03/04/12

Massoneria - Grande Oriente d'Italia - Torino


A proposito dell'incontro di Rimini del 30 marzo

Dai ragazzi che sostengono Nichi Vendola o Beppe Grillo alle donne, cche rimane un “ordine solare” e dunque riservato agli uomini. È un mondo variegato, quello che si è radunato Rimini per partecipare alla tre giorni della Gran Loggia 2012 del Grande Oriente d’Italia.

Gaffe del dirigente Gianni Vattimo che ha dichiarato: “La massoneria rappresenta la classe dirigente e io preferisco d’ora in poi andare alle manifestazioni della Fiom”. Coerenza sotto le scarpe, insomma.

“Noi classe dirigente?”, chiede Andrea, impiegato in un ente previdenziale romano, a proposito delle parole di Vattimo. “Non tutti lo sono e di certo non io, che svolgo un lavoro normale. Il mio superiore lo sa e finora non è stato un problema. Vai mai a sapere però che, se dovessero decidere di non avvalersi più della mia collaborazione, non lo facciano proprio perché sono massone”. Ma c’è anche il dipendente del Comune di Roma, che opta per mantenere il riserbo sul suo nome. “Il sindaco Gianni Alemanno dal 2009 ha detto di non volerci più”, spiega. “Se valeva per gli eletti, poi è stato esteso a tutti. Io mio capo non lo sa e dunque meglio esporsi quando sarò in pensione”.

Certamente la Massoneria moderna conta di persone appartenenti a tutte le classi sociali e sicuramente è stata una svista quella di Vattimo.

Ci piace ricordare che la Massoneria rispetta, tra gli altri, i seguenti punti:

-Essa lascia a ciascuno dei suoi membri la scelta e la responsabilità delle proprie opinioni religiose .
La Massoneria non è una religione né intende sostituirne alcuna: non pratica riti religiosi, non valuta le credenze religiose, non si occupa di nessun tema teologico, non consente ai propri membri di discutere in Loggia in materia di religione-


CG