31/08/07

Il sesso...finalmente...è amore



Il sesso diventa amore grazie al Cialis e al Viagra

Il Viagra, la pillola dell’amore (sessuale), che fa ringiovanire il maschio dando più forza e vigore al pene, possiede anche un’anima. Inciderebbe persino nell’affetto e nell’amore, quello romantico, rendendo gli uomini dolci e propensi alle coccole, ai baci e ai preliminari.
Ce lo dice la rivista scientifica Journal of Phisiology, notizia ripresa poi da quotidiani inglesi di tutto rispetto. Gli americani assicurano che la pillola blu accresce l’attitudine al romanticismo. Saranno milioni le donne insoddisfatte, non solo fisicamente, del proprio partner che ricorreranno all’uso del Viagra ma, attenzione ragazze, non fate come quella signora che ha esagerato e ha spedito il marito in ospedale.
La sostanza importante si chiama ossitocina, anche chiamata ‘ormone dell’amore’, finalmente il sentimento conosce una cura farmacologica e si spera, così, che diminuiranno nel mondo le separazioni. Quest’ormone viene normalmente rilasciato nel cervello durante l’orgasmo, anche nella donna alle quali funge anche da alimentatore in gravidanza e durante l’allattamento.

Altri prodottti come il Cialis e il Levita hanno lo stesso romantico effetto.

Non ci saranno più donne che si lamentano dei propri mariti e partners i quali, dopo il rapporto sessuale, si girano dall’altra parte senza nemmeno degnarsi di dare qualche bacino ‘conclusivo’ alla propria compagna. Da oggi l’amore sarà più importante del sesso. Speriamo che non rimangano deluse, però, le signore che invece preferiscono di gran lunga il sesso al sentimento. Da un’inchiesta condotta in America, infatti, non sarebbero poche le donne in carriera che vivono il sesso unicamente come valvola di sfogo e non come un momento di romanticismo d’altri tempi. Io continuo a dire, comunque, che a tavola si può far molto, alcuni piatti particolarmente afrodisiaci e stuzzicanti possono fare miracoli se subito dopo si ha l’occasione di andare a letto. Una serata all’insegna della cucina ‘particolare’, ottima musica da camera, un incenso, della biancheria intima particolarmente piccante e il gioco è fatto. Trigliceridi permettendo si rischia anche di meno rispetto all’assunzione di farmaci vari. Voi cosa ne pensate?
Cosmo de La Fuente
info@mediacontact.it

In Venezuela i tuoi figli non saranno più tuoi


lectura de modificaciones de los articulos 3 y 4 de la constitucion, y esto solo por lo que se refiere a patria potestad y educacion.
Modifica gli articoli 3 e 4 della costituzione, i genitori perdono la patria potestà che passa, di diritto, al governo.
Scrivi alla mail della redazione di Media Contact per ricevere la registrazione della trasmissione radiofonica.
PELIGRO PARA LOS VENEZOLANOS EL REGIMEN AVANZA

Chavez non è stupido



* Angélica Mora, trabajó diez años como periodista en Venezuela. Destacada ante el Congreso y el Palacio de Miraflores por Radio Caracas Radio, Radio Caracas Televisión, bajo la dirección de Rafael Poleo. Fue periodista y luego corresponsal de El Nacional de Caracas. Asimismo, escribió para revistas de el Bloque de Armas. El 28 de junio de 1984 recibió la condecoración Andrés Bello conferida por su labor como corresponsal de Venezuela en Estados Unidos.
"Yo no lo llamaría loco, sino un vivo. Chávez es unaprovechador, que no tiene clase, ni preparación,para ocupar el sillón de Miraflores. Lo que es. es unmal criado con ínfulas de dominador del mundo", mecomenta el periodista Juan Chávez Bernal, desdeCaracas, quien hace hincapié en que no tiene ningúnparentesco con el presidente de su país, Hugo ChávezFrías, tristemente en el primer lugar de las noticiasmundiales luego de sus insultos contra su homólogo deEstados Unidos, George W. Bush, durante sucomparecencia en el podio de la Asamblea General delas Naciones Unidas. Los ataques verbales han continuado al volver Chávez aVenezuela, donde ha declarado que Bush, es unalcohólico, un enfermo, lleno de complejos, un tipopeligroso, que camina como cowboy...como John Wayne. yque debe renunciar a su puesto como presidente de losEstados Unidos. "Chavez es un aprovechador", dijo por su parte MarcosRafael Vargas, también desde la capital venezolana. "Nuestro presidente, desgraciadamente para nuestradignidad, es experto en crear circunstancias para suspeleas. La diplomacia de Estados Unidos debería habersabido que iban a haber provocaciones en su viaje aNueva York ".
LA MANO DE FIDEL
"¿Cual crees que fueron los temas que conversó a solascon Fidel Castro (durante la Cumbre de La Habana)?" mecomentó Arturo Oro, un cubano que vive desde hace másde 10 años en Venezuela y trabaja en la industriapetrolera de ese país."Conociendo a Fidel, te digo que estará gravementeenfermo, pero en su lecho de muerte continúa y seguiráhasta su último suspiro, dando precisas instruccionesa su reemplazante, que lo sabe completamente fiel yvendido a su amistad. Su cercanía de pensamientos conel dictador lo llena de orgullo." "Le estará flaqueando la voz (a Castro), me dice Oro,pero te aseguro que aún da órdenes precisas a Chávez,que éste cumple al pie de la letra para mantenerfeliz a su maestro y para su propio ego. Yo heobservado que Chávez tiene un ego del porte de unacatedral.""Copia hasta en las poses y modales a Fidel. Hay querecordar lo taimado y maquiavélico que ha sidoCastro.para observar igual conducta en Chávez.aunqueéste es bruto y por eso no le resultan las artimañas."Castro por lo menos ha tenido inteligencia diabólicay éste sí que es el Diablo en persona.Su inteligenciadel mal lo ha mantenido en el poder por casi mediosiglo". "Éste, (Chávez) no va a durar mucho porque estápeleando hasta con su sombra.""¿Loco? A lo mejor. ¿Malo? Sí, con una maldad tandensa, tan cerrada que no lo hace medir lasconsecuencias"."¿Supiste de sus últimos líos? Se peleó hasta conChile, que era su más firme aliado después de Boliviay Argentina en la región".
CHILE
Oro tiene razón. En Chile la presidenta MichelleBachelet, quien había decidido respaldar a Venezuelaen su intento de ocupar un asiento en el Consejo deSeguridad de Naciones Unidas, está reconsiderando sudecisión.La mandataria ya había decidido respaldar a la naciónbolivariana en la votación de octubre próximo, pese alas presiones diplomáticas de Washington que desea aGuatemala en ese puesto del organismo mundial.Fuentes políticas señalan que las últimas actuacionesdel presidente Hugo Chávez y en especial lasdeclaraciones que formuló Victor Delgado, el embajadorvenezolano en la capital chilena, la han hecho cambiarde opinión.En una entrevista de prensa el diplomático venezolanoacusó al oficialista Partido Demócrata Cristiano, DC,de apoyar hace cuatro años el intento de golpe deestado contra el presidente Chávez y de negarse arespaldar el ingreso de Venezuela en el consejo deSeguridad de la ONU."No me extraña esa actitud, expresó Delgado, el DC seopuso al proyecto socialista, progresista y renovadordel presidente (Salvador) Allende y se opone al mismoproyecto del presidente Chávez".Las declaraciones del embajador venezolano generaronmolestia en el gobierno chileno, que a través de uncomunicado oficial las calificó de inaceptables. Lanota agregó que Delgado con sus declaraciones se hainmiscuido en los asuntos internos del país.Chile pidió a continuación, el relevo de Delgado de supuesto como embajador. Un día antes de las declaraciones de Delgado el propioChávez creó malestar en Chile por su intervención antela Asamblea General de la ONU donde, además deinsultar al presidente Bush, acusó a agentes de la CIAde haber estado involucrados en el asesinato del excanciller de Salvador Allende, Orlando Letelier, hechoocurrido en Washington el 21 de septiembre de 1976.El discurso fue calificado de "poco constructivo" porla presidenta de Chile. El propio hijo del diplomáticoasesinado, Juan Pablo Letelier, dijo que las palabrasde Chávez eran "inexactas"."Parece que Venezuela se esmera para que Chile no votepor ellos" comentó el ex canciller chileno IgnacioWalter.La propia presidenta señaló en Nueva York, antes departir de regreso, que el país que obtenga el apoyo deChile tiene que regirse estrictamente bajo losconceptos y obligaciones de la Carta de las NacionesUnidas y tiene que verse no sólo como un país que estáallí, sino también como un representante de la región.Con la falta de diplomacia desplegada por elmandatario venezolano, especialmente en los últimosdías, el apoyo chileno y el de varios otros gobiernosclave, para las ambiciones de Chávez, se estádisolviendo rápidamente.
BUSH ME MANDO MATAR
"Las especulaciones ruedan de boca en boca" aquí enSabana Grande, (un barrio caraqueño) y en todaVenezuela, me cuenta Álvaro del Río. "Nos sentamos a tomar "un negrito con leche" (café)con los amigos y de lo único que hablamos es de laúltima payasada de Chávez.¡es tan cómico!, quien ahoraacusa de Bush de quererlo mandar a matar".Del Río subraya en un e mail: "es la mismaesquizofrenia de Fidel Castro. Aunque en un documentalque se dio en el canal nacional hace algunos meses secontaban los intentos de la CIA por acabar con Fidel.Pero, ¿Chávez?"
El Presidente de Venezuela afirmó en la Feria de lasRedes de Innovación Productiva en Santa Bárbara,estado Monagas, ante un grupo de científicos, queGeorge Bush dio la orden de matarlo, "luego de miintervención en la Asamblea de la ONU, donde lo llamédiablo."De Río dice que "como a Chávez le gustó llamar diablo a Bush, ahora sigue la misma "guachafita" y larepite en todos los sitios públicos". "Chávez es un repetido bárbaro.Cansa escucharlo." A los científicos, que le oyeron con gran paciencia enMonagas, Chávez les dijo: ¿"Saben? , el Diablo parece que está muy sulfuroso yalgunos dicen que ahora sí, dio la orden de que memataran".
DELIRIO DE PERSECUSION
"La paranoia del Presidente Hugo Chávez aumenta enrazón proporcional a su boca, que crece día a día, mecomenta irónicamente Maria Eugenia Córdova desdeValencia.Está diciendo en la televisión que "ahora sí, Bush lomandó a matar. ¿Qué quiere decir?. ¿que antes no lohabía mandado matar.?"Chávez está que truena.se mueve. y pone ¡cada cara enla televisión!...mientras asegura que luchará por suvida! ¡Todo un culebrón¡ ¿Cómo se llama eso, agregaMaria Eugenia, no se llama que está paranoico?"
ES O NO ES
El periodista Humberto González Briceño dice en suanálisis:"No sería serio afirmar que Chávez está loco. Hastaahora se desconoce su historia clínica en relación consu salud mental. Lo que sí resulta evidente son losrasgos psicopáticos y sociopáticos de la atormentadapsiquis chavista." "El equilibrio mental de Chávez , explica, se haconvertido en tema de análisis para amigos yadversarios, más aún después del discurso delPresidente venezolano ante la asamblea de la ONU"."El sociópata, señala González, es un enfermo quepadece una condición psiquiátrica caracterizada porconductas persistentes de manipulación, explotación oviolación de los derechos de los demás; a menudo estáimplicada también en comportamientos criminales. Lossociópatas son egocéntricos, impulsivos, manipuladoresy mitómanos. Son incapaces de mantener relacionesafectivas estables y generalmente no sientenremordimiento por su acciones"." La conducta de Hugo Chávez , expresa, desde que selanzó a la vida pública el 4 de febrero de 1992,(díadel fallido golpe de estado contra el entoncespresidente de Venezuela Carlos Andrés Pérez) encuadraen el perfil de la personalidad sociopática. Agrega, "la inclinación de Chávez a hablar de si mismoy cubrirse de una aura bolivariana de grandeza enrealidad cubre el rostro de un hombre profundamenteagresivo, egoísta y egocéntrico que hace de su personasu tema predilecto de disertación."La forma desinhibida como Chávez justifica lapersecución y hostigamiento de los enemigos de surevolución y también confirma el rasgo deinescrupulosidad del sociópata, explica González. "Laestructura mental de Chávez encuentra comoperfectamente normal perseguir, vejar y humillarpúblicamente a quienes sostienen una opinión distintaa la suya."Prosigue González : "los delirios de grandeza tambiénforman parte de la personalidad sociopática. Sólo unsociópata como Hugo Chávez podría ir a un escenariocomo el de Las Naciones Unidas a desafiar el sentidodel ridículo y presentarse como el salvador de lahumanidad ante el imperialismo mientras su propiopueblo pasa hambre. Nó, no es que Chávez sea unrevolucionario radical por hacer lo que hizo. Es queChávez padece de profundos trastornos mentales quecada día resultan más evidentes. La forma de verificaresta tesis es que ni siquiera Nikita Krushev, FidelCastro ni el Ché Guevara, quienes en importantescrisis mundiales fueron oradores de la ONU, sepermitieron la licencia de insultar a sus adversarioscomo Chávez lo hizo."
"Otro trastorno de la personalidad, continúa diciendo,que parece afectar al primer mandatario es lapsicopatía. Según la teoría por la cual una personapsicópata es una persona perversa, se supone en estaclase de enfermedad que el enfermo es un sujeto quemantiene el principio de realidad pero carece desuper-yo". "El empeño de Chávez por lograr reconocimientopúblico, sin importar si hace el ridículo o no,confirma terribles trastornos en nivel de autoestima.Para compensar esa debilidad Chávez se entrega a susdelirios de grandeza equiparándose con Simón Bolívar,Carlos Marx y Jesús". "Su vocación por convertirse en el salvador de lahumanidad, mientras pierde contacto con su realidadcotidiana, confirma un desequilibrio que cada día pasamenos desapercibido para amigos y adversarios"."El discurso y las acciones de Chávez, terminadiciendo Humberto Gonzalez Briceño, revelan profundosrasgos sociopáticos y psicopáticos que quizás sea elresultado de abusos sufridos en su niñez yadolescencia. Esos traumas posiblemente han impactadoprofundamente su psiquis para convertirlo en estasuerte de Atila moderno que deja una estela de muertey desolación mientras dice que ora por la paz".
EL VERDADERO DIABLO
"No busques excusas para ese demonio. Es undesfachatado sinverguenza", me escribe Claudia Pagésdesde Barquisimeto. "Él es el verdadero diablo. Él es el loco y no elembajador de Colombia ante la OEA, quien afirmó lo delas plantas de uranio... que este loco podría mandarenriquecer para fabricar armas nucleares."
CHEVRON-TEXACO, ¡BIENVENIDA!
"Nuestro presidente es tan vivo que insulta alpresidente de los Estados Unidos en Nueva York y aquí,pero da un giro de 180 grados cuando se trata denegocios y se muestra solícito y lleno de halagos con la Chevron-Texaco, continúa diciendo mi colega JuanChávez Bernal.Hugo Chávez estaba lleno de camaradería y sonrisascon la delegación estadounidense y se dirigió a AlíMoshiri, presidente para America Latina de la compañiallamándole "Amigo mío" en su discurso donde se colocóla primera piedra del Complejo Industrial GranMariscal de Ayacucho en Guiria, estado Sucre.En esta ceremonia según testigos, Hugo Chávez semostró muy correcto y no recordó en ningún momento queodiaba al presidente George W. Bush.
"Cabe destacar, dice una nota enviada por"descifrado", desde Venezuela, que la familia Bush esuno de los principales socios de Chevron-Texaco, conlo que queda demostrado que en la tribuna todos sonenemigos, mientras que en los negocios las hermandadesson infinitas."
Marco Antonio, un ejecutivo de Petróleos de Venezuela,PDVA, que desde hace años mantiene correspondenciaconmigo, me comentó recientemente que no hay que creerlas amenazas de Chávez de que cortará los envíos depetróleo hacia los Estados Unidos."Chávez es loco, pero no tanto, me dijo. Y ahora conla baja en los precios del crudo ¡olvídate!"
PODER VITALICIO
Blanca Rosa Álvarez que vive en Caracas me señala:"Se podrá decir que Chávez es loco, pero no tiene unpelo de tonto". "Anunció, como sabes, el partido único y da porsentado que ganará las elecciones de diciembre, dondeasegura que resultará reelecto". "Está confiado porque sabe que obtendrá los votos delos millones de vagos chavistas o no, que alimenta sinque tengan que trabajar, a costa de los que siluchamos día a día por llevar el pan a nuestroshogares...Chávez está confiado de esos votos...""Está tan confiado en que se mantendrá en el poder queha afirmado que en el 2007 propondrá un referéndumpara consultar una nueva modificación a laConstitución Nacional que permita la reelecciónindefinida en la presidencia." "Es casi votar levantando la mano como en Cuba, conFidel Castro.""Después de eso, ¿tu crees, honradamente, que Chávezes tonto?"
di Angelica Mora
Paolo Caruso
Media Contact

30/08/07

Turisti per caso


Informazioni turistiche molto interessanti, perchè comunicate dai turisti, si possono trovare nel sito di 'Turisti per caso'.
Il Venezuela delle spiagge e del folklore.
Ecco il link
Gabriele Costa
per Media Contact

Mala fede



Il matrimonio tra Castro e Chavez continua a partorire aborti politici, dopo le stupide iniziative del presidente venezuelano noi, i venezuelani, dobbiamo continuare a sentire gente che porta il dittatore Hugo Chavez sul piedistallo del paladino del popolo.
Peccato che si occupi soprattutto di armamenti e assolutamente non della fame che nel paese regna sovrana. Ma a chi giova mostrare Chavez per quello che non è? Chi lo loda in questo modo o è ignorante oppure è in mala fede. In entrambi i casi inaffidabile.
Dopo l'articolo di Gennaro Carotenuto oggi ne propogno un altro, molto più vicino alla realtà del paese da dove provengo.
Affari di Chavezdi Paolo Della Sala
Cina e Venezuela vanno alla conquista dei mercati latino-americani. Il Venezuela ha già superato gli Stati Uniti, diventando il primo elargitore di fondi nell’area. Mentre i venezuelani subiscono la fame, Chavez ha donato 8,8 miliardi di dollari, solo l’anno scorso. Bush si era fermato a quota 3,3 miliardi. Le donazioni si susseguono a ritmo serrato: nei giorni scorsi i quadri dell’esercito boliviano si sono ritrovati con sei milioni di dollari versati dal governo venezuelano nei loro conti bancari. Chavez ha spostato il fuso orario di mezz’ora; ha proposto il cambio di nome della capitale, che corre il rischio di essere denominata “Culla di Bolivar e regina del mare fatto terra”; ha proposto di diventare presidente a vita (perché non essere più esplicito, sostituendo la dicitura “presidente a vita” con “dittatore”? Chavez però utilizzerà una modifica della Costituzione, così che i bertinottiani altermondialisti non abbiano a soffrire maledizioni di Moctezuma ideologiche). Inoltre in passato Chavez ha compiuto altri eventi esiziali per la storia universale, quale la modifica del nome del Venezuela in “repubblica bolivariana” e il cambio di posizione della testa di cavallo apposta nell’emblema nazionale, che prima guardava a destra e adesso guarda a sinistra…Chavez non è soltanto un Cacasenno tardo-leninista. Sa fare ottimi affari, in nome del popolo, cioè di se stesso, della propria nomenklatura e della sinistra mondiale, sempre in cerca della divinità perduta. A inizio estate la Telecom Venezuela ha concordato l’avvio di una produzione di telefoni cellulari con la compagnia cinese Huawei. La fabbrica produrrà due milioni di cellulari a un costo competitivo. E i rapporti privilegiati con gli sciiti iraniani, che pure sono presenti nei quadri governativi del Venezuela, via Hezbollah? Ahmadinejad si sta concentrando sull’America centrale, in particolare sul Nicaragua di Ortega, un ex matador di indios.L’Iran ha bisogno di una “force de frappe” americana come forma di ritorsione, nel caso di un attacco aereo contro i laboratori nucleari e le postazioni missilistiche iraniane. Visto che ieri lo stesso Sarkozy è arrivato a considerare possibile un attacco contro l’Iran, se non ci saranno cambiamenti significativi a Teheran e dintorni (i dintorni di Teheran sono molto estesi: arrivano, oltre che in America, a Mosca e a Pechino).Ieri il quotidiano honduregno El Heraldo ha denunciato un “sospetto e inusuale movimento di iraniani provenienti dal Nicaragua”. Si tratterebbe di personale diplomatico infiltrato da gruppi estremisti. Secondo il quotidiano la notizia ha destato un serio allarme nell’Intelligence nazionale e “straniera” (=Usa). Il transito di queste persone non è stato registrato dall’Ufficio di immigrazione honduregno. Il governo sandinista non si è espresso. Di recente Ahmadinejad ha aperto una nuova ambasciata a Managua e investirà 350 milioni di dollari per la costruzione di centrali idroelettriche e un porto nella zona caraibica. Una fonte del quotidiano di Tegucigalpa sostiene che le ambasciate di Teheran e Caracas mostrano da mesi un “movimento inusuale di personale diplomatico, del tutto sproporzionato rispetto alla prassi normale”. La stessa fonte denuncia la presenza delle Guardie della Rivoluzione (corpo scelto del regime komeinista) in Venezuela e in Nicaragua.Nell’America del sud è la Cina il nuovo attore internazionale. L’interscambio è cresciuto da 2,29 miliardi di $ nel 1990 a 70 miliardi nel 2006. Come avviene in Africa, Pechino lascia la politica in secondo piano. Tuttavia il regime cinese si muove con alleanze esplicite e i soliti partner: Russia, Venezuela, Cuba e Iran. Le aziende cinesi percorrono l’America latina in cerca di greggio, gas, minerali. Il Cile, guidato da un governo socialista moderato e sede di importanti miniere, dovrebbe ospitare il primo Summit Economico Cina-Latino-america. “Mentre gli Usa pensano ad altre zone del mondo, la Cina lancia in America un’offensiva diplomatica ed economica”, dichiara il senatore McCain. Un quarto della soia cinese è acquistato in Argentina. Il governo cinese compartecipa alla principale miniera di ferro boliviana, oltre ai reservoir di petrolio e gas. Cina Argentina e Brasile collaborano nella tecnologia spaziale, con possibili ricadute nel campo militare. Il 45% della soia cinese proviene dal Brasile. E’ prevista la costruzione di un’acciaieria cinese nella zona industriale di San Paolo e Petrobras ha diverse joint ventures con compagnie cinesi. Nel 2006 l’intercambio col Costa Rica è cresciuto dell’87%. Il sistema di difesa aerea cubano sarà sviluppato dalla Cina. Nel Salvador saranno vendute 400.000 auto Cherry (cinesi) nei prossimi due anni. Per non parlare del Venezuela.

28/08/07

Non è uno scherzo




Hugo Chavez, il presidente del Venezuela, oggi annuncia che cambierà il nome a Caracas. Ormai, come Don Chisciotte della Mancha, si sente un dio o non è la realtà??
____________________________________________________________________
"Quel buffone di Chávez cambia il nome di Caracas in 'la Cuna de Bolívar y Reina del Guaraira Repano' "! Oggi tutti i giornali, telegiornali, radiogiornali, italiani, MA SOLO GLI ITALIANI, in maniera sospettosamente concertata, parlano del cambiamento del nome di Caracas con dovizia di spazi, "La Stampa" mezza pagina, la RAI sveglia Raffaele Fichera nella notte... Ovviamente i toni sono i soliti: "La sai l'ultima di Chávez..."E' assolutamente straordinario. Sulla stampa latinoamericana la notizia del cambio di nome non esiste (neanche la BBC ne parla minimamente e men che meno se ne parla negli Stati Uniti) ma in compenso tutti hanno un'altra notizia in prima pagina, che stranamente, sospettosamente, alla stampa italiana non interessa. Ne parleremo tra poche righe. La stampa venezuelana, controllare per credere, di fatto non ne parla, quasi non si è accorta del dettaglio che leva il sonno a Raffaele Fichera. "El Universal" di Caracas, il "Corriere della Sera" venezuelano, da sempre oppositore, vi aveva dedicato un articolo critico il 18 agosto, e poi ne ha riscritto il 25, una settimana dopo, con delle interviste ad alcuni intellettuali dell'opposizione. Anche "El Nacional", l'altro grande quotidiano caraqueño, possiamo compararlo a "Il Giornale", ne aveva parlato, ma il giorno 19 agosto. Il mio calendario mi dice che oggi è il 27. I giornali italiani si son dati di gomito (o hanno alzato il gomito...) ieri pomeriggio, e ne scrivono oggi. Se i due principali giornali venezuelani, entrambi oppositori, "El Universal", che ha tinte più paludate, e perfino "El Nacional" non si preoccupano più di tanto del cambio di nome, converrete che non è proprio il massimo come notizia che svegli gli italiani tra i primi titoli del GR nel primo lunedì dopo le ferie.La notizia, pur se vecchia di ben dodici giorni ovviamente c'è, ma non è il cambio di nome ma la nascita a Caracas del Distretto Federale, come Washington negli Stati Uniti. Se sarà approvata dal referendum popolare sarà una profonda riforma nella storia e nell'urbanistica della capitale, della quale accennammo qui. Nascondere una notizia importante con la ridicolizzazione della stessa è un gioco conosciuto.Il nuovo nome, "la Cuna de Bolívar y Reina del Guaraira Repano", accompagnerebbe e non sostituirebbe quello di Caracas, anzi, Santiago de León de Caracas, recuperando anche il nome tradizionale indigeno della valle, un terzo della popolazione venezuelana. Purtroppo chi ne scrive su la stampa italiana è troppo ignorante per saperlo, ma quasi tutte le città latinoamericane hanno nomi ufficiali lunghi un paio di righe. Ci sarebbe spazio per un approfondimento, ma mai e poi mai per una notizia. Eppure proprio così viene presentata: "quel folle di Chávez stamattina s'è svegliato e ha cambiato nome alla capitale". E' giornalismo questo?Approfondimento, bella parola... bisognerebbe saper spiegare per esempio che capitali come Caracas o Santiago del Cile, vivono da sempre nell'apartheid. Ogni quartiere ha un proprio governo con dei poteri enormi, dalla fiscalità alla polizia, assolutamente incomparabili con quelli europei. Ogni quartiere è una città nella città, uno stato nello stato: i ricchi stanno con i ricchi e i poveri con i poveri. I ricchi hanno servizi per ricchi e i poveri hanno servizi per poveri o non li hanno affatto. Basta attraversare una strada per entrare in un altro mondo. Contro l'apartheid, va la profonda riforma della città di Caracas e la nascita del Distretto Federale. Altro che cambio di nome... e ce ne sarebbero di cose interessanti da dibattere!Ma al di là dell'ignoranza e della profonda malafede (vendo questo articolo solo se faccio folklore, e parlo male di Chávez, altrimenti, se scrivessi la verità non me lo comprerebbero) di chi scrive su la stampa e parla alla radio o in TV oramai in Italia si va ben oltre. La pervicace volontà di far passare Chávez come un pazzo pericolo e i democratici partecipativi venezuelani come dei burattini nelle sue mani, si affianca all'incompetenza, la malafede e la mancanza di professionalità.Qualche giorno fa l'intera stampa italiana fu ridicolizzata all'estero per avere dato uno spazio abnorme alla prevedibilmente falsa notizia della liberazione di Ingrid Betancourt, tra centinaia di sequestrati dalle FARC l'unico ostaggio pregiato. Ne riferimmo qui. La notizia non esisteva e la fonte era giudicata di infima credibilità. Ne parlammo solo noi. In Francia ne hanno riso a lungo. Chi aveva diffuso la notizia falsa e tendenziosa era infatti la rampolla di una prominente famiglia venezuelana, Patricia Poleo, accusata di aver fatto assassinare il giudice Danilo Anderson. Ci furono grandi quotidiani italiani che pur di spacciare paginate improbabili, arrivarono a trasformare il pensiero della madre di Ingrid Betancourt da "speriamo che la Poleo sia credibile" in "la Poleo è credibile". E' triste ammettere che la Poleo, per la stampa italiana, era credibile "in quanto antichavista" e perché in maniera falsa e tendenziosa collegava Chávez alle FARC colombiane.Ebbene la notizia di prima pagina di ieri e di oggi su tutta la stampa latinoamericana è che le FARC hanno rifiutato la mediazione di Chávez per la questione del cambio degli ostaggi. Chávez, da sempre scettico sulla possibilità di fare da mediatore tra governo colombiano e FARC, si era infine speso offrendo il territorio venezuelano come luogo dello scambio. Ma ieri si è visto bocciare la sua proposta di scambio, che avrebbe incluso la Betancourt, dal portavoce delle FARC, Raúl Reyes. E' una concreta sconfitta politica per Chávez, ed è una notizia da prima pagina in America. Ma ovviamente, al contrario che per la bufala della Poleo, questa notizia è tergiversata dalla stampa italiana che la nasconde e preferisce riciclare il cambio di nome di Caracas. Interessa o non interessa la Betancourt? Decidetevi! Scrivete paginate per una bufala e neanche una riga per una notizia vera e importante sulla sorte della Betancourt? Ma a chi vi affidate per coprire un continente dove vivono 550 milioni di persone? Siete sicuri che non vi stia ingannando?Oramai ogni settimana va trovata una balla per battere il ferro caldo della demonizzazione di Hugo Chávez. La settimana scorsa una misura tecnica come il cambio di fuso orario è stata in malafede comparata addirittura al calcolo dell'era fascista in Italia. Oggi si spara questa del cambio di nome di Caracas, slegandola completamente dalla nascita del Distretto Federale. Intanto notizie importanti sul Venezuela e l'America latina vengono negate ai lettori. Ma non vi vergognate?
ARTICOLO DI GENNARO CAROTENUTO
___________________________________________________________________
Da quando dovrò dire di essere nato a 'Cuna de Bolivar'? Ma che pazzo, e continuiamo ancora a stare sotto di lui.
CdF
Per Annalisa Melandri,
è vero, dimenticanza imperdonabile non aver citato prima Gennaro Carotenuto.
Questo dimostra, comunque, la libertà di pensiero che vorrei ci fosse anche in Venezuela, negata da Chavez. Due punti di vista diversi entrambi evidenziati.
Ma Lei forse non ci crede.
Saluti
Cosmo

26/08/07

Isla de Margarita



Il tipico appartamento che Consuelo vende si trova proprio nel centro di Porlamar, en la isla de Margarita. Caratteristico e di circa 62 mq. Sono a disposizione altre foto e informazioni a riguardo per chi vuole acquistarlo.
3314808618
Vedi altre foto a questo link

