31/10/09

Marrazzo e Natalie : è vero amore



Tra Marrazzo e Natalie una vera storia d’amore, si amavano alla follia e lui gli/le faceva anche il regalo si San Valentino. Che tenerezza!
Roma: Tutti sapevano di Marrazzo e Natalie, dei loro frequenti incontri nello scantinato di via Gradoli dove l’ormai ex presidente della Regione Lazio è stato filmato, per essere poi ricattato, mentre era in compagnia del trans preferito. Ma pochi possono testimoniare che tipo di relazione ci fosse tra i due. Fabio, 38 anni, amico, confidente e condomino di Natalie, è uno di quelli. Si conoscono da oltre dieci anni, i due, lui ha addirittura le chiavi dell’appartamento di Natalie. Il settimanale Novella 2000 è riuscito a scovarlo e a farlo parlare. La brasiliana non gli ha mai nascosto nulla, neppure del suo rapporto speciale con Marrazzo, un cliente diverso da quelli rimediati per strada, che a via Gradoli si comportava come fosse di casa. «Arrivava la sera dopo il lavoro - racconta Fabio - si faceva un bagno caldo, indossava l’accappatoio e le pantofole di Natalie e si metteva a guardare la tv con lei». Non solo un rapporto mercenario, dunque, ma una vera e propria storia, un’intimità «soprattutto intellettuale» la loro. «Una storia pulita - ribadisce Fabio - sulla quale sono state elaborate ricostruzioni fantasiose». Dell’irruzione dello scorso luglio, durante la quale venne girato il video che ha costretto alle dimissioni Marrazzo, l’amico del trans assicura di non sapere nulla. Conosce invece molti particolari della liaison con il governatore, conosciuto in strada per caso due anni fa. «Era mattina - ricorda - e lei come consuetudine stava tornando dal supermercato, passeggiando, sul marciapiede di via Cassia, giù verso casa in via Gradoli. Lui la vede, accosta e le chiede “Stai lavorando?”. Al suo “No, lavoro solo di sera”, intasca il bigliettino da visita che lei gli porge. La chiamerà poi. E cominceranno a vedersi. I primi tempi una volta ogni due mesi circa. Poi più di frequente, anche due o tre volte al mese». Si vedevano sempre a casa di lei, nessun altro cliente ha mai avuto accesso ai suoi 35 metri quadrati. Natalie (ma soltanto Marrazzo e pochi intimi la chiamano così, per tutti gli altri è Natalia) lavora per strada. Nessuna auto blu. Secondo Fabio l’ex presidente della Regione arrivava in via Gradoli con la sua Smart bianca, da solo, e la parcheggiava in garage. «Erano quasi sempre le nove e mezza di sera e si tratteneva quattro-cinque ore, fino anche alle due di notte. Ma non ha mai dormito da lei», rivela il vicino di Natalie. E non erano sempre serate di sesso estremo, ma anche di coccole e carezze: «Natalie mi raccontava, emozionata, che varcata la sua porta Marrazzo si liberava di cravatta, scarpe, completo, camicia. Si faceva un bel bagno, alle volte, mentre lei lo aspettava in camera. Dove l’avrebbe raggiunta di lì a poco, con il suo accappatoio, o in boxer e maglietta. Sul letto, sdraiati, iniziavano le parole: la famiglia di lui, il Brasile di lei. Al buio, solo alla luce dello schermo. Lui le chiedeva di accarezzargli i capelli. Lei si compiaceva con me di come Piero non la volesse trasgressiva, coi tacchi a spillo e tutta in tiro in soffocanti pantaloni attillati. Di come a lui bastasse averla in calzoncini, di come la trovasse comunque provocante in microtop. A lui, mi raccontava Natalie, piaceva ascoltare la storia della sua vita: il Brasile, l’Italia, il marciapiede».
A Novella 2000 Fabio parla anche del capitolo compensi. Nulla a che vedere con i 5mila euro di cui si parla nelle carte dell’inchiesta: «Lui l’aiutava a pagare il mutuo per la casa acquistata in Brasile e per il negozio di parrucchiere che aveva aperto al suo paese. Natalie mi raccontava che le lasciava una cifra diversa, simbolica, per averle fatto perdere la giornata di lavoro su strada, tipo 500 euro, altre volte di più. Sembrava che ci fosse un principio d’amore, tra i due». E a Natalie capitava di essere gelosa, soprattutto di Brenda, con cui Marrazzo aveva cominciato a vedersi.
Pare che ci sia anche un secondo video con un trans biondo. Si era poi innamorato di un altro? Ma tutto questo non fa che nuocere all’ormai tartassato nome di Marrazzo. Cosa possiamo dire? Sicuramente esisteva già un cattivo rapporto tra Marrazzo e sua moglie. Se quello che lui cercava non era solo sesso ma anche amore, tra le braccia di un altro uomo vestito da donna, con tanto di attibuti maschili, sarebbe anche il caso di rivedere cos’era per lui la moglie.
Se è vero che non andava con l’auto blu, come hanno detto molti in questi giorni, non dovremmo nemmeno scandalizzarci più di tanto perché, sono convinto, che, come si dice “il più pulito ha la rogna”. Chissà cosa nascondono tutti. Chissà….



29/10/09

Trans mania


C'è una sorta di mania in questi giorni, si parla ovunque di trans. La vicenda Marrazzo continua a catalizzare i media. Si vede che questa passione desta ancora tanto interesse e pure è antichissima. In India, addirittura, i travestiti vengono considerati porta fortuna e non mancano mai nelle feste di matrimonio.



28/10/09

Rosy Bindi è innamorata del Coronel Milza?


Non c’è mai fine agli scandali. Il coronel Milza torna a farsi sentire: amo Rosy Bindi
Intervistato a Roma dal nostro redattore lo strambo coronel venezuelano, imparentato con Hugo Chavez, ha tuonato contro Berlusconi e con chi osa maltrattare la donna di cui si dichiara ardentemente innamorato: Rosy Bindi. La Repubblica aveva segnalato, un paio di anni fa la canzone che aveva dedicato alle donne della sinistra italiana e oggi dalle pagine del suo blog ribadisce il concetto.
Chi non si rivolgerà con rispetto verso la donna di cui sono innamorato, dovrà vedersela con me.
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2007/01/31/le-ministre-italiane-piu-calde-di-chavez.html
http://coronelmilza.blogspot.com/2007/02/le-donne-della-sinistra-italiana-sono.html

27/10/09

INCHIESTA CULI PULITI

Marrazzo: comincia l'era 'culi puliti'. Importanti rivelazioni del trans più famoso di Italia



Chantall: Tantissimi vanno a trans e a viados brasiliani, a Roma come a Milano, a Torino come a Catani. E' la nuova moda, i vip, giornalisti, presentatori molto celebri della tv, politici di ogni sorta. A tutti piace la donna col manico. Lo sostiene Chantall.

Anche molti protagonisti e prelati del Vaticano non disdegnano puntatine da trans e, come se non bastasse, si dilettano anche con maschi rumeni a pagamento.

Ma in che mondo vivete? Se si venisse a conoscenza delle persone che sono passate nel mio letto e in quello delle mie amiche, l'Italia cadrebbe a pezzi. Insomma è cominciata l'era di 'culi puliti'. Attenzione a non stuzzicare questa parte dell'intimità italiana, perchè potrebbe succedere qualcosa di veramente grave.

CdF
(nei vecchi post le interviste a Chantall)

26/10/09

Trans e politica: perchè piacciono tanto i travestiti?


intervista a Chantall

Marrazzo, Lapo, e molti altri che nel corso di questi anni sono venuti fuori. Ma perchè piacciono tanto? Ho girato la domanda alla ormai celebre Chantall che ha anche avuto una storia d'amore (così dice lei) con un membro importante della scorsa legislatura (vedi vecchi post in questo blogpress scrivendo 'Chantall) e ha risposto così.
Chantall dice: gli uomini, come le donne, provengono da madre e da padre ed è più che normale che ci sia anche un lato femminile in essi che viene represso da sempre. Il desiderio inconscio di ogni uomo è quello di avere una donna con la quale potere, certe volte, non essere sempre la parte attiva ma anche, spesso, la parte passiva. Con noi vengono uomini di ogni ceto sociale. Dall'operaio frustrato al medico famoso e al politico importante. Siamo la parte che manca alle donne, la femminilità assicurata che offre una sorta di scudo, di alibi contro i sensi di colpa. Il mondo, da che è nato, ha avuto le donne per procreare e gli amanti maschi per godere, lo dimostrano gli antichi romani e i greci. Ma non è solo questo. La donna rompe le scatole di natura, riempie il proprio uomo solo di doveri e vuole essere al centro della sua vita, mentre il trans fa si che sia l'uomo il centro. Se poi, come sempre accade, vuole addirittura fare la parte passiva, noi abbiamo il 'mezzo' per accontentarlo. La maggior parte degli uomini che si definiscono etero e che vengono da noi, nella vita di tutti i giorni sono tori da monta, mentre con noi possono anche essere, improvvisamente, le pecorelle prese e sottoposte. Credo che ogni donna dovrebbe, comunque, rassegnarsi al fatto che nella mente di tutti gli uomini, che sia represso o che sia esternato, il desiderio del fallo c'è e ci sarà sempre.
Hai detto delle cose molto pesanti secondo me, non so fino a che punto tu abbia ragione, ad ogni modo ci dici, questa volta, chi era quel famoso membro del governo?
Chantall: - assolutamente no! Oltretutto noi siamo molto più oneste di tante donne, non tradiamo i nostri amanti.
(articolo e intervista di Cosmo de La Fuente. Prelevabile citando la fonte e l'autore).

24/10/09

Sesso, politica, travestiti e nomi illustri

Sesso, veline, coca party??? Nient'affatto, oggi vanno alla grande i transessuali e i travestiti d'alto livello, ce lo aveva raccontato Chantall, ricordate l'articolo che ho scritto sia su questo blogpress che per 'La voce di Fiore' (http://www.lavocedifiore.org/SPIP/article.php3?id_article=2244). Dove meno ci si aspetta possono esserci quelle notizie reali e non fittizie che i grandi media nascondono. Qui, a familia futura, tutto è possibile.

23/10/09

Marrazzo nel meraviglioso mondo dei trans




Qui sopra vedete Chantall. L'ho intervistata/o due volte e mi ha detto che era innamorata di qualcuno che aveva a che fare con la politica, oggi non vuol parlare, ma se cercate nei vecchi post, scrivendo 'Chantall' troverete le interviste. Di fatto oggi si parla di Marrazzo e del ricatto che ha subito. Non è giusto fare un ricatto ed è contro la legge, ma quando hanno pedinato Berlusconi, nella sua casa, era forse meglio? Quando hanno beccato un famoso calciatore su uno yacht in Sardegna mentre si divertiva con altri due amici era forse legale? Mah!
Comunque pare che nel video del presidente della regione Lazio se la stesse spassando con un trans. Che fosse di nuovo Chantall? Chi lo sa. Aspettiamo che sia lui/lei a parlarne.
Cercate nei vecchi post di questo blogpress gli articoli di Chantall.
CdF
Comunicato Ansa
(ANSA) - ROMA, 23 OTT - Nell'appartamento dove e' stato girato il video con il presidente della Regione Lazio Marrazzo in atteggiamenti intimi,c'era anche un trans.Lo si e' appreso da fonti investigative.E' stata la natura scabrosa del video, girato con un telefonino, a far scaturire il ricatto. Resta da chiarire se sia stato girato dai carabinieri o da un altro transessuale che l'ha poi 'ceduto' ai militari. Il video risalirebbe comunque all'irruzione dei militari nella casa, avvenuta ai primi di luglio.

22/10/09

Lucia Marranzano corteggiatrice di Marco


E' già abbastanza conosciuta e, come molte, va a -Uomini e Donne- solo per diventare famosa, a lei, di Marco, non importa nulla.
Va in giro, firma autografi, fa la primadonna e pretende che si creda che sia innamorata di Marco.
Ma vogliamo ancora farci prendere in giro? Oltretutto le foto sono ritoccate e lei, dal vivo, presenta due occhi come uova fritte.
Vincent

21/10/09

L'harem di Berlusconi


Se tanto tanto uno ha un piccolo dubbio tra pensare a svoltare a sinistra o restare a destra, queste sono le cose che ti fanno capire che la sinistra di questi anni è ridotta a quattro cretini che proprio non sanno cosa proporre. Ma dov'è finita la sinistra vera, quella che aveva programmi per il popolo? Stiamo qui a pensare e a parlare dei normalissimi istinti di un uomo, anche se è Berlusconi, che forse gli piacciono le donne...e allora? Ma basta, che rottura, smettiamola con questo stronzate. Non vi rendete conto che portate veramente molti voti contro di voi?
Sembrate ragazzini dispettosi e, soprattutto, invidiosi.
Chi non lo vorrebbe un harem?

18/10/09

Stupro - Se avessero stuprato la figlia di quel giudice?



Se invece di una ragazzina qualunque avessero stuprato la figlia di uno di quei giudici sarebbero ora liberi i bastardi? Ma non si vergognano questi giudici che prefersicono stare dietro al gossip e accettano il pentimento di ragazzacci schifosi e bestiali? Vergognatevi. Meglio vivere a Baghdad che stare in Italia con una giustizia affidata a certa gente.
Siamo avanti nei tempi e, ai giorni nostri, nessuno appoggerebbe mai la pena di morte, lasciamola all’orribile sistema americano. In questi giorni, alla luce dei fatti di cronaca dove ragazze e signore vengono violentate da italiani ed extracomunitari,si parla di castrazione chimica. Ci siamo scandalizzati molto dopo aver sentito la proposta da parte di qualche politico. Anche se parliamo di bruti violentatori dobbiamo tener conto che sono sempre esseri umani e, come tali, bisogna capirli e magari curarli.Ovviamente tutto questo va benissimo se non sono le nostre mogli, le nostre figlie o le nostre sorelle ad essere le vittime.
(...)

17/10/09

Aida Yespica, da brava venezuelana, beve come una spugna


Aida, insomma, basta bere. D'accordo, lo sappiamo, sei triste, non te ne va bene una per quanto riguarda l'amore, ma non devi darti a bere...non sei mica. A Caracas, lo sai, beviamo al massimo una 'polarcita' tu invece ci dai duro con whisky e wodka..dai smettila.
Aida Yespica, nuestra compaisana, le quitaron el carro y los puntos de su licencia por manejar borracha. Por Favor Aida...ya sabes que te queremos mucho, no lo hagas màs y ven a comerte una arepa casera al Sabor Tropical.

14/10/09

Aida Yespica una bella rompiballe: En Italia dicen que es una rebelde



Que le pasa a nuentra compaisana Aida Yespica? Parece que se la pasa peleando con todas sus parejas... Tranquilizate Aida...conchale ... un beso de parte de los venezolanos que viven en Italia.
CdF
Non sembrano andare molto bene le questioni di cuore della bella showgirl sudamericana Aida Yespica, che, dopo la fine della relazione con il calciatore Matteo Ferrari, adesso ha chiuso anche la storia con l'imprenditore spagnolo Emilio Rodriguez.
A quanto rivela il magazine 'Chi', la sensuale soubrette e il fidanzato si trovavano presso l'Hotel Bulgari di Milano, quando tra i due è scoppiato un burrascoso litigio che ha messo fine alla relazione.
L'imprenditore era infatti giunto in Italia per trascorrere qualche giorno insieme alla fidanzata, ma pare che qualcosa non sia andata per il verso giusto...
Secondo 'Chi', Aida ed Emilio hanno cominciato a litigare e, dopo aver battibeccato a lungo, alla fine Rodriguez si è alzato, ha pagato il conto e se n'è andato dall'albergo, lasciando la showgirl da sola a urlare contro di lui. Sembra che la Yespica abbia detto: "Con me ha chiuso!".

12/10/09

MALAGIUSTIZIA: un patentino a punti anche per i Giudici maldestri



Sono moltissimi i giudici che lavorano bene ma, per quelli che sbagliano perché un po’ distratti, che condannano ingiustamente innocenti e a causa loro, lo stato spende un sacco di soldi per psicologi, assistenti sociali, ecc. ecc. oppure che lasciano liberti i colpevoli dopo aver scontato solo l’1% della pena oppure quelli che vengono ritenuti non pericolosi per poi commettere, appena liberi, nuovi crimini…per questi giudici quindi, un patentino a punti. Ad ogni punto perso dovrebbe ridursi lo stipendio, persi tutti i punti decade la professione e si diventa cittadini normali e quindi giudicati a loro volta da giudici, si spera, imparziali. Che ne dite, potrebbe funzionare?CdF
cosmo@cosmodelafuente.com

10/10/09

Il Nobel a Obama e a Chavez brucia il culo

Caracas, 9 ott. - (Adnkronos/Aki) - Reazioni contrastanti in America latina per l'assegnazione del Nobel per la pace a Barack Obama. In Venezuela la notizia e' stata accolta con stupore da alcuni e con disappunto da altri. E' "una sorpresa" e un "compromesso", ha detto il ministro degli Esteri Nicolas Maduro. "E' una burla per i diritti umani", ha invece detto il Difensore civico, Gabriela Ramirez. "Obama sta appena cominciando a lavorare", ha obiettato Maduro, che ha chiesto al presidente Usa di dimostrare buona volonta' rinunciando alle basi militari in Colombia. Per Maduro, alcune decisioni di Obama hanno provocato "tensioni" in varie parti del mondo e per questo "si e' trattato piu' di un gran compromesso per la pace che di un premio alla realizzazione di obiettivi".

Voleva lui il Nobel... lo voleva Chavez, nonostante si stia armando fino ai denti. E' pazzo!!