31/08/06

La professoressa a luci rosse



Non è un vecchio film di Tinì Cansino o di Edwige Fenech anni 80, ma è la realtà.

Si grida allo scandalo a Pordenone perchè una professoress, amante delle foto hard, è apparsa su un sito Internet in fotografie super sexy.

Si fa della vita privata e quella professionale una bella mischia e si rivoltano i genitori.

Eppure i preti col vizietto e le suore esibizioniste continuano a fare il loro lavoro tranquillamente e alcuni genitori mandano i loro bambini in 'alcune' parrocchie dove 'alcuni' preti già sono stati beccati nella loro vita privata.

Ma leggiamo bene l'articolo del Corriere della sera.


L'insegnante apparsa online senza veli assegnata per il secondo anno a una scuola media di Pordenone. E i genitori insorgono
PORDENONE - La contestata professoressa con la passione delle foto hard tornerà a insegnare nella scuola media di Pordenone anche il prossimo anno e i genitori dei ragazzi insorgono. Lettere e telefonate di protesta sono piovute sulla scuola, ultima puntata di una lunga vicenda, finita anche nelle aule dei Tribunali, della quale la professoressa è stata protagonista. A ravvivare in questi giorni proteste già avanzate in passato sono state le nomine 2006-2007 dei docenti del Pordenonese. L'avvenente professoressa di Lettere, che appare assolutamente integerrima sul lavoro, quanto disinibita fuori, è stata, infatti, assegnata nuovamente alla scuola media dove insegnava nello scorso anno scolastico. Solo che i genitori, già nel mese di giugno, avevano chiesto e - secondo quanto riferito da alcuni testimoni - ottenuto dal dirigente scolastico, rassicurazioni sul fatto che la docente sarebbe stata trasferita in un altro istituto. Ciò non è avvenuto e ora a Pordenone si è scatenata una sorta di «caccia alla porno prof». Per risolvere la questione, la scuola ha esaminato e proposto di spostare non è stata sufficiente per ammorbidire le posizioni degli agguerriti genitori, che non si rassegnano a che l'insegnante dei loro figli sia una star dell' hard on line. La professoressa pordenonese non è nuova ai clamori suscitati dalle sue foto. Quattro anni fa, i suoi alunni avevano scoperto le sue foto hard su Internet e, dopo averle stampate, le avevano appiccicate sui muri del bagno della scuola, con didascalie non proprio rispettose della loro insegnante. Quest'ultima aveva presentato una denuncia contro ignoti per diffamazione e ingiurie, sostenendo - fra l'altro - di non essere il soggetto ritratto nelle foto. Nei mesi scorsi, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Pordenone l'ha, però, condannata a cinque mesi di reclusione (pena sospesa) per simulazione di reato in quanto, durante il procedimento penale, è stato accertato che era effettivamente lei la donna ritratta senza veli. La vicenda è ora all'esame dei giudici di secondo grado ai quali la professoressa ha presentato appello.

(La foto sopra ritrae la mia amica Tinì) ecco un link dove si parla di noi due

http://www.comunicati.net/comunicati/varie/27746.html

www.cosmodelafuente.com

cosmo@cosmodelafuente.com

29/08/06

Mostri che vanno e che vengono



I mostri colpiscono ancora.

E' stato arrestato per atti di violenza sessuale, non verso i fratellini di Gravina scomparsi dal 5 giugno scorso, il convivente della madre dei due ragazzini (Francesco e Salvatore Pappalardi, di 13 e 12 anni). Nicola Nuzzolese, questo il suo nome, è stato fermato perun'ordinanza di custodia cautelare della Procura di Bari.
Pare che con la scomparsa dei fratelli di Gravina non c'entri nulla, ma ci metteremmo la mano sul fuoco?

Cosmo de La Fuente

www.cosmodelafuente.com

cosmo_delafuente@yahoo.it

27/08/06

Tini Cansino sconvolge l'Italia


Parteciperà al reality 'L'isola dei famosi'?

Non si sa ancora se il dodicesimo e misterioso concorrente sarà la bella Tinì, ma si mormora di si.
Non può che farmi piacere.
Non badiamo molto a chi, ipocritamente, grida allo scandalo perchè una ex-sexy soubrette ha avuto il coraggio di dichiararsi povera e bisognosa.
Si preferisce sempre che le apparenze salvino le reali situazioni in cui vivono milioni di persone, di padri e di madri in Italia.
Tini viene condannata a priori per via della sua fama erotica e non conta se per anni, ormai spente le luci della ribalta, abbia continuato a vivere come una persona normalissima lavorando anche al servizio di altri.
Siamo alle solite, meglio nascondersi dietro paraventi d'ipocrisia, così come ci insegna la chiesa.
Stòma roz,kardhià kòkino

26/08/06

I buoni propositi di Rosy


Sembra davvero interessante il programma del ministro della Famiglia Rosy Bindi, la quale in un'intervista rilasciata al Messaggero, rivela alcuni punti fondamentali di quello che sarà il suo programma in merito al mondo delle adozioni, delle crisi familiari, dei minori.
Il ministro, infatti, ha annunciato che sarà presto istituito un Tribunale ad hoc che si occuperà esclusivamente dei minori e delle famiglie, spaziando dal problema degli affidi, a quello delle adozioni, così difficili nel nostro Paese, passando per le separazioni, previsto anche un assegno per i bimbi da uno a tre anni pari a 2500 euro.
Un'attenzione particolare anche ai Pacs per dare riconoscimenti giuridici a chi vive insieme. Ci sarà spazio anche per le coppie "diverse"??? Arriveremo finalmente un giorno anche in Italia a riconoscere diritti a chi è diverso???
(maredema)

Staremo a vedere... intanto facciamo un nodo al fazzoletto!
Cosmo

www.cosmodelafuente.com

24/08/06

Religioni Carnaval














Il carnevale delle religioni nel mondo! Troppi dei nostri preti sono pedofili e la Chiesa cosa fa? Si occupa di altro. Aveva ragione mio padre quando diceva che per i preti vale il discorso: -Fai quel che dico ma non fare quel che faccio-
Se lo chiedono in molti
http://liberoblog.libero.it/blogdilibero/bl4627.phtml

La rivoluzione deve cominciare dalla nostra Chiesa che ipocritamente fa la bacchettona ma nasconde scheletri nell'armadio.




Alcune vostre opinioni

TRAPANI - Un frate e' stato sorpreso in auto con una giovane parrocchiana in atteggiamenti erotici all'interno di una zona naturale a Castellamare del Golfo, in provincia di Trapani. Il religioso, che riveste un incarico di rilievo nel convento dei Cappuccini di Palermo, e' stato denunciato per atti osceni in luogo pubblico e per sostituzione di persona. Mostrando la patente, infatti, aveva detto di essere un docente universitario. (Agr)
Un anonimo ha detto...
quando avevo solo dodici anni il prete della mia parrocchia usava masturbarmi. Pensa che i miei mi mandavano in parrocchia perchè stavano tranquilli.
2:31 PM
Tgcom:Si sono sentite vicine alle disavventure e alle vite disgraziate dei loro assistiti, forse troppo. Tanto da innamorarsene e, in alcuni casi, pentirsi di averlo fatto. E' quanto è accaduto a sette suore che si occupavano, come volontarie, dei detenuti rinchiusi nel carcere delle Vallette di Torino: si sono innamorate di quegli uomini e hanno lasciato il velo per sposarli: ma per tre di loro il matrimonio è fallito.Poverine!! Chissà prima di sposarli quanto sesso hanno consumato!


www.cosmodelafuente.com
cosmo_delafuente@yahoo.it













21/08/06

Chiesa a luci rosse


Se dovessimo occuparci delle abitudini sessuali della gente e farne priorità bisognerebbe cominciare proprio dai nostri religiosi, che sbraitano contro chi vuole i preti sposati e attacca gli omosessuali, intanto, molti di loro, coperti da un mestiere 'rassicurante' ne combinano di tutti i colori:

BRESCIA: RAGAZZA UCCISA IN CHIESA, L'AGONIA E' DURATA UN'ORA
STRANGOLATA CON NASTRO ADESIVO, SI ATTENDE ESITO AUTOPSIA
Brescia, 21 ago. - (Adnkronos) - E' durata circa un'ora, a quanto apprende l'ADNKRONOS, l'agonia di Elena Lonati, 23 anni, trovata morta ieri in una chiesa di Brescia. La ragazza sarebbe stata soffocata con del nastro adesivo marrone che il suo assassino le ha girato intorno al collo moltissime volte chiudendola in un sacco di plastica. Sul corpo senza vita della giovane e' stata trovata anche una ferita alla nuca che pero' non e' stata fatale come si era pensato in un primo momento. Intanto e' stata disposta l'autopsia che sara' effettuata molto probabilmente in giornata.

Prete condannato per pedofilia negli Usa si rifugia a Roma
Giovedí 03.08.2006 15:34
La Corte di Cassazione aveva dato il via libera al procedimento di estradizione, dopo un anno di arresti domiciliari, forse per questo ha fatto perdere le sue tracce. Joseph Henn, 57 anni, alto prelato statunitense accusato di pedofilia, è sparito nel nulla a Roma. E' accusato di abusi nei confronti di due ex seminaristi, che sarebbero stati commessi tra il marzo 1979 e il giugno 1981 ma scoperti solo nel gennaio 2003. A muovere le accuse una corte di giustizia dell'Arizona.


Era stato arrestato il 5 aprile scorso in seguito alla denuncia di alcuni ragazzi
Pedofilia, si uccide l'ex parroco di Pomezia
Marco Agostini, 43 anni, si è impiccato con un lenzuolo fissato alla trave del lavatoio sul terrazzo della palazzina al Prenestino, a Roma, dove si trovava ai domiciliari

Le nostre priorità sono quelle del diritto di famiglia, non osservato dalle stesse persone che perdono tempo a combattere gli omosessuali e chi si dichiara a favore dei preti sposati. La Chiesa, ce lo insegna la storia, ha sempre commesso errori.

www.cosmodelafuente.com

20/08/06

La Chiesa bigotta e ipocrita sentenzia: -Vade retro gay!-

Scatena polemiche la decisone di premiare dal prossimo anno la migliore opera gay al Festival di Venezia. La senatrice Maria Burani Procaccini, responsabile nazionale Famiglia e Minori di Forza Italia, è nettamente contraria al premio: "Una forma di sensazionalismo sessista e razzista che divide il cinema secondo categorie di appartenenza sessuale.
(Articolo tratto da: http://www.capital.it/trovacinema/detail_articolo.jsp?idContent=311319)
Lucio Sambo, leghista, propone invece un controfestival "di cinema hard-eterosessuale". E' contrario anche don Massari, ex parroco del Lido: "L'omosessualità è diseducativa in quanto va contro natura e quindi va anche contro la persona umana".
E' vero perchè premiare il film in una categoria diversa? Non credo che a Grillini faccia piacere che la realà omosessuale venga separata da quella considerata 'normale'. Insomma siamo pieni di problematiche legate alla famiglia, allo sfascio della stessa e al mal lavoro dei servizi sociali che stiamo ancora qui a discutere sul fatto che gli omosessuali chiedono soltanto di essere sé stessi.
Don Massari ritiene che 'omosessualità sia da bandire perchè contro l'essere umano. Appurato che l'omosessualità faccia parte dei geni di un individuo, con chi vogliamo prendercela, forse con il Padre eterno che ha creato l'uomo?
Facciamoci furbi e pensiamo veramente ai problemi che abbiamo, quelli che fanno soffrire i bambini e i genitori penalizzati. Questa è la vera vergogna ed è contronatura, sicuramente gli omosessuali e le lesbiche non arrecano danno a nessuno.

19/08/06

Felicità: sfruttare il maschio






Non che Albano abbia problemi economici, anzi, ma la figlia di Tyrone Power sicuramente non è da meno. La voglia di rivalsa è troppo forte per fare a meno dell'aumento dell'assegno che Albano Carrisi dovrà versare per le figlie. La volubile Romina aveva anche preteso un altro assegno per sé, cosa che non è stata approvata.
Tirarsi su le maniche, lei e le figlie, per cercare un lavoro...no?

17/08/06

Tutti omicidi senza movente?



Si dice che dal 2000 ad oggi ci siano stati omicidi senza movente, scattati dalla pura furia omicida. C'è qualche mostro nascosto che non riusciamo ad identificare?

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/cronache/200608articoli/9145girata.asp

www.cosmodelafuente.com

15/08/06

Alfabetizzazione in Venezuela




Chávez ha consegnato i certificati a 327.000 alfabetizzati


Il Presidente del Venezuela, Hugo Chávez, ha consegnato giovedì a 327.000 alfabetizzati i certificati che attestano il conseguimento dell’istruzione elementare, nell’ambito del programma socio-educativo Missione Robinson II.
I partecipanti conseguono la licenza elementare dopo una formazione di due anni.
Le missioni sociali sono state create da Chávez nel 2003 per approfondire la rivoluzione bolivariana e consolidare la democrazia partecipativa.

Qualcosa si sta muovendo anche in Venezuela per rendere possibile una migliore qualità di vita. L’unico problema rimane la difficoltà di sviluppare il lavoro per tutti.
Chavez, in questi giorni, è stato al capezzale di Castro e pare che i legami di amicizia vadano ben oltre i normali rapporti politici tra due nazioni-
Sarà anche lui ad avere un ruolo importantissimo nella conduzione di Cuba post Castro.
I minori venezuelani e cubani avranno una possibilità in più?
Rimane il fatto che il presidente venezuelano si è schierato con il fondamentalismo islamico e, sa da una parte rimane lodevole il suo operato, dall'altra alimenta nuove perplessità.

05/08/06

Super Padri; Gravina di Puglia





Non solo super mamme, ci sono anche super papà. Tantissimi, quasi la maggioranza, quindi, continuare a segnalare il padre come il genitore di serie b non ha alcun senso. Sono proprio i figli a dirlo, come nel caso di Dario, un diciottenne di Lugo di Romagna che scrive così:
-Caro Cosmo,
sono cresciuto con mio padre perchè, quando avevo soltanto cinque anni, mia mamma ha deciso di andar via da casa con un altro uomo. Ho sofferto, ma a distanza di anni, mi rendo conto di non aver sofferto tantissimo perchè mio padre è stato per me un genitore e un amico. Non mi ha mai parlato male della mamma e quando sento le storie in cui madri parlano orrori del padre dei loro figli mi sembra strano. Una volta ho chiesto a mio padre come mai non mi diceva cose brutte su di lei e mi ha risposto che aveva rispetto per me perchè lei è sempre mia mamma. Per me, comunque, non lo è più perchè non ne ho mai saputo nulla e non si è mai interessata a me. Non per questo penso che le donne siano tutte così, anzi. I miei amici hanno mamme splendide. Vorrei dire a tutti che un padre può dare tanto, tantissimo amore ai propri figli. Io adoro il mio. E' veramente un super uomo!!
Dario
Dario parlane sempre, sei una voce vera che può aiutarci a sconfiggere il muro delle ostilità e dei luoghi comuni.
Gravina di Puglia:
Spunta un nuovo mostro a Gravina di Puglia

Sull’onda della disperata ricerca di Francesco e Salvatore Pappalardi, si è arrivati ad un pedofilo 37enne che, da tempo, avrebbe compiuto atti di violenza sessuale su minorenni.
La polizia ha eseguito le indagini facendo domande porta a porta e interrogando anche numerosi ragazzini, i quali hanno dato un aiuto enorme alle indagini. Due di questi ragazzini, già vittime del pedofilo, erano amici dei fratellini scomparsi.
Gli inquirenti ci tengono a precisare che il fermo del pedofilo, malgrado si tratti della zona dei fratelli di Gravina, nulla ha a che vedere con la loro scomparsa.
Per molti invece l’arresto di Francesco Laddaga proprio a Gravina di Puglia significherebbe una svolta nelle indagini e la triste possibilità che Francesco e Salvatore Pappalardi siano finiti proprio nelle mani di un pedofilo. Questo signore offriva denaro a minori in cambio di sesso.
Si segue anche la pista della Romania. Si sa qualcosa di nuovo o si sta barcollando nel buio?
Chavez
Qualcuno non ha apprezzato il fatto di aver paragonato Chavez a Berlusconi.
Che strano, ho semplicemente detto che Hugo e Silvio sono entrambi bersaglio delle critiche per le loro apparizioni televisive grazie ad un potere mediatico enorme. Per il resto ho anche parlato di quanto il presidente venezuelano abbia fatto per il paese.
Vacanze
Buone vacanze a tutti
per chi va in Venezuela consiglio : 'Los Roques' e 'Canaima'. Margarita è bella ma molto commerciale!
Hasta la vista
Cosmo

03/08/06

Chavez: il Berlusconi venezuelano







Fuerza Chavez

Anche Hugo Chavez, il capo di stato venezuelano, viene accusato di troppa visibilità. La sua permanenza in televisione, tra dirette e differite, è praticamente di 24 ore giornaliere.
Appena rientrato da un tour che l’ha portato in visita a molti paesi quali la Bielorussia, Qatar, Iran, Vietnam, Mali, stringendo rapporti commerciali e socializzando con paesi che col Venezuela, non hanno mai avuto nulla a che fare.
Il punto d’incontro con questi paesi è stato senz’altro l’antiamericanismo che diventa sempre più aspro. Chavez aspira alla poltrona di rappresentante per l’America latina nel consiglio di sicurezza dell’Onu.
Si prepara la campagna elettorale in Venezuela e Chavez raccoglie già il 60% dei consensi, mentre l’opposizione probabilmente candiderà un comico. Come se in Italia arrivasse ‘Benigni’ nei panni di premier.
Il consiglio nazionale delle votazioni non ha imposto nessun limite di apparizione all’attuale presidente del Venezuela.
Potere mediatico e sicurezza economica grazie al petrolio fanno di questo personaggio uno tra i più forti capi di stato e, c’è da giurarci, darà filo da torcere agli americani.
C’è da dire comunque che soltanto lui è riuscito ad offrire il minimo indispensabile a tutti i poveri del Venezuela. Aiuti alimentari, educazione scolastiche e un servizio sanitario decente. In qualche modo ha pensato ai bambini meno abbienti.
Si mormora persino che Chavez avrà un ruolo molto importante dopo l’eventuale scomparsa di Fidel Castro.

02/08/06

Super Simo Mamma






Un cuore grande così



Cara Simona, bella e brava sicuramente. Hai rilasciato un’intervista recentemente in cui ti sei esibita nel tuo ruolo di donna e di madre. Hai detto che per una donna i bambini sono molto importanti, ecco perché hai chiesto e ottenuto l’affidamento provvisorio di un altro minore.
Hai ragione per una donna è importante avere un figlio, ma sapessi quanto importante può essere anche per un uomo e a quanti padri e genitori separati viene negato di vivere accanto ai propri figli, sicuramente risulteresti ancora più umana.
In quale misura la De Pace ti ha consigliato? Non lo sapremo mai. Spendi anche tu una parola in favore dei genitori separati e, viste le percentuali, in favore dei padri.
I servizi sociali ti hanno dato in affidamento una piccola bimba di un mese e mezzo. Spero che avrai del tempo anche per questa bambina e che questa volta, i servizi sociali non si siano sensibilizzati esclusivamente per il potere e per i soldi. L’amore non ha prezzo!
Poi, una domanda sorge spontanea: -Se è vero che volevi non volevi esporre la piccola alla curiosità publica , come mai hai portato in Sardegna la bimba, sapendo che i paparazzi sono a caccia di vip?
Pensa a quanti genitori vorrebbero portare al mare i propri bambini e non possono farlo perché vittime di assurde penalizzazioni.
Grande Simona…. Aiutaci tu. Una volta c’era la Carrà che agiva dall’alto dei cieli, ora, la nuova divina sei tu.
Buone vacanze!
http://liberoblog.libero.it/spettacoli/bl4423.phtml (link di riferimento)

http://www.tvblog.it/categoria/simona-ventura

Il padre di Alice

Il padre naturale della piccola Alice, massacrata dal patrigno, avrebbe denunciato da tempo la situazione di pericolo in cui viveva la piccola. Se così fosse non solo sarebbe da rivedere la posizione del padre naturale, che sarebbe, ancora una volta, vittima del sistema, anche un altro uomo penalizzato. Questa precisazione è doverosa avendo ricevuto il seguente commento 'anonimo'. E' importante che queste cose vengano a galla, perchè, in qualsiasi modo giri la frittata, le responsabilità sono soprattutto di chi doveva monitorare.

IL PADRE NATURALE DI ALICE STAVA DENUNCIANDO DA DUE MESI ALLE AUTORITA' GIUDIZIARIE I SUOI SOSPETTI... NON PENSO SIA UN PADRE INDEGNO, ANZI CHE SIA UN PADRE CHE HA CERCATO DI SALVARE LA FIGLIA SEGUENDO UN ITER "CIVILE"... NON GLI HANNO DATO ASCOLTO E NON HA AVUTO IL TEMPO !

Comunque il mio commento è stato questo, anche postato in questo blog

Massimo Rossetti, il papà di Alice, sconvolto dal dolore è ancora un esempio di come il Tribunale dei Minori e i servizi sociali possano commettere madornali errori nel decidere affidamenti e soprattutto nel non effetturare un monitoraggio sulle famiglie a rischio.Massimo Rossetti non riusciva nemmeno più a vedere sua figlia, a quanto ha dichiarato, e, se le cose stanno veramente così, il grido d’allarme deve arrivare forte e deciso in modo che cambi il diritto di famiglia in Italia, ma, soprattutto, la tutela dei minori. Non più delegata ad assistenti sociali inesperti e demotivati. Un altro padre, Mauro Bronchi, genitore affidatario di una figlia avuta da un precedente matrimonio e patrigno della povera Alice, che già era stato segnalato per violenze, continuava, tranquillamente, a maltrattare Alice mentre da un’altra parte probabilmente c’era un padre naturale che avrebbe potuto proteggerla. A nulla era servito che Massimo denunciasse l’impossibilità di vedere la propria figlia, le sue richieste erano rimaste inascoltate. Dov’erano, anche in questo caso, i servizi sociali, la legge sulla bigenitorialità e la tutela dei minori?A causa della superficialità di questo sistema sono sempre i minori a rimetterci.Riorganizzare tutto e stabilire nuove regole gestite dal tribunale ordinario, questo dovrebbe essere l’obiettivo. Madri e padri naturali insieme come genitori, anche se separati tra di loro, non dovrebbero mai separarsi dai figli.