5/4/10

-Vai a farti fottere!- Urla D'Alema a Ballarò





-Vai a farti fottere – Urla d’Alema
Ieri sera D’Alema ha mandato a stendere Alessandro Sallusti, accusandolo di essere il difensore del governo.
Sallusti ha accusato D'Alema di «moralismo» facendo poi un paragone tra la vicenda di Scajola e la cosiddetta «affittopoli» degli anni Novanta, quando alcuni politici, tra cui lo stesso D'Alema, furono criticati perché abitavano in affitto in case di enti previdenziali pagando l'equo canone. «L'accostamento è del tutto improprio - ha detto D'Alema con voce alterata - io come migliaia di persone pagavo ciò che era previsto dalla legge, e non troppo poco». Sallusti ha replicato ricordando che però D'Alema lasciò la casa dell'ente che aveva in affitto. D'Alema ha replicato: «È stato fatto un accostamento che non c'entra nulla. Io ero in affitto, non ero né ministro né capo di governo, ero in un ente previdenziale pubblico e pagavo l'equo canone previsto dalla legge. Quando uscì la questione che i politici non potevano restare, e io non pagavo con i soldi che mi dava uno speculatore amico mio, io la lasciai. Io ebbi gratuitamente la sensibilità di lasciare la casa». Sallusti ha però rintuzzato: «Anche Scajola ha lasciato il suo posto senza essere indagato».
Seguono offese e riferimenti a signorine e a escort. D’Alema ha perso proprio la pazienza ed è rimasto spiazzato. Anche lui, infatti, era coinvolto in uno scandalo delle case abusive.

No comments: