10/19/10

Maradona : festini alla cocaina e hiv per gli ospiti


Maradona : festini alla cocaina e hiv a go-go.

Maradona un padre da strapazzo, uno squallido drogato e, come se non bastasse, un evasore fiscale che deve milioni di Euro allo Stato italiano. Ma, dulcis in fundo, anche amico di Chavez. Come se il socialismo fosse un cocktail malavitoso come la vita che lui ha sempre condotto. Basti pensare che al suo matrimonio persino il portiere del Napoli maradoniano, Giuliano Giuliani, si ammalò di Aids con una delle donnette presenti nelle orge di casa. Ne parla la moglie a distanza di anni. Ai mondiali del 1990 ho lavorato per Maradona, allo stadio Delle Alpi di Torino, e mi sorbivo i suoi festini gay negli spogliatoi, dopo le vittorie. Disgustoso mentre toccava i genitali e ballava nudo con un altro celebre giocatore dell’Argentina del 90. Uno schifo unico, ma ero costretto a seguirlo perché ero praticamente addetto al Centro stampa dello stadio e in quei giorni assistevo el pibe de oro…. Ne ha parlato anche Raffaella Del Rosario, valletta di quegli anni che si appresta a tornare in tv e sua moglie. Il loro matrimonio finì proprio per questo al festino di Diego

Articolo di Cosmo de La Fuente
http://www.tvblog.it/post/1192/il-grande-diego-armando
E’ cosa di questi giorni il trattamento che un “grande” come Maradona ha riservato a suo figlio. Dalla televisione argentina annuncia che riconoscere un figlio non significa amarlo, come se il figlio avesse qualche colpa o addirittura eistano differenze tra un figlio nato da un rapporto con una donna amata e quello arrivato da un rapporto occasionale.
Che intelligenza e quanta sensibilità da parte di un uomo che si dichiara contro la guerra e contro gli americani, un anti Bush convinto che ritiene l’America l’unico male dei nostri tempi.
Un comunista che sta dalla parte del popolo e che, come sappiamo, deve allo Stato italiano milioni di Euro evasi negli anni d’oro della sua attività calcistica. Si dice sia tossico, pieno di sé e padre crudele. L’importante per molti è parlarne, perché Diego Armando è simpatico certo e poi è amico di Chavez e Fidel Castro, il trio che sta lavorando contro l’America e che insieme, con i loro averi, potrebbero cambiare le sorti di popoli in miseria nel mondo.
Ma siamo sicuri che queste icone d’ipocrisia siano i personaggi giusti per rappresentare le sinistre italiane? Personaggi “sinistri” e di sinistra oserei dire.

No comments: