11/05/10

Se potessi avere 300.000 al mese...la la la la

Roma - Di fatto raggiunto l’accordo di separazione con la moglie Veronica Lario, Berlusconi pranza con i figli Marina, Pier Silvio ed Eleonora. Assenti Barbara e Luigi. Un pranzo tradizionale, quello del lunedì ad Arcore con i suoi eredi, durante il quale presumibilmente si sarà parlato della futura divisione dei beni. Una riunione familiare, infatti, che arriva due giorni dopo la lunga udienza di sabato pomeriggio al tribunale di Milano tra il Cavaliere e la consorte.

L’intesa per arrivare a un addio consensuale è quasi perfezionata: a Veronica resta l’usufrutto a vita di villa Belvedere Visconti, a Macherio, oltre a un assegno di mantenimento ben lontano dalla cifra iperbolica richiesta inizialmente dalla Lario. Tre milioni e mezzo al mese, aveva preteso inizialmente Veronica; 300mila euro mensili la controproposta di Berlusconi, diventata poi definitiva. Ci sono ancora dei punti da chiarire, come la quota di spese per il mantenimento della casa di Macherio a carico del premier, ma l’intesa sembra sia stata chiusa con una stretta di mano tra i due. Niente richiesta di separazione con addebito, niente infinite battaglie tra i rispettivi legali: i fratelli Niccolò e Ippolita Ghedini e la patrimonialista Cristina Rossello da una parte, l’avvocato Maria Cristina Morello dall’altra. La guerra dei Roses è stata scongiurata anche in nome di figli e nipoti.

Tutti, sia quelli di primo letto, Pier Silvio e Marina, sia quelli di secondo, Barbara, Eleonora e Luigi. Berlusconi si sarebbe fatto garante proprio sul futuro ruolo nelle aziende di famiglia degli ultimi tre, come strenuamente richiesto dalla loro madre. Uguale trattamento tra i cinque gli eredi, avrebbe intimato Veronica in cambio della deposizione delle armi.
Ecco le posizioni in campo: Marina, 43 anni, due figli (Gabriele e Silvio junior), è presidente Fininvest e Mondadori e siede nei cda di Mediaset e Mediobanca. Pier Silvio è vice presidente Mediaset, consigliere Fininvest e Mondadori, amministratore delegato di Rti e Med Due, Telecinco, Medusa Film e Publitalia e ha una figlia di quasi vent’anni. Poi i figli avuti dalla Lario: Barbara, 25 anni, due figli, laureanda in filosofia, siede nel consiglio di amministrazione di Fininvest e ha dichiarato pubblicamente interesse per le attività editoriali (Mondadori?), con ambizioni che appaiono in contrasto con le responsabilità attuali di Marina. Eleonora, 23 anni, stage in Fininvest, laurea in Economia all’università St. John’s a New York. Infine Luigi, 21 anni, bocconiano, è nel consiglio di amministrazione della Mediolanum. Il grosso del patrimonio di famiglia fa capo a Fininvest, il cui controllo è diviso in holding. In mano a Berlusconi il 61,2%, Marina e Pier Silvio hanno una quota del 7,6% a testa, mentre gli altri tre il 7,1%
Alla comunista di Veronica vorrei solo dire che adesso è il momento di dimostrare i propri principi, dividi con i compagni, forza!