2/26/13

il Ciclone Grillo

Monti si lecca le ferite causate da una sconfitta clamorosa, Bersani e Berlusconi affilano le armi che, probabilmente, resteranno inusitate. Il vero ciclone è Grillo. Il primo partito in Italia è Cinque Stelle. Se pensiamo che il nostro amico genovese è riuscito ad ottenere questo risultato senza apparire in TV, facendo leva sul desiderio di cambiamento di molti italiani, l'operazione risulta, davvero, eccezionale. Gridano i piddini, si lamentano i berlusconiani, ma la gente, cari miei, è stufa.
Valeva la pena, secondo me, offrire un'opportunità a chi per la prima volta si propone. Come si fa  non essere d'accordo, ad esempio, sull'abolizione dei vitalizi ai politici; ai finanziamenti dei partiti; lo stipendio; ecc. ecc.
Avrà il suo modo di fare, ma chi l'ha votato sicuramente era stufo dei soliti. Basta Berlusconi, basta Bersani e Prodi; basta con quel vampiro di Monti.
Perchè la lista Monti ha preso più voti all'estero? Un amico che vive a Colonia (Germania) R.M. mi ha segnalato che appariva soltanto la sua lista on line. Chissà come mai. Gli italiani che stanno all'estero non possono sapere cosa sia Mario Monti per chi vive qui. La sua opera "sanguisuga" non poteva ripetersi in questo Paese massacrato. Un paese in cui la gente di classe bassa e di classe media, si vede costretta a rapinare per pagare le richieste di uno Stato che non capisce nulla.
L'Italia, secondo un'agenzia investigativa, sarebbe sull'orlo della guerra civile che se si consuma per le strade sarà carica di sangue innocente; meglio che si consumi in Parlamento. Anche per questo abbiamo bisogno di Beppe Grillo. Non ammalia solo i giovani (v. Senato).
Cosmo de La Fuente