7/6/06

Alice:spuntano altri mostri









spuntano altri mostri


La piccola Alice è un’altra vittima del nostro sistema basato sui luoghi comuni e la superficialità delle istituzioni. Madre incapace di offrire protezione alla bambina vittima delle deviazioni mentali di un uomo che, non solo aveva in affidamento la figlia quindicenne avuta dal suo precedente matrimonio, ma che, stranamente, nemmeno è stato oggetto di un monitoraggio da parte delle istituzioni, del tribunale dei minori e dei servizi sociali, i quali avrebbero dovuto controllare la situazione di un nucleo familiare ad alto rischio.
Anna Serafini (Ds) sostiene che sarebbe necessaria la figura di un Garante per una maggiore tutela dei diritti dei bambini e degli adolescenti, diritti affermati nella Convenzione Onu di New York 1989, ratificata dall’Italia nel 1991. In realtà i nostri minori avrebbero bisogno di un vero e proprio tutor che svolga un’attività psicologica e di tutela e, quando serve, un avvocato difensore del fanciullo. Nelle coppie che si accingono alla separazione, infatti, ci sono solo due avvocati: per la moglie e per il marito, manca una figura medico legale che si occupi esclusivamente degli interessi dei figli.
Ciò di cui si lamentano le persone che hanno avuto a che fare con l’assistenza sociale è l’inesperienza e la superficialità di chi la rappresenta, spesso delegata a ragazzine inesperte che si riempiono la bocca di frasi del tipo : ‘io sono una professionista’. Un compito molto delicato per lasciarlo nelle mani di chi non è seriamente motivato e remunerato equamente.
Un patrigno, anche padre, Mauro Bronchi, ha ucciso una bimba di 5 anni sottoponendola a torture fisiche perché, a suo dire, era vittima della possessione da parte del demonio. Come si spiega che un undividuo del genere sia riuscito ad avere in affidamento una figlia avuta da un’altra donna? Bisognerebbe chiedere al tribunale che l’ha stabilito con quali criteri sia arrivato a questa scelta.
La totale assenza degli assistenti sociali, la leggerezza da parte di un tribunale (dei minori) istituito per la tutela dei bambini, aprono nuovi interrogativi. Non sarebbe meglio delegare tutto al tribunale ordinario che, almeno, conclude le pratiche in sei mesi, mentre quello per i minori ha dei tempi di circa tre anni.
Occorre istituire urgentemente una sezione famiglia, che si occupi,in maniera decisa e professionale, dei nuclei a rischio. Percorsi psicologici per tutti i componenti della famiglia sottoposta a stress e mobbing genitoriale. Nei casi in cui via sia un unico genitore affidatario, perché provato che l’altro non è in grado di farlo, un controllo da parte dei servizi sociali che devono, però, essere completamente trasformati. Psicologi, medici e pedagosisti, seriamente motivati e attenti. Non possiamo permettere che i nostri bambini continuino a rischiare per la noncuranza degli adulti. Oltre al mostro in prima pagina, quali sono i mostri nascosti che hanno contribuito a realizzare questo ennesimo delitto? Dal blog di http://www.familiafutura.blogspot.com/ parte una preghiera al ministro Rosy Bindi affinchè si adoperi all’urgente miglioramento della normativa sui diritti dei fanciulli e degli adolescenti.Non bisogna dimenticare che di fronte alla tutela dei figli non devono esistere limiti di responsabilità, altrimenti continueremo ad essere tutti responsabili di questi orribili atti compiuti da mostri esecutori con la complicità di altri mostri occulti. Senza dimenticare che ancora ad oggi gli affidamenti per figli di coppie regolarmente sposate e quelli delle coppie di fatto vengono gestiti da due tribunali diversi. Parzialità inaccettabile in fatto di diritti dei minori.
Cosmo de La Fuente
Caro ministro ti scrivo. Lettera a Rosy Bindi
Caro Ministro della famiglia,
malgrado lei non sia ‘madre’, contiamo sul suo amore di figlia, sperando che abbia avuto un bel rapporto con i suoi genitori. Tutti siamo ‘adatti’ a parlare di famiglia, perché inziamo a vivere come ‘figli’ e quindi facciamo sempre parte di una famiglia di origine.
Dietro la sua apparenza riservata, ci auguriamo si celi un animo ricco di sensibilità, in questo caso possiamo sperare che voglia lavorare affinché i bambini d’Italia non debbano più vivere il dramma della separazione da uno dei genitori, che, come sappiamo e ripetiamo sempre, nella maggior parte dei casi, per decenni, è stato il padre. Ma se non è ad uno dei genitori che vogliamo pensare, abbiamo l’obbligo di pensare ai bambini e al loro benessere psichico. Occorre che vengano privilegiati gli aspetti psicologici e culturali a quelli magistrali e giuridici che, invece, sono di competenza degli avvocati.
L’attuale maggioranza può trovare il modo di rendere applicabile la legge sull’affidamento congiunto che, com’è oggi, presenta delle lacune e ambiguità pericolose.
Per una volta il concetto per cui si pensa soltanto all’individuo va diretto anche ai bambini. Il valore da sviluppare è proprio questo. Pensiamo ai bambini e, di conseguenza, ai genitori.
Ne parlo a Lei che si è aperta ai Pacs, alle coppie omosessuali che vogliono adottare bambini, alle famiglie allargate e trasformate, ma, se vogliamo che l’opinione pubblica cominci ad aprire gli occhi, dobbiamo rendere forte la famiglia tradizionale. Come dire: ‘ricominciamo daccapo”, rinforziamo le basi se vogliamo poi edificare e sbizzarrirci in nuove nuclei familiari.
Innanzitutto i bambini!
Se il suo credo prevede la pari opportunità, in tutti i sensi, cominciamo ad applicare un sano ‘comunismo’ nel trattamento dei genitori separati in modo che la prole goda di mamma e di papà.
Applichiamo, sempre e comunque la nuova legge. Senza ma e senza sé, se parliamo di genitori degni, ovviamente.

Pari diritti, pari doveri…. Allora? Il colore politico non conta in questo caso, siamo in milioni in Italia : genitori, figli, nonni e parenti. Aspettiamo ansiosi che si apra quella porta, verso la libertà di essere “figli”…prima di tutto.
Parlo al cuore di Bindi, sperando che esista la buona volontà di concretizzare, di non cercare sempre e obbligatoriamente un capro espiatorio, di instaurare una sana cooperazione tra famiglie e Stato. Tuteliamo i bambini dagli atti distruttivi di alcuni genitori; dalla stupidità dei luoghi comuni. Costringiamo gli adulti a curarsi, con l’aiuto dello Stato, quando subentrano prese di posizione vendicative atte a distruggere la serenità infantile; facciamo che i genitori separandi siano energicamente invitati a seguire un percorso psicologico altamente professionale e gestito dal nostro sistema sanitario. Facciamo in modo che, questa volta, i servizi sociali svolgano il proprio compito nella maniera migliore, dando apporto e aiuto alle famiglie e non avventandosi come mostri di superficialità.
Le soluzioni esistono, è necessario utilizzarle. Di fronte alla serenità dei minori non esistono limiti di responsabilità.
Cosmo de La Fuente
NB: I CONTENUTI DEL BLOG POSSONO ESSERE PRELEVATI CITANDO L'AUTORE E LINKANDO A : WWW.FAMILIAFUTURA.BLOGSPOT.COM

7 comments:

Anonymous said...

A proposito di assistenti sociali,
Gli "assistenti sociali ideali" non esistono... esistono ragazzine
senza
figli e niente esperienza professionale che rovinano la vita dei NOSTRI
bambini...Mi irrita moltissimo sertir dire loro "Sono una
professionista"...professionista DI CHE????
Meglio Starci Alla Larga!

Per loro noi non siamo persone ma dei "casi" pietosi e noiosi...come
per gli
avvocati che ho conosciuto, la maggior parte di essi non è neppure
separata,
dunque non ci capisce ma soltanto si limita a GIUDICARCI...
Meglio Starci Alla Larga!

Ecco, io credo che debbano servire soltanto a dare qualche contributo
materiale laddove ce ne sia bisogno...stop.

Anonymous said...

CI sarà prima o poi un po' di giustizia e che paghi anche chi ha il potere? Come mai esiste una classe di intoccabili?

Enzo Rubinetti said...

Casi noiosi qualcuno ha detto. Effettivamente ci considerano dei matti e basta. Ho letto tutti gli articoli di Cosmo e anche altri che riguardano l'assistenza sociale e proporrei una cosa come per la patente a punti: dopo quattro o cinque errori (non gravi) e solo uno (grave) toglierei la qualifica a questi incompetenti. I punti li hanno messi perchè gli automibilisti non uccidessero più sulla strada, e ha funzionato. Anche questi incapaci e maledetti assistenti sociali che assistenti non sono per niente dovrebbero vedersela con un sistema simile.
A meno che non si cambi veramente tutto e ci siano veri e capaci, nonchè umani assistenti sociali.
ALtrimenti, come ha detto anonimo 1
: meglio starci alla larga!
Enzo Rubinetti (Bergamo)

Anonymous said...

Ciao Cosmo,
sai mica a chi posso chiedere, se tu non ne sei al corrente, che essendo gli assistenti sociali una specie di controllori a loro chi li controlla? Oppure possono permettersi di sbagliare senza nessuna responsabilità? Nessuna punizione? Niente di niente. Costantino

Anonymous said...

Quando la giustizia (per modo di dire) prende il suo corso non ce n'è per nessuno. Questi benedetti assistenti sociali, sempre più giovani e inesperti, partono già con un'idea ben fissa e nessuno gliela farà cambiare mai.
A nulla serve dimostrare che si è diversi da quello che vogliono dire loro, tanto...il gioco è fatto a priori. Qualcosa deve cambiare per forza.
Ho letto molti tuoi articoli Cosmo, ma solto ultimamente ho notato che hai cominciato a parlare di quanto sia ingiusto questo tribunale dei minori.
ENNIO

Fabio said...

avete tutti ragione ma vi debbo ricordare che lo stato cerca di stare vicino alla sua gente. E' vero gli o le assistenti sociali sbagliano, ma non è colpa della giustizia. Ricordate che la legge serve per far vivere equamente e civilmente le persone. La legge esiste anche x difendere le fascie più deboli. Quindi di errori nella se ne commettono e come, ma non si può fare niente.
Si dovrebbero mettere controllori su controllori che a loro volta dovrebbero essere controllati e cosi a seguire. Ma ricordo che lo Stato non è pergetto e bisogna riconoscere allo stato che è governato da uomini ed è nell'indole umana commettere errori!!!
Non ci si può fare niente anche se a rimetterci sono sempre gli innocenti, purtroppo.
Ma nulla si può fare.
Niente di niente.
Grazie a tutti per aver letto questo mio commento.
Gadaudio

Fabio said...

avete tutti ragione ma vi debbo ricordare che lo stato cerca di stare vicino alla sua gente. E' vero gli o le assistenti sociali sbagliano, ma non è colpa della giustizia. Ricordate che la legge serve per far vivere equamente e civilmente le persone. La legge esiste anche x difendere le fascie più deboli. Quindi di errori nella se ne commettono e come, ma non si può fare niente.
Si dovrebbero mettere controllori su controllori che a loro volta dovrebbero essere controllati e cosi a seguire. Ma ricordo che lo Stato non è pergetto e bisogna riconoscere allo stato che è governato da uomini ed è nell'indole umana commettere errori!!!
Non ci si può fare niente anche se a rimetterci sono sempre gli innocenti, purtroppo.
Ma nulla si può fare.
Niente di niente.
Grazie a tutti per aver letto questo mio commento.
Gadaudio