatici all’infuori della parola per la strada, sarebbero stati una specie di Prodi e Berlusconi in campagna elettorale. Se ci pensate bene questa versione non è lontana dalla realtà.
Ripensando alla letteratura, un rappresentante del mondo ecclesiastico è stato anche il mitico ‘Don Abbondio’ de ‘I promessi Sposi’. Quale migliore esempio per dimostrare la debolezza di certi preti? La maggior parte di loro si scaglia contro i Pacs, che in fondo è soltanto regolamentazione di convivenza tra due persone che hanno deciso di stare insieme, che nulla ha che fare con pedofilia e altre pratiche maniacali che spesso si celano, invece, nelle abitudini private di alcuni cosiddetti ‘normali’. Strano che ci sia questa caccia alle streghe perché la percentuale di omosessualità nel mondo ecclesiastico raggiunge livelli altissimi. Sarà forse dovuto perché loro non possono regolamentare le loro unioni che, per forza di cose, devono rimanere nascoste?
Molti prelati si dilettano a chattare e cercano incontri come fanno altre persone. Nulla di male, ma, insomma, smettiamola con tanta ipocrisia e questa lotta improduttiva. Ma di quale famiglia si continua a parlare se i matrimoni in Italia diminuiscono un giorno per due? Sarà il timore che la società si stia laicizzando? Ma la Chiesa vuol forse rappresentare l’imperialismo in ogni settore? Lasciate che ognuno segua il proprio istinto, che decida in cosa credere e, nel rispetto della vita altrui, si gestisca la propria intimità come vuole. Ma è la Chiesa, forse, che deve vivere la vita degli altri?
Il Vaticano condanna le unioni ‘diverse’, non potrebbe fare altrimenti, ma non si pronuncia riguardo i figli dei separati e di cosa abbiano subito per anni venendo separati da uno dei genitori. Non proferisce mai parola sulla tutela di questi bambini penalizzati da un sistema ingiusto. Vuole il matrimonio classico ma, non commentando mai l’ingiustizia subita dai padri, ha permesso che queste unioni fossero teatro di guerre e faide familiari. Matrimoni allo sfascio quindi.
La Chiesa, in nome di Dio, nel passato si è macchiata di crimini orribili e ha fatto fuori i non Cristiani. Sono trascorsi centinaia di anni certo, ma l’abitudine di dirigere tutto e di credersi la detentrice della verità assoluta non l’ha persa mai.
Dio esiste, lo penso veramente, nessuno, però, sulla Terra può conoscerne il pensiero, a volte rifletto su quanto si sentirà chiamato in causa da mille credenze diverse. Lui soltanto sa quale sia la verità oltre la morte e, immagino dica: - parlate, fate e ridicolizzatevi tutti con le vostre sciocchezze, tanto saprete poi come mi sono organizzato –
Visto che non possiamo assicurare quello che non abbiamo ancora visto, occupiamoci di vivere serenamente mentre siamo in vita. Pensiamo di più del benessere dei bambini e non stiamo sempre a lottare e a perdere tempo vietando ai nostri conTerranei di effettuare le proprie scelte private, se queste non arrecano danno agli altri. Non dimentichiamo che è anche grazie alla Chiesa, il suo oscurantismo e terrorismo psicologico, che troppa gente crede nelle maghe, nei fattucchieri per poi farsi frodare. La paura è ingestibile. Su quello conta una buona parte della Chiesa.
Mettiamoci un po' nei panni del Signore che deve assistere alla lotta per la religione ad opera di miliardi di suoi figli sulla Terra. I cattolici pensano di meritare il Paradiso perchè convinti di avere in mano la verità; lo stesso i musulmani che considerano infedeli gli altri; i buddisti e gli induisti sono convinti di aver capito tutto, per non parlare dei 'testimoni di Geova' che vedono, come gli evangelisti e i battisti, il demonio ovunque, o di infinite altre correnti religiose. Non gli resta che lasciar fare e dire: - dite e fate quel che volete, poi saprete! - Un buon Padre non può far altro di fronte alla guerra tra fratelli.

Cosmo de La Fuente

NB: I CONTENUTI DEL BLOG POSSONO ESSERE PRELEVATI CITANDO L'AUTORE E LINKANDO A : http://www.familiafutura.blogspot.com/

2 comments:

Mauro said...

Con riferimento al caso di Antonio Faccini

Antonio ha tutta la mia comprensione e condanna per il gesto assurdo scaturito dall'ignobile comportamento della moglie e dall'indifferenza e inadeguatezza delle istituzioni. Sono anch'io un padre separato, separato dal coniuge e ingiustamente dalle tre meravigliose figlie, potrei scrivere pagine e pagine di ingiustizie ricevute e falsità ingiustamente addebitatemi tanto da sembrare inverosimili. La cattiveria, l'odio, il cinismo e la crudeltà che il comportamento di una donna separata puo generare nei confronti dell'ex marito è allucinante ed incredibile, ma come fà a farsi chiamare "mamma"??
Una vera Madre è colei che comprende che i figli hanno in egual misura bisogno per crescere armoniosamente di entrambi i genitori. Che in una coppia che si disfa gli unici a subire sono i figli e le madri che impediscono di far frequentare i loro bambini anche al legittimo padre non fanno altro che aumentare la loro sofferenza. Ma quante madri separate ed intelligenti ci sono? Poche, pochisime, in genere come nel mio caso utilizzano i figli per far del male all'ex coniuge, per distruggerlo oltre che economicamente anche psicologicamente con bugie ricatti morali e lo Stato non fa che aiutarle attraverso una Giustizia che non lo è affatto. Io l'ho vissuto e sto ancora subendo a settembre avrò un'altra udienza e sarà la terza volta che la mia ex moglie mi porta ingiustamente davanti ad un Giudice in tribunale, ma nonostante tutto ho la forza di resistere all'odio che mi riversa contro e serenamente lotto aiutato dagli antidepressivi dallo sport dove mi sfogo e da una VERA DONNA che finalmente ho incontrato e che mi aiuta ad andare avanti. Un pensiero ad Antonio ed a tutti i padri che si trovano nelle stesse condizioni: ingiustamente trattati e giudicati.
Mauro.

Anonymous said...

Ho letto sul magazine l'intervista e la lettera di Tinì Cansino, l'ho vista molto diversa e provata nelle foto.
Ha ben tre figli e non si è opposta quando sua figlia, orami quattordicenne, ha deciso di andare a vivere col padre a Roma.
Non mi aspettavo che fosse una donna così. E' proprio vero che l'apparenza inganna.
Ginetta