3/3/13

Coy Mathis: transgender di soli sei anni


Questa bambina, di soli sei anni, è nata con gli organi genitali maschili. Vive in America, nello Stato del Colorado e sui suoi documenti c’è scritto “femmina”. La discriminazione avviene a scuola. Hanno deciso che non può usare i bagni femminili oppure quello delle infermiere. Come se a sei ci fossero chissà quali impulsi sessuali o cose del genere. I genitori sono arrabbiati e offesi, gridano alla discriminazione e sono intenzionati a intraprendere una giusta causa legale contro l’istituto scolastico. Associazioni locali transgender sono già all’opera.

Secondo la scuola, finché non le verranno asportati gli organi maschili lei non potrà entrare nei bagni femminili. L’avvocato sostiene che questo tipo di discriminazione è abbastanza comune. Fatto sta che una bimba di soli sei anni non solo sta vivendo una drammatica esperienza per via della sua condizione fisica e psichica, ma è vittima di una discriminazione che le segnerà la vita.

Pensate un po’ cosa accadrebbe in Italia in una situazione del genere. Non oso azzardare ipotesi.

Cosmo de La Fuente