8/31/06

La professoressa a luci rosse



Non è un vecchio film di Tinì Cansino o di Edwige Fenech anni 80, ma è la realtà.

Si grida allo scandalo a Pordenone perchè una professoress, amante delle foto hard, è apparsa su un sito Internet in fotografie super sexy.

Si fa della vita privata e quella professionale una bella mischia e si rivoltano i genitori.

Eppure i preti col vizietto e le suore esibizioniste continuano a fare il loro lavoro tranquillamente e alcuni genitori mandano i loro bambini in 'alcune' parrocchie dove 'alcuni' preti già sono stati beccati nella loro vita privata.

Ma leggiamo bene l'articolo del Corriere della sera.


L'insegnante apparsa online senza veli assegnata per il secondo anno a una scuola media di Pordenone. E i genitori insorgono
PORDENONE - La contestata professoressa con la passione delle foto hard tornerà a insegnare nella scuola media di Pordenone anche il prossimo anno e i genitori dei ragazzi insorgono. Lettere e telefonate di protesta sono piovute sulla scuola, ultima puntata di una lunga vicenda, finita anche nelle aule dei Tribunali, della quale la professoressa è stata protagonista. A ravvivare in questi giorni proteste già avanzate in passato sono state le nomine 2006-2007 dei docenti del Pordenonese. L'avvenente professoressa di Lettere, che appare assolutamente integerrima sul lavoro, quanto disinibita fuori, è stata, infatti, assegnata nuovamente alla scuola media dove insegnava nello scorso anno scolastico. Solo che i genitori, già nel mese di giugno, avevano chiesto e - secondo quanto riferito da alcuni testimoni - ottenuto dal dirigente scolastico, rassicurazioni sul fatto che la docente sarebbe stata trasferita in un altro istituto. Ciò non è avvenuto e ora a Pordenone si è scatenata una sorta di «caccia alla porno prof». Per risolvere la questione, la scuola ha esaminato e proposto di spostare non è stata sufficiente per ammorbidire le posizioni degli agguerriti genitori, che non si rassegnano a che l'insegnante dei loro figli sia una star dell' hard on line. La professoressa pordenonese non è nuova ai clamori suscitati dalle sue foto. Quattro anni fa, i suoi alunni avevano scoperto le sue foto hard su Internet e, dopo averle stampate, le avevano appiccicate sui muri del bagno della scuola, con didascalie non proprio rispettose della loro insegnante. Quest'ultima aveva presentato una denuncia contro ignoti per diffamazione e ingiurie, sostenendo - fra l'altro - di non essere il soggetto ritratto nelle foto. Nei mesi scorsi, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Pordenone l'ha, però, condannata a cinque mesi di reclusione (pena sospesa) per simulazione di reato in quanto, durante il procedimento penale, è stato accertato che era effettivamente lei la donna ritratta senza veli. La vicenda è ora all'esame dei giudici di secondo grado ai quali la professoressa ha presentato appello.

(La foto sopra ritrae la mia amica Tinì) ecco un link dove si parla di noi due

http://www.comunicati.net/comunicati/varie/27746.html

www.cosmodelafuente.com

cosmo@cosmodelafuente.com

3 comments:

marcobiondo said...

Ma insegna ancora la tua amica Tini? No, sai avrei bisogno di un po di ripetizioni, sono un po arrugginito... magari potresti presentarmela invece che parlarne soltanto mentre saccheggi il tuo album delle foto scolastiche? ;) E l'isola dei famosi ha chiuso il casting? Si potrebbe proporre agli autori una bella gita di classe: sarebbe un revival divertente. No?

Anonymous said...

Provo a passarle il tuo messaggio, è sempre disposta a fare nuove e 'disinteressate' amicizie.
Ciao.
C.

Anonymous said...

ma non legge il tuo blog?
m