23/08/07

Chavez cambia l'ora e guarda avanti



La Nuova Rivoluzione Bolivariana ha bisogno di maggior tempo per progredire. Per questo motivo il presidente venezuelano Hugo Chavez ha deciso spostare le lancette dell'orologio di mezz'ora in avanti rispetto ad adesso. A partire dal 1 gennaio 2008, recuperando così 30 minuti di scarto rispetto al meridiano di Greenwich, che attualmente è di quattro ore ma che scenderà a tre e mezza. La giornata venezuelana diventerà, pertanto più lunga. L'annuncio del bizzarro provvedimento e' stato dato dallo stesso Chavez nel corso di un torrenziale soliloquio in diretta, della durata di ben sette ore, coinciso con la trasmissione del programma “Alo, Presidente!” alla radio nazionale. Il leader di Caracas non ha fornito indicazioni approfondite per giustificare il mutamento di orario, se non un commento sbrigativo "E' una questione di metabolismo, il cervello umano è condizionato dalla luce solare". Nel corso della stessa trasmissione radiofonica, a cui ha preso parte anche Diego Armando Maradona, Chavez ha annunciato l'acquisto di 5mila fucili Dragunov dalla Russia che serviranno in una guerra di guerriglia nel caso di un'invasione del Venezuela da parte degli Stati Uniti.
Media Contact

20/08/07

Per Carolina Marconi


L'affetto per Carolina Marconi rimane immutato, anche da parte di tutta la redazione di Familia Futura, un bacio per te Carolina
Stefany per Media Contact

Ciao Estefany
Mi dispiace molto vedere che non c'è posta .
Purtroppo devo dire che la cattiveria di alcune persone
ci frena.
Mi auguro che Carolina legga questo mio messaggio .:
Carol non dubitare di chi ti vuole bene
anche se in alcune circostanze non siamo presenti ,
lo siamo con il cuore
Parlo al plurale perchè sò che come me !!
sono in tante a volerti bene
Ti auguro il meglio dalla vita
E' il tuo momento !!
Vai Piccola senza voltarti !!
Tieni succhiusa la mano ,come tu ci hai insegnato !!
Quei granelli di Sabbia siamo Noi !!
tutti quelli che ti vogliono bene !!ci sono !!
e ci saranno sempre !!
patroma aka patrizia

19/08/07

Dolcemente dispotismo



La nascita di una dittatura, il lento ma inesorabile cristallizzarsi di un nuovo dispotismo rivoluzionario: basta guardare alla Caracas di Hugo Chávez per capire in tempo come si forma l'ennesima tirannia animata da propositi palingenetici di giustizia sociale. Una dittatura che non indigna perché non si presenta con i tratti lugubri dei militari golpisti le cui gesta hanno infestato la storia latino-americana. Un dispotismo solare, caldo, esotico. Un nuovo castrismo che incatena il Venezuela ma che elettrizza i cuori dei sempre inappagati turisti della rivoluzione mondiale. Ora il caudillo di Caracas proclama un ritocco costituzionale che semplicemente gli frutterebbe la rielezione a vita come incontrastato presidente del Venezuela.Abroga de iure la proprietà privata già minata da un’ondata di nazionalizzazioni e da un uso spregiudicato dell’arma del petrolio, brandita alla maniera non di una ricchezza economicamadi una risorsa politica per accreditarsi come avanguardia della rivoluzione mondiale. Si candida ad autorità suprema della banca nazionale, concentrando sulla sua figura un agglomerato di potere finanziario e politico destinato a schiacciare ogni tentativo di opposizione.Nessuno sdegno internazionale per l’uomo che sta disegnando a suo piacimento l’architettura istituzionale di una democrazia che sta soffocando nell’indifferenza generale. Per il dittatore con la smania di entrare nell’eletto gruppo degli «Stati canaglia», vantando un rapporto privilegiato con l’estremismo di Ahmadinejad. Per la nuova bandiera di una mitologia rivoluzionaria che non vuole comprendere il significato delle televisioni scomode imbavagliate in Venezuela e ridotte al silenzio, per gli squadroni paramilitari chiamati a seminare il terrore nei quartieri riottosi di Caracas, appoggiate e assecondate dalle autorità che rispondono soltanto a lui, a Hugo Chávez. Al Chávez che sembra incarnare alla perfezione lo stereotipo dell’agitatore antimperialista e che per questo alimenta attorno alle sue malefatte un’atmosfera di indulgenza, di bonaria accondiscendenza, quando non addirittura di adesione alle sue invettive antiamericane.Sembrano quasi innocui il suo istrionismo oratorio, la sua figura così poco marziale eppure trasfigurata nelle forme di un nuovo condottiero rivoluzionario che quando deve annunciare al mondo i suoi propositi di dittatore a vita lo fa citando Toni Negri, il pensatore della «moltitudine» bizzarramente equiparato nientemeno che ad Aristotele, Machiavelli e Antonio Gramsci.Ma per un Toni Negri che va a Caracas alla ricerca del nuovo Eldorado rivoluzionario, quanta solitudine attorno al Mario Vargas Llosa che identifica in Chávez il nuovo dittatore destinato a perpetuare la maledizione latino-americana. E quanta scarsa voglia di capire perché si vada a finire sempre allo stesso modo, da Cuba al Nicaragua sandinista al Venezuela di Chávez. Di capire qual è la dinamica dell’autoritarismo rivoluzionario che porta passo dopo passo alla sepoltura di ogni parvenza di democrazia e di tutela dei diritti civili. E di comprendere la chiave di un processo degenerativo che è inscritto negli stessi cromosomi dell’avventura rivoluzionaria e anti-imperialista anche se ogni volta adduce circostanze e pretesti i più diversi per giustificare il giro di vite tirannico, il perfezionamento dell’apparato repressivo, la sterzata autoritaria che dapprima stringe in modo asfissiante ogni forma di presenza democratica e poi si compie nel solito trionfo di prigioni piene di dissidenti, censura totale sui mezzi di informazione, annichilimento di ogni genere di resistenza civile. E tutto attraverso l’ossessivo ricorso alla mobilitazione «di massa», alla galvanizzazione populista dei pasdaran della rivoluzione, già eccitati per aver trovato un leader capace di sfidare con la sua demagogia tribunizia i «potenti della terra».Ecco perché il Venezuela di Chávez assume il valore di un laboratorio politico, di un esperimento che, al prezzo della vittimizzazione dei venezuelani, offre una chiave privilegiata per penetrare nei segreti del dispotismo «socialista»: la vecchia storia che si ripresenta rimpannucciandosi con nuove vesti.

(° da Corriere della Sera)

Pierluigi Battista

18/08/07

UNA CASA A MARGARITA

La nuova carta magna costituzionalizzerà le “missioni”. La trovata non fa chiarezza, ma confonde. Le missioni sono nate nel 2004 con intensità “anti-politica”, servivano a risolvere i problemi minimi della gente, erano una chiave (chavista) per recuperare popolarità in vista del referendum revocatorio del 15 agosto 2004. Vennero consigliate da Fidel Castro, che poi inviò medici e esperti per dar loro vita.
Le missioni sono il braccio di Chàvez che si muove per il Venezuela, scavalca la burocrazia, nata dalla politica, e incide direttamente sui problemi, con velocità. Costituzionalizzare le missioni però equivale a costituzionalizzare l’“emergenza”, da cui nascono. Equivale quindi a dare massimo rango normativo al conflitto burocrazia, anti-burocrazia, perpetuarla. Da molte parti (anche chaviste) invece si parlava di “istituzionalizzare le missioni”, cioè strutturarle, incamminarle in quei percorsi burocratici che saranno anche perversi, ma sonoun passo necessario per trasformare le concessioni del sovrano in diritti del popolo. Esattamente l’opposto, spegnere le missioni.
COMPRA LA TUA CASA DEI SOGNI, A MARGARITA.
SE VUOI CONTATTAMI!
SORI GABRI

14/08/07

Week end tra amici


Non so se sarà Margarita o le spiagge di Morrocoy a ospitare l'amico di Chavez, 'Ahmadinejad', fatto sta che l'arabo farà visita al suo amico sudamericano in questi giorni.
Speriamo che il buon Hugo riesca a convincerlo che con il terrorismo non si ottiene nulla.
Buone vacanze
Se vuoi leggere la notizia di tempo fa

13/08/07

Chavez Tour



Si è conclusa a Tarija, capitale del gas naturale in Bolivia, la tournée di Hugo Chavez per promuovere l'indipendenza energetica dell'America Latina. E, naturalmente, per rafforzare la sua leadership nella regione. Il presidente venezuelano ha firmato con il boliviano Evo Morales e l'argentino Nestor Kirchner una serie di accordi che puntano a garantire la crescita della produzione di idrocarburi. Nei giorni scorsi Chavez ha visitato Argentina, Uruguay ed Ecuador, lanciando strali nel suo stile contro gli Stati Uniti e Bush, soprannominato "Conte Dracula". Oggi l'ex colonnello è di ritorno a Caracas, dove presiederà al terzo vertice di Petrocaribe, l'organizzazione che permette ai paesi dei Caraibi di ottenere prodotti petroliferi dal Venezuela a prezzi di favore. Obiettivo del summit: rafforzare l'unità energetica regionale e le relazioni multilaterali fra i paesi membri.

12/08/07

El domingo con Carol


Hola Carolina:No me quiero perder esta ocasion que nos da ,Cosme y la dulce Stefany ,para dicirte que me alegro mucho de todos tus proyectos de trabajo que tienes , soy muy orgullosa de ser tu fan, has entrado en mi corazon como una de mi familia ,Carolina cada dia estas mas guapa se ve que estas atrevesando un momento muy feliz de tu vida privada ,y yo te deseo que sea para siempre
Carolina te doy un fuerte abrazo hasta pronto un beso
Luisa
ps grazias y un caluroso saludo a Cosme y Stefany
Stefany by Media Contact

Posta un commento


11/08/07

Il Venezuela si allea all'Ecuador


(nella foto Rafael Correa)
PL – Il presidente del Ecuador, Rafael Correa, e del Venezuela, Hugo Chávez, hanno stabilito un'alleanza strategica con la firma di due accordi nel settore degli idrocarburi.
Questi accordi contribuiranno a sostenere i vincoli bilaterali e concretizzano i patti formati il 15 gennaio scorso, quando l'economista Rafael Correa è stato eletto presidente del Ecuador, dove la ministro degli Esteri, Maria Fernanda Espinosa, ha segnalato che sono stati così consolidati gli accordi per la costruzione di una raffineria, elemento basilare per incrementare i guadagni dell'Ecuador nella produzione petrolifera, perché a medio termine vogliamo smettere d’esportare il greggio e importare i derivati.
Inoltre si firmerà un altro accordo che permetterà di consolidare tutta la burocrazia dell'Operazione Miracolo.
La Espinosa ha sottolineato l'aiuto del Venezuela nella soluzione dei problemi oculistici degli ecuadoriani, fratelli americani, con risorse troppo scarse per potersi operare.
Diversi media hanno stimato che questa visita fa parte dell'avvicinamento dell'Ecuador all'Alternativa Bolivariana per le Americhe, vista con positività e che il consolidamento degli accordi sugli idrocarburi entra nella costruzione di un'integrazione regionale, che parte dalle risorse energetiche.
Per l’Ecuador questo passo è fondamentale, perché permette di differenziare le sue relazioni economiche, permettendo di non essere più solo un esportatore di materia prima (petrolio) ma trasformandolo in un commerciante dei prodotti derivati.
Con le sue grandi riserve di greggio e l'appoggio di Caracas, si costruirà una nuova raffineria sulla costa del Pacifico, che apre il cammino di questa zona all'integrazione energetica regionale.
Durante la sua visita Hugo Chávez ha inaugurato a Quito la sede della Banca di Sviluppo Economico e Sociale del Venezuela.
C.Gullì

07/08/07

Chavez smentisce


Il presidente venezuelano Ugo Chavez smentisce categoricamente le ricostruzioni giornalistiche sul rilascio della Betancourt
Nel giallo sulla sorte di Ingrid Betancorut si inserisce uno dei protagonisti: il presidente venezuelano Ugo Chavez smentisce categoricamente le ricostruzioni giornalistiche sul rilascio dell' ex candidata alle presidenziali colombiane, rapita dalla guerriglia delle Farc nel 2002.«Di Ingrid non so nulla», ha detto Chavez da Buenos Aires dove si trova in visita di Stato smentendo quanto scritto oggi sul giornale colombiano «El Nuevo Dia» dalla giornalista venezuelana Patricia Poleo. La Poleo, che vive a Miami in Florida ed è una strenua oppositrice del presidente venezuelano aveva scritto che la Betancourt sarebbe stata consegnata nei prossimi giorni da Chavez a Cecilia Sarkozy, moglie del presidente francese.
Lui proprio non ne sa niente!
CDF

06/08/07

Cani in vacanza e cafoni in libertà


Si fa un gran parlare di non abbandonare gli animali domestici in estate, ma il divieto di portare i cani sulle spiagge non fa che incentivare questo riprovevole fenomeno.

Un mio amico, al mare ad Oristano, è stato multato per aver portato il cane (una mite cockerina) sulla spiaggia libera. Che vergogna! C'è ancora certa mentalità grezza e cafonesca che ritiene gli animali esseri inferiori. I vigili sono stati chiamati da una cicciona, cafona, che si lamentava della presenza del cane. La signora era maleodorante di sudore ascellare e sicuramente più inquinante del cane. Signora grassa sarda, pensi a lavarsi lei piuttosto!

La spiaggia 'scandalizzata' dalla presenza della mite cockerina è quella di TORRE GRANDE


Ecco comunque l'elenco delle spiagge dove i cani sono ammessi



Cdf

05/08/07

El domingo con Carol (5)



Ciao a tutti da Stefany! Sarà per l'estate che si sta consumando e il fatto che sicuramente tutti sono al mare o nei vari posti di villeggiatura, dove non sempre il computer e internet sono a disposizione, ma i messaggi per Carolina si sono ridotti di numero rispetto ai mesi scorsi. Oggi sono contenta di pubblicare ancora due bellissimi pensieri per lei.
Un abbraccio per tutti
Stefany
Ciao Estefany Raccontarti di Carol ,dirti il perchè le voglio bene è difficile e nello stesso tempo facile !!Nell'immaginario si può voler bene a tante persone ma mi rendo conto che Carol non è una fantasia Carol è realtà Fa parte della mia vita ,anche se lei non vive la mia vita !!Sono io che gioisco per lei ,piango per lei ,(anche lacrime di goia )che mi preoccupo per lei !!Carol ha preso residenza nel mio cuore ,e non c'è modo di mandarla via (scherzo naturalmente )Questa ragazza ormai donna !! (per me è una piccola grande donna )non fa altro che confermare di non essermi sbagliata ,guardo ammirata !,questo fiore sbocciare !Carol è come una corolla di margherita con tanti petali ogni petalo è un suo pregio o un suo difetto il suo carattere frizzante la rende socevole e distaccata capricciosa e dolcissima elegante e sbarazzina diplomatica e leale permalosa battagliera umile e molto sensibile e soprattutto altruista è una compilection di aggettivi Sono orgogliosa di essere sua fan di aver sempre creduto in lei e continuerò a volerle bene senza chiedere nulla in cambio perchè Carol nulla mi deve !!patroma aka patrizia
Ecco la lettera di Luisa con il suo simpatico invito.
Un salutone anche per te!
Hola Carolina como estas? me imagino que lo estas pasando a la grande en el mar ,ya que es una de tus grandes pasiones,
Carolina por las revistas he visto lo feliz que eres ,cosa que me da alegria ,
se que la canciòn va muy bien ,en mi casa no se oye otra cosa ,a todos nos gusta mucho .Carolina cuando vienes aqui? de Cosmo y nos cuentas algo de tus proyectos futuros ,te esperamos con ansia .
Carolina te deseo un monton de cosas buenas y mucha felicidad te abrazo
Luisa
p.s saludos a Cosmo yStefany
Spazio aperto per i vostri commenti

04/08/07

Hard Vox : la tre giorni sul sesso


Importantissima manifestazione, ne parla il direttore de 'La Voce di Fiore', Emiliano Morrone:
Conclusa HardVox, la tre giorni su sesso, religione, diritti e legalità organizzata dalla Voce di Fiore a Lucca. Presenti, tra gli altri, Biagio Allevato, Silvio Berlusconi, Mariano Apicella e Gianni Vattimo
Leggi l'incredibile articolo cliccando sotto

Padri penalizzati: è ora di smetterla



Un figlio cresciuto dal padre ora, all'età di quindici anni, costretto a trasferirsi all'estero presso il paese di nascita della mamma. Avrà diritto anche lui di dire la sua oppure ancora oggi non viene minimamente preso in considerazione il volere del minore?
Dov'è il garante dei diritti del fanciullo? In Francia esiste una sorta di avvocato dei bambini già dall'età di sei anni. Qui si parla solo di cazzate.
Una vergogna tutta italiana.
A quanti anni un minore può essere ascoltato da un Giudice?
Ci sarà un motivo se un figlio non ne vuol proprio sapere di andar via con uno dei genitori, si può costringerlo a 15 anni?
CdF
Puoi rispondere cliccando su commenti oppure scrivendo alla mail della redazione

03/08/07

02/08/07

Ai giovani non piace la dittatura



C'è chi pensa che in Venezuela regnerà un socialismo o un comunismo come quello che potrebbe esserci in Italia, non sanno invece che questo paese sta andando verso la più sporca dittatuta che si possa immaginare. Privazione di diritti e di libertà.
Non sono uno di destra, ma proprio non posso amare Chavez che sta portando il mio paese verso il periodo più nero della sua storia. Vogliamo andarcene da questo paese, come hanno fatto tutti quelli vittime di un governo tiranno, come hanno fatto e fanno i cubani.
Aiutateci a fuggire, non vogliamo nemmeno studiare qui, non abbiamo futuro, al governo c'è un pazzo.
Alberto Sanchez
(Caracas)

01/08/07

Paolo e Ornella Story (2nda puntata)



(...)Capii che stavo veramente soffrendo quando cominciai a desiderare le cose più semplici: passeggiare e fare quattro chiacchiere con un amico, la libertà di raccontare che avevo incontrato qualcuno che non vedevo da tanto tempo senza per questo fare i conti con il malcontento di Ornella o semplicemente decidere di invitare a cena qualcuno.
Le giornate passavano monotone ma ero rassegnato, anche perché avevo mia figlia a cui pensare. Si anch’io non ho un bel carattere, lo so bene, ma il sentimento che cominciavo a sentire era di apatia verso il menage matrimoniale (...)
Per la continuazione clicca qui O

Paolo e Ornella Story

E' in arrivo la seconda parte.
Media Contact