9/1/07

Giovane papà: - per oggi amo tutti-




Cari Giornalisti, Direttori, Uomini e Donne,oggi è quel giorno che Tutti Vi Amo. Mi accade questo perchè finalmente dopo 5 anni (agosto 2002) di dura lotta (anche legale) trascorrero' la prima vacanza decorosa (15gg) con mia figlia. Vi sembrerà una cosa banale ma io ne sono felice e orgoglioso. In Italia c'è ancora molto da fare per milioni di figli e padri che per motivi culturali, politici e giuridici, non hanno la possibilità di un "rapporto completo, sano e reciproco" come dovrebbe. Il troppo silenzio di media e tv ci fa capire come non ci sia la percezione del problema della "paternità" e quindi è come se non esistesse. Ahime oramai anche altre importanti questioni (la giustizia per esempio) sono messe spesso in secondo piano per privilegiare cose più futili o egoistiche. In particolare non si comprende come una buona paternità (oltre che realizzare la felicità di milioni di persone, uomini e figli e già questo non è poco) apporterebbe un miglioramento sociale su tutti i piani, senza contare l'apporto su problemi tipo bullismo, microcriminalità, scolarizzazione dove oggi si inizia a comprendere che la mancaza della presenza paterna è spesso una delle cause.Ringrazio tutti quelli che pubblicheranno questa lettera. Mi auguro che in futuro media, tv e giornali possano dare un dignitoso risalto al problema del recupero di una sana paternità, paternità come valore, come educazione, cura, rispetto, paternità come gioia.
Giovane papà
Si caro giovane papà, gioiamo con te! Ci sono padri mediocri e moltissimi padri 'veri', che sono la maggior parte. Si rassegnino, quelle donne che non riescono a sopportare l'idea che alcuni padri sono 'super'.
Un abbrazzio
CdF

No comments: