30/06/12

Razzisti e pure ignoranti

Nella foto la bellissima
MICHELA ROTH
maestra diplomatasi a Imola con regolare esame di Maturità. Perseguitata dall'ignoranza, dall'invidia e dall'ottusa mentalità di una manciata di idioti.
300.000 contatti mondiali, amata e venerata da centinaia e migliaia di persone. Ho il piacere di lavorare per lei e di aver contribuito alla sua notorietà.
Bravissima! Sei in gamba.

Vergogna italiana. Il razzismo è la forza degli idioti

È una vergogna che giunti a metà dell’anno 2012 in un Paese come l’Italia si possa ancora assistere inermi agli insulti di persone, che non voglio definire perché si definiscono con le loro azioni, nei confronti di chi non è nato sul territorio italiano.

Da italiano mi vergogno al pensare che, miei conterranei si comportino in questo modo, da figlio di italiani emigrati in Venezuela mi vergogno ulteriormente e rimango amareggiato. I miei genitori hanno subito un trattamento simile quando si sono trasferiti in Sud America, nel terzo mondo. Questi quattro razzisti che altro non sono che una manica poveri ignoranti, non sanno neppure cosa abbiano subito gli italiani all’estero e nemmeno i meridionali al Nord Italia. Galleggiamo nell’idiozia insomma. L’ho già detto più di una volta: il razzismo è la forza degli idioti.

La cosa più triste è che coloro che dovrebbero garantire l’eguaglianza, soprattutto se appartenenti a uno schieramento politico di sinistra, i cui pensieri circa l’eguaglianza ho sempre ammirato, possano tranquillamente lasciare che le belve si scatenino nell’arena. Dio voglia che non si tratti, addirittura, di un atteggiamento di comodo per cercare una soluzione onde eliminare (si fa per dire) la persona scomoda e di troppo.

Dopo averla rovinata professionalmente, perché nessuno può venirci a dire che hanno aspettato degli anni prima di capire che lei non poteva avere quel tipo di attività nella Regione Emilia Romagna, anche contraddetti dai documenti allegati da Michela Roth; hanno voluto umiliarla come modella, perché nella ricerca di un nuovo lavoro si è lasciata fotografare senza abiti. Credo che abbia fatto benissimo, la sua protesta deve essere alta, profonda, contro il marcio che c’è nella società, contro chi abusa del proprio potere. Mi vergogno di essere italiano (io lo sono) quando altri italiani si comportano così. Dopo i primi momenti di rabbia, però, ricevendo il messaggio dei più, per fortuna, posso constatare che il popolo italiano è invece diverso da quanto vogliono far apparire questi: sensibile, altruista, buono, pronto a tendere una mano e una parola d’amicizia. Bene. Se così è bisogna lavorare affinché questi quattro razzisti di scarsa cultura non possano macchiare il buon nome della sensibilità italiana. Chiedo anche che i partiti politici si assicurino, come fanno le aziende che concedono il franchesing, verificare cosa fanno i loro affiliati (Giunte comunali).

Siamo alle solite, i luoghi comuni, l’unico posto dove i cretini si possono ritrovare. Come quelli da sempre combattuti legati alla penalizzazione dei padri in quanto maschi. Come non possiamo accettare che ai giorni nostri si parli di una persona di origini rumene apostrofandola come ‘zingara schifosa’ o ‘extracomunitaria di merda’.

Vi invito umilmente a prendere visione del Post nel Blog Ufficiale di Michela Roth. Sempre più nuda, sempre più vera. E raccogliamoci tutti in un minuto di estrema vergogna.

Cosmo de La Fuente

cosmo@cosmodelafuente.com

mediacontact

LINK da leggere e possibilmente da diffondere, grazie


definita sui social network da una caprona ignorante:

rumena di merda, zingara, extracomunitaria di merda!