9/10/14

Prove di chavismo all'italiana

A Renzi e alla Boldrini nulla interessa della fame e della povertà degli italiani, sennò non penserebbero a remunare i clandestini. I nostri vecchi raccolgono la frutta marcia nei mercati, perché non ce la fanno a tirare avanti e nemmeno gente come me che guadagna un cazzo di niente, grazie anche alla CGIL CISL e via discorrendo. Una vergogna. Leggendo e rileggendo in giro cosa accade mi rendo conto che siamo sempre più vicino ad un chavismo all'italiana. Quando il popolo sarà ridotto quasi completamente alla fame, vedremo cosa accadrà. 
Ci siamo ci siamo
Ma leggiamo un po' da altri giornali cosa ci raccontano:
In Italia c'è un esercito di 56mila immigrati ai quali tutti i mesi paghiamo la pensione. Senza che abbiano lavorato un solo giorno in Italia, ma per il semplice fatto di risiedere regolarmente sul nostro territorio da almeno dieci anni. Sono il 7% del totale degli stranieri in possesso di regolare permesso di soggiorno: anziani over 65 che hanno ottenuto il ricongiungimento famigliare e che di fatto risultano senza un reddito (non lavorando). Si chiede che si faccia luce e se "in epoca di crisi sia ancora sostenibile" uno strumento come la pensione sociale estesa agli immigrati over 65. L'imbroglio, a giudizio dell’interrogante, nasce laddove lo straniero, che giunge nel nostro Paese con la scusa di riunirsi ad un proprio parente, ottiene la residenza, si appropria della pensione e si rimette in volo per tornare da dove è venuto, omettendo di comunicarlo allo Stato.
Quello che vogliamo è sapere "se vengano effettuati i debiti controlli su tutto il territorio nazionale per sfatare il mito del vitalizio in favore di stranieri non realmente residenti in Italia e se in questo momento di grave e perdurante crisi economica e in tempi di spending review sia ancora necessario elargire 327.190.550 euro all’anno di assegni sociali in favore degli stessi".
Un clandestino che arriva in Italia e che richiede l’asilo politico o lo status di rifugiato riceve dallo stato immediatamente la somma di 976,15 euro per i primi 35 giorni., ridotti poi a 557,80 euro in caso di respingimento della domanda. In seguito, secondo la Fondazione Leone Moressa, lo Stato affronta una spesa diretta di 14.600 Euro l’anno (40 Euro al giorno, cioè circa 1.200 euro al mese) per persona e altrettanti in prestazioni indirette (spese sanitarie e servizi generali dello Stato, calcolati per analogia, considerando che tali voci impegnano circa la metà del Pil nazionale): quindi allo Stato ogni rifugiato o presunto tale costa circa 29.200 Euro l’anno.
Se finora solo un miracolo ha fatto sì che in Italia non ci sia stata una rivoluzione considerando i circa 7 milioni di disoccupati e inoccupati, tra cui 4 milioni e 100 mila che fanno la fame, ebbene la rivolta sociale potrebbe presto esplodere per la crescente insofferenza degli italiani nei confronti dell'invasione dei clandestini favorita dallo Stato, benedetta dalla Chiesa, accettata dall'Unione Europea e valutata con estremo favore dalle Nazioni Unite. Fortissimamente voluta dalla Boldrini.

Sabarcano in Sicilia migliaia di clandestini, che hanno innalzato il totale dall'inizio dell'anno a oltre 50 mila, più di quanti arrivarono in tutto il 2013 (43mila). Queste cifre non potranno che aumentare in modo esponenziale perché si tratta di un'invasione voluta e finanziata dallo Stato. Per pervenire a questo risultato abbiamo conseguito diversi «primati mondiali». Siamo l'unico Stato al mondo che: non considera reato penale l'ingresso illegale nelle proprie frontiere; ha messo ufficialmente al bando la stessa definizione di «clandestino» sostituendola con il generico «migrante»; impegna la Marina Militare per farsi auto-invadere prestando soccorso ai clandestini ai limiti delle acque territoriali straniere; collabora e si rende complice della criminalità organizzata che gestisce il traffico dei clandestini realizzando profitti superiori a quelli dello spaccio della droga; attribuisce la priorità assoluta al soccorso e all'accoglienza dei clandestini anche contro la volontà della comunità locale e a discapito della sicurezza e dell'attività produttiva degli autoctoni; non bada a spese per prevenire che possano verificarsi delle sciagure in mare e per accogliere nel migliore dei modi i clandestini, i cui costi lievitano considerando che tra loro aumenta la quota delle donne incinte e dei minori non accompagnati.
Sui costi dobbiamo essere severi dal momento che c'è un numero crescente di italiani che non ha i soldi per comperare il pane. Ogni giorno spendiamo 300 mila euro per le sole unità della Marina e dell'Aeronautica impegnate nell'operazione Mare Nostrum. Alle operazioni di soccorso partecipano anche navi mercantili battenti bandiere diverse e finora non è chiaro se e quanto vengano pagate. Attualmente ospitiamo complessivamente circa 32.000 clandestini (ufficialmente «ospiti») che ci costano mediamente 40 euro al giorno ciascuno, per un totale di 1.280.000 euro al giorno, 38.400.000 euro al mese, 230.400.000 euro per 6 mesi, che è il periodo medio necessario per identificarli e stabilire la loro destinazione successiva. Qualora si dicesse per il rimpatrio, il costo medio per il rimpatrio di ciascun clandestino è di 25 mila euro. Quelli che in qualche modo fanno perdere le tracce e riemergono tra le fila della criminalità organizzata, ci costano molto di più. Dei circa 23 mila detenuti stranieri nelle nostre carceri, ben l'80% sono clandestini. Ciascuno costa mediamente 500 euro al giorno!
La frustrazione e la rabbia degli italiani è fondatissima e più che giustificata. Più in generale gli immigrati e i Rom vengono percepiti come concausa dell'impoverimento degli italiani perché hanno di fatto la priorità nell'assegnazione della casa, dell'asilo e del sussidio sociale; i cinesi stanno colonizzandoci economicamente perché arrivano con borsoni pieni di euro che la Banca Centrale Europea ha pensato bene di far stampare in Cina e ci costringono a svendere le nostre aziende e le nostre case perché a noi accedere al denaro è diventato sempre più difficile; gli islamici ostentando sia il denaro sia l'aggressività ci obbligano a concedere loro moschee che ergono a roccaforti della loro guerra santa, che ha già cooptato migliaia di cittadini europei trasformati in terroristi islamici che al ritorno dal fronte siriano si preparano a sottometterci al loro Allah.
Ebbene oggi siamo arrivati al punto di vergognarci e di considerare «razzismo» il sostenere che in Italia gli italiani devono legittimamente beneficiare in via prioritaria delle risorse proprie. Chi ci governa è avvisato: voi state fomentando il razzismo discriminando gli italiani nei confronti dei clandestini, degli immigrati, dei Rom, dei cinesi e degli islamici. Se non cambierete radicalmente anteponendo l'interesse degli italiani come deve fare un buon genitore che ha l'obbligo di occuparsi innanzitutto dei propri figli, inevitabilmente esploderà la rivolta sociale.