12/16/09

Beppe Grillo canta per invidia o per rabbia?


Nasce a Genova nel 1948. Ha ottenuto successo come comico ma, dopo uno sproloquio al festival di Sanremo di non ricordo quale anno, durante un governo dei lontani anni ottanta, fu censurato dalla Rai. Ebbene si, censurato, quando ancora non c’era nemmeno l’ombra di Berlusconi.
Nel 1980 a seguito di un incidente con la sua auto periscono tre persone. Non si conosce bene la dinamica e il grado di colpevolezza, ma fu condannato per omicidio colposo. Subito dopo ebbe un momento di silenzio comprensibile.
Un comunista di tutto rispetto se si pensa ai suoi otto milioni di reddito, alla Ferrari e allo Yacht, prontamente venduti dopo le voci intorno ai suoi troppi soldi. Possiede comunque, tra l’altro, anche un Suv molto inquinante.
Era molto più simpatico all’epoca di ‘Te la dò io l’America’ ma oggi non è altro che un esempio di ipocrisia. Cosa stiamo qui a parlare di richezze, di antiamericanismo, di leggi su misura e balle varie quando per anni non si è fatto altro che accumulare ricchezze e allontanare chi poteva anche solo provare a ostacolare la corsa all’approvvigionamento. Quanta ipocrisia. Spesso dovuta a una sostanziale invidia tipica di chi nasce tirchio, s’arricchisce e poi teme di perdere colpi.
Era molto più simpatico quando faceva il comico, era giusto far ridere. Oggi fa ridere e basta.
CdF

No comments: