3/20/08

Chavez a Prodi: - cechiamo ancora le vittime di Los Roques - TUTTE BALLE


Roma, 19 mar. (Adnkronos) - Il presidente del Consiglio Romano Prodi ha telefonato oggi al presidente venezuelano Hugo Chavez per avere aggiornamenti sulle ricerche da parte delle autorita' venezuelane dei nostri otto connazionali scomparsi all'inizio del gennaio scorso a Los Roques in un incidente aereo, insieme a tre cittadini venezuelani e un cittadino svizzero. Prodi, spiega un comunicato della presidenza del Consiglio, ha in particolare auspicato una accelerazione delle operazioni di ricerca, il reperimento delle risorse necessarie e il disbrigo delle pratiche assicurative di risarcimento dei familiari. Relativamente a questi ultimi Prodi ha osservato come una loro visita in Venezuela potrebbe essere utile a rassicurali poiche' darebbe loro la possibilita' di constatare direttamente come stanno procedendo le ricerche. Chavez ha rassicurato che nonostante le difficolta' tecniche e logistiche determinate dagli alti fondali, le ricerche continuano e che e' prevista la mobilitazioni di ulteriori risorse al riguardo, indicando che il ritrovamento dell'aereo inabissato, dei passeggeri e dell'equipaggio costituisce per lui un obbligo morale. Chavez, riferisce infine il comunicato di Palazzo Chigi, ha infine indicato che attende in Venezuela i familiari delle vittime italiane perche' possano constatare direttamente come procedono le operazioni di recupero, assicurando che a tal fine verranno messi a disposizione tutti i mezzi necessari.

Tutte balle signori miei, in Venezuela a nessuno gliene può fregar di meno, la verità è che si nasconde qualcosa come spesso succede in questo paese, per opera del governo sicuramente. Chi sono i passeggeri di quell'aereo? Che lavoro svolgevano? Qual era la loro missione? Non erano tutti turisti. Che D'Alema e Bertinotti vadano a Caracas ad abbracciare quella specie di dittatore che ha chiuso giornali, tv e dove è sparita un sacco di gente, non significa che si stiano occupando di questa gravissima faccenda.


No comments: