6/7/09

Carla Bruni: porcella e cissata


Questa torinese pentita oggi pensa di essere un'icona del mondo femminile. Bofonchia giudizi politici e cose del genere convinta che il mondo stia sempre in attesa di quello che lei ha da dire. Non si sente italiana e rinnega il posto dove è nata. Povera idiota.... Stava bene però qui a Torino quando frequenteva scuole private per ricchi e il padre ricco industriale piemontese le passava tutto. Sono stati i soldi del padre, infatti, a portarla nel campo della moda scavalcando molti ostacoli che altre hanno dovuto superare. E' bella si, ma c'è anche di meglio e poi è così piena di sé da far dire a tutti: - Stai pure in Francia, chi ti vuole! Meglio che ci restituiscano la Gioconda.
Meglio che non canti Carla...mi ricorda la voce soffocata della Valentino.
mi dite:
Sarkozy, per molti aspetti, non è meno ridicolo e "vip" di Berlusconi.Carla Bruni è una che fa carriera passando da un letto all' altro; in Italia abbiamo di meglio, se ne resti pure in Francia (finchè il marito se la tiene).Insieme alle grandi opere d' arte ITALIANE che i Francesi ci hanno rubato e con le quali si fanno grandi; peccato per loro che restino ITALIANE anche se si trovano al Louvre.Ciao.Italiani...sempre pronti a dare addosso al proprio Paese...se fossimo tutti uniti e orgogliosi della nostra storia e della nostra cultura (prima dovremmo cercare di conoscerle) come lo siamo dei nostri calciatori, saremmo la Nazione più compatta e forte del mondo.

No comments: