12/15/08

Non odiare mai la tua mamma


Ciao piccola,
volevo dirti che ti voglio bene e che sei la mia bambina per sempre, nonostante tutti i problemi che ci sono.
E’ importante, però, che tu ti renda conto che non devi odiare, perché l’odio non fa bene a chi lo prova, ci possono essere momenti di rabbia, momenti di frustrazione, ma non bisogna arrivare mai ad odiare nessuno.
Lo so che ci vogliamo bene, che stiamo bene insieme e che ci capiamo al volo. So che dentro di te c’è tanta confusione e scompiglio per tutti i problemi che sta vivendo la nostra famiglia. Non devi mai odiare nessuno e tanto meno puoi odiare i tuoi genitori. Non odiare tua madre, nonostante i giorni di rabbia e di parole grosse, nonostante lei si impunti come ti impunti tu. E’ tua mamma e non fa bene nemmeno a te odiare tua madre. I problemi tra me e lei non devono coinvolgerti in maniera troppo personale. Io sono il tuo papà e lei è la tua mamma. Con tutti i nostri difetti. Fai un esercizio: cerca di scoprire i lati positivi di tutto, anche delle persone, vedrai che ti sembrerà meno brutto.
Tante persone vivono momenti tristi e difficili, la vita non è una passeggiata leggera, ma vale la pensa viverla perché riserva sempre qualcosa di bello.
Non ti avvilire, non stancare la tua mente. A volte ci viene proibito qualcosa da qualcuno, ma non bisogna pensare che lo si faccia sempre perché quella persona ce l’ha con noi. Mamma ha anche i suoi problemi, difficili anche per lei. In fondo ti vuol bene, ma non sa come dimostrarlo, almeno, non riesce a manifestarlo. Se qualche volta ti ha parlato di me in maniera spiacevole, sicuramente non aveva intenzione di ferirti profondamente e, poi, facendo così ha dimostrato di vivere un disagio, una debolezza. Tu non hai nessuna colpa, tu non hai chiesto che io e lei ci incontrassimo, non devi rispondere di niente. Pensaci come ai tuoi genitori.
E’ sempre la tua mamma. Sei parte di me come sei parte di lei.
Ci sono casi in cui i figli detestano i genitori, lo so, se ne sentono di queste storie in questi giorni. Ci sono anche casi di padri o madri, addirittura, che uccidono i propri figli. Sono persone deboli, che oramai non ragionano più e l’amore è vero che non è ragionato ma, secondo me, è anche coadiuvato, in un certo modo, dalla mente. Quelle persone hanno perso il senno, dillo come vuoi, ma è una cosa simile. Piccola, non odiare tua madre. Se lei odiasse me o qualcun altro, non farci caso, tu non odiarla, anzi, amala.
Un bacio dal tuo papà.

No comments